Tempio dell'onore e delle vertù

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Guillaume Dufay
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Glossa
Data di pubblicazione: 6 giugno 2016
  • EAN: 8424562319035

€ 28,50

Punti Premium: 29

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Marina Caracciolo

    24/06/2019 12:34:31

    Il CD presenta uno splendido assortimento di 18 Chansons profane a più voci del grande musicista fiammingo, in parte su testo italiano e in parte francese, scritte all'incirca fra il 1415 e il 1435. Vi figurano alcuni delle ballate e dei rondeau più celebri dell'Autore, in particolare l'incantevole "La belle se siet au piet de la tour", oppure la dolente "Par droit je puis bien complaindre et gemir", o l'ispirata "Vergene bella, che di sol vestita", il cui testo è tratto dalla Canzone del Petrarca, o ancora la famosa "Se la face ay pale", sul cui tema Dufay scriverà poi l'omonima Messa. Un'antologia che permette di farsi un'idea alquanto precisa di quello che a quel tempi era senza dubbio il più grande musicista d'Europa, e che sapeva coniugare un'impagabile bellezza melodica con la suprema maestria del più severo contrappunto. Un disco - nella accuratissima esecuzione dell'ensemble "Cantica Symphonia" - assolutamente da non perdere.

  • Guillaume Dufay Cover

    Compositore franco-fiammingo.Le vicende biografiche. È quasi certa la sua educazione, come fanciullo cantore, nella cattedrale di Cambrai. Tra il 1420 e il '26 fu al servizio della famiglia Malatesta a Pesaro e a Rimini, dove compose il mottetto Vasilissa ergo gaude, la chanson Resveillies vous e il mottetto Apostolo glorioso per la consacrazione di S. Andrea a Patrasso, di cui Pandolfo Malatesta era arcivescovo. Tra il 1426 e il '28, mentre svolgeva la sua attività di nuovo a Cambrai e forse a Parigi, compose la Missa Sancti Jacobi. Dal 1428 è certa la sua appartenenza alla cappella pontificia in qualità di cantore. Nei cinque anni della sua permanenza a Roma compose vari frammenti di messe, magnificat, inni per le funzioni della cappella e mottetti per le circostanze di rilievo (come il... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali