Traduttore: T. Dobner
Collana: Pickwick
Edizione: 2
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 23/01/2014
Pagine: 672 p.
  • EAN: 9788868361594
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,96

€ 12,90

Risparmi € 1,94 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 6,96

€ 12,90

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    zombie49

    09/12/2016 08:38:33

    Il dodicenne Jack si trasferisce con la madre dalla California alla costa del New Hampshire, per sfuggire alla sgradita presenza dello zio Morgan. Fa amicizia con Svelto, un inserviente di colore, che gli offre una pozione magica per trasferirsi in un universo parallelo affascinante e spaventoso. Là, nei Territori, Jack dovrà conquistare il leggendario cristallo del Talismano x salvare la vita della madre, malata di cancro. La storia è lentissima e noiosa, in una continua alternanza fra il mondo attuale e quello fantastico dei Territori, un luogo al tempo stesso medioevale e postmoderno, in cui gli incubi diventano realtà. Negli Stati Uniti degli anni ‘80 Jack incontra ogni sorta di ladri e maniaci, padroni più crudeli e avidi di quelli di Cosetta e Oliver Twist. I Territori sono l’ambientazione di una fiaba del terrore con alberi semoventi, un tenero lupo mannaro e Jack nei panni di Rambo. Ci sono elementi autobiografici nel racconto, alla luce delle successive rivelazioni di King: in quegli anni sua madre morì di cancro; la pozione è l’alcol, che gli consentiva di estraniarsi dalla realtà; il viaggio nel mondo della fantasia è la droga di cui faceva uso. La vicenda è banale, moralistica e infantile, un rifacimento delle storie ottocentesche con il Bambino Buono perseguitato da Cattivi di ogni specie, e con una variante sull’incubo nucleare. Il bestiario sfiora il ridicolo, il finale è delirante. I personaggi, il presente, il passato e il futuro si fondono x creare un disagio mentale da incubo di febbricitante. Il romanzo sembra una prova generale della saga della Torre Nera, in cui si ritroveranno alcuni personaggi, a cominciare dallo stesso Jack. Il libro è scritto a due mani con Peter Straub, come il successivo “La casa del buio”: insieme, le opere peggiori di King. Mi auguro che il sodalizio non debba più ripetersi. Molti anni fa avevo abbandonato il romanzo; ora, l’ho finito con un eroico sforzo di volontà. Uno dei libri più brutti che abbia letto.

Scrivi una recensione