La terra dei morti viventi di George A. Romero - DVD

La terra dei morti viventi

Land of the Dead

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Land of the Dead
Paese: Canada; Francia; Stati Uniti
Anno: 2005
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 14 anni
Salvato in 9 liste dei desideri

€ 7,00

Venduto e spedito da Juke Box

Solo 1 prodotto disponibile

+ 4,50 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
DVD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

I morti viventi vagano in una terra disabitata, mentre i pochi esseri umani sopravvissuti si sono rifugiati in una città fortificata per poter continuare a vivere le proprie vite. Ma al di fuori delle mura l'esercito dei morti viventi sta diventando sempre più numeroso.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,86
di 5
Totale 7
5
2
4
4
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    massi74

    09/02/2007 16:55:16

    La storia è più o meno sempre la solita ma gli attori recitano con buona vena e gli effetti speciali sono superbi,da vedere!

  • User Icon

    JD

    20/01/2007 21:53:39

    Dopo l'insuccesso(meritato)di"Bruiser",Romero torna a fare centro nel campo che gli è più congegniale,quello degli zombi.Aggiorna la storia a paure contemporanee,alza la posta in gioco rendendo gli zombi più simili a noi(un nuovo proletariato)capeggiati non a caso,da un benzinaio nero,in confronto ai quali gli umani rimasti sono ormai macchiette di se stessi(il ricco cattivo,i buoni emarginati,ecc...)L'ambientazione è sempre inquietante,lo splatter(con brevi ma divertenti abbuffate)è sempre ottimo,e l'ironia non manca.Divertente cameo per Tom Savini(la versione zombesca del teppista col machete in"Zombi")ma stavolta i trucchi non sono suoi,bensì della KNB.L'unica pecca è qualche sprazzo di digitale non proprio ottimo,e certi passaggi poco sviluppati.

  • User Icon

    felipao

    16/05/2006 19:41:31

    George A. Romero, il padre dei morti viventi stavolta a fatto un bluff. Paura O, attori sconosciuti (John Leguizam,Benny Blanco in Carlitos'way) la "nostra Asia Argento" e Dennis Hopper(Speed) sono gli unici che si salvano. Facendolo finire come è finito,si prospetta un seguito....Un seguito migliore si spera...

  • User Icon

    guerry

    02/12/2005 14:44:07

    superbo, innovativo, quasi perfetto!!la mano del maestro c'e' e si vede tutta!finalmente e' tornato il vero zombi, quello che barcolla, quello che adoro.non mi stanchero' mai di guardarlo. senza ombra di dubbio all'altezza dei capitoli precedenti.grazie romero.

  • User Icon

    Michael

    26/11/2005 23:32:02

    Quarto capitolo di una serie iniziata nel non molto lontano 1968, ma che non ha mai perso di vista un concetto fondamentale dell'horror politicamente scorretto: le idee e i concetti sono più importanti degli effetti speciali, peraltro straordinari. Romero è uno che ama il cinema e molte scene in questo film lo dimostrano: espliciti omaggi a John Carpenter con il carro blindato che sembra il treno di "Fantasmi da Marte", la città sembra un misto di "Blade Runner" e "Fuga da Los Angeles". Ultimamente credevo che l'horror fosse un genere morto e sepolto(guardando le ultime boiate di Wes Craven). Mille grazie George per avermi smentito.

  • User Icon

    Russell

    03/11/2005 13:30:00

    Di film sugli zombi ne hanno fatti una marea (spesso x nulla indimenticabili) ma questa pellicola ha qualcosa in +. Questo qualcosa si chiama George Romero! Pochi registi sanno ancora spaventare come lui (qui tutti gli spaventi sono avvengono al momento giusto, quando cioè meno te lo aspetteresti) e poco importa se qui siamo + dalle parti dell'action movie che da quelle dell'horror perchè la sapiente regia, il buon cast ed almeno 2 sequenze indimenticabili valgono in pieno il prezzo del biglietto. Una nota stonata c'è eccome.....dal momento che qui in Italia abbiamo i migliori doppiatori in circolazione è mai possibile non aver trovato qualcuna in grado di doppiare la fastidiosissima voce di Asia Argento? Sul serio, credo sia la cosa + terrificante in assoluto del film.

  • User Icon

    NICOLATOR

    29/10/2005 15:56:39

    La mia saga horror preferita nonchè la più famosa di tutti i tempi,iniziata nel lontano 1969,si chiude(sperando di no)con un film dove suspence ed effetti speciali molto <cruenti> sono combinati bene tra loro,dando allo spettatore quell'ansia che solo pochi film di questo genere sanno trasmettere.PER STOMACI FORTI.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  • Produzione: Universal Pictures, 2005
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 93 min
  • Lingua audio: Inglese (Dolby Digital 5.1);Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: dietro le quinte (making of); speciale: Shaun (protagonista di Shaun of the Dead) incontra George.; scene inedite in lingua originale; provini; commenti tecnici
  • George A. Romero Cover

    George Andrew Romero (New York, 4 febbraio 1940 – Toronto, 16 luglio 2017) è stato un regista, sceneggiatore, montatore, attore, direttore della fotografia e fumettista statunitense. La sua opera cinematografica ha contribuito a forgiare l'immaginario collettivo delle generazioni occidentali formatesi tra gli anni '70 e '80.Nato e cresciuto nel Bronx, da padre cubano e madre di origini lituane, dopo aver studiato arte, teatro e design al Carnegie-Mellon Institute, prende la decisione, a soli 14 anni, di diventare un regista. Nel 1953, già gira il suo primo cortometraggio, The man from the Meteor. Si iscrive al Carnegie Mellon University, e, dopo la laurea, comincia a firmare dei cortometraggi, degli spot commerciali e trailers di altre pellicole. In seguito, con... Approfondisci
  • John Leguizamo Cover

    Attore statunitense di origine colombiana. È uno dei più importanti attori ispanoamericani dell’ultima generazione, capace di unire un notevole carisma scenico a una recitazione scattante e ritmata. Il suo esordio risale al 1984 in Mixed Blood (Sangue misto) di P. Morrissey, ma il suo talento comincia a brillare in Vittime di guerra (1989) di B. De Palma. In seguito, è tra i protagonisti dell’indipendente I migliori del Bronx (1991) di J.B. Vasquez e recita ancora con De Palma nel 1993, interpretando il perfido Benny Blanco in Carlito’s Way. Importante il suo ruolo da protagonista in SOS Summer of Sam - Panico a New York (1999) di S. Lee, mentre nel 2001 è un logorroico Toulouse-Lautrec in Moulin Rouge di B. Luhrmann e nel 2005 è al fianco di A. Argento nell’horror di G. Romero La terra dei... Approfondisci
  • Dennis Hopper Cover

    Propr. D. Lee H., attore e regista statunitense. A fianco di J. Dean in Gioventù bruciata (1955) di N. Ray e in Il gigante (1956) di G. Stevens, si impone come attore con l'acido e spettacolare Il serpente di fuoco (1967) di R. Corman e come regista-attore con Easy Rider (1969), uno dei manifesti della controcultura americana. La storia dei due motociclisti hippy on the road che vengono fermati a fucilate viene assunta infatti come l'incarnazione delle paure della classe media americana. Nel 1971 dirige Fuga da Hollywood, film bizzarro, inconsueto e di nessun successo economico, tanto da alienargli per dieci anni la possibilità di girare. Il suo stile registico è spesso duro, aggressivo fino alla sgradevolezza. È il caso di Out of the Blue (1980), cronaca della sopravvivenza di una ragazza... Approfondisci
Note legali