Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Stripe PDP Libri IT
Terrorista - John Updike - copertina
Salvato in 12 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Terrorista
10,05 €
LIBRO USATO
Venditore: Librightbooks
10,05 €
Disp. immediata Disp. immediata (Solo una copia)
+ 5,50 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Librightbooks
10,05 € + 5,50 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Librightbooks
10,05 € + 5,50 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Terrorista - John Updike - copertina
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Ahmad Mulloy è un ragazzo diciottenne che vive a New Perspect, nel New Jersey. Sua madre è americana di origine irlandese e suo padre, sparito ormai da molti anni, era invece egiziano. Ahmad cresce praticamente da solo, in una società di cui riconosce ogni giorno di più i limiti e la superficialità. È un ragazzo serio e intelligente, ma si trova sempre più isolato nel mondo in cui deve crescere, incapace di entrare in contatto con i suoi coetanei, ragazzi e ragazze alienati, preda di false immagini di felicità, privi di qualsiasi valore guida. E nemmeno i professori riescono a convincerlo: Ahmad si sente respinto e comincia a giudicare, impietoso, un mondo di cui avverte il declino inesorabile. Ecco perché si avvicina, con la sua serietà e la sua fiducia, al Corano e all'imam della sua cittadina, lasciandosi convincere a lasciare gli studi per diventare un autista di camion. Ed è su un grande camion che il giovane Ahmad, lentamente plagiato dal religioso cui si è affidato, concepisce il progetto che deve porre fine ai suoi giorni: far saltare in aria il Lincoln Tunnel di New York.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2007
304 p., Brossura
9788860880239

Valutazioni e recensioni

3,25/5
Recensioni: 3/5
(8)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(4)
3
(2)
2
(2)
1
(0)
roberto
Recensioni: 4/5

Una scrittura estremamente realistica e precisa che funziona benissimo per una storia che fa riflettere e consente un'immedesimazione molto profonda.

Leggi di più Leggi di meno
Bruno di Geronimo
Recensioni: 4/5

La scrittura è eccezionalmente equilibrata tra letteratura e cronaca, romanzo e saggio, sotto l'egida rigorosa dell'ebraismo, inteso come filosofia di vita e punto di vista sociologico. I dettagli quasi maniacali che Updike illumina formano un lessico denso e significante, nella pittura di un quadro quanto mai realistico. E' il principio di realtà che infatti guida il romanzo. Ma la visione di Updike a mio avviso è troppo pessimistica, priva di speranza, come quella degli Ebrei che hanno perso la fede. E un Ebreo ateo è un ossimoro impossibile.

Leggi di più Leggi di meno
HULK
Recensioni: 4/5

Questo autore da 50 anni racconta gli USA, con ironia, dramma, la saga di coniglio etc. Libro coraggioso, ma credo abbia ragione , la banalità del male. Questo è quanto al solito colpisce il sottoscritto. Chi commette le atrocità più efferate è l'uomo 'Normale'. 'Mi limitavo alla conabilità' giustificazione di una rotella del genocidio nazista. Ma il male essendo banale, si tente a sottovalutarlo, oppure ad utilizzare la paura come mezzo per arrivare e gestire il potere. Alla paranoia del protagonista, un diciottenne plagiato,da un grottesco iman, fa da contraltare l'addetto alla sicurezza, cristiano rinato, anch'esso paranoico. Tra i due ,le persone che tirano avanti, lavorano male, ma che non concepiscono l'odio, il disprezzo per se stessi, come ragione di vita

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,25/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(4)
3
(2)
2
(2)
1
(0)

Conosci l'autore

John Updike

1932, Shilligton, Pennsylvania

Scrittore statunitense. Entrato appena ventenne nella redazione del «New Yorker», vi pubblicò poesie (raccolte poi in Pali del telefono, The telephone poles, 1963) e racconti (La stessa porta, The same door, 1959) che della rivista newyorchese hanno la cifra stilistica: il nitido funambolismo verbale, i toni dell’ironia e della nostalgia. Il romanzo breve Festa all’ospizio (The poorhouse fair, 1959) e i felicissimi racconti di Le piume del piccione (Pigeon feathers, 1962) rivelano gli sviluppi di una scrittura personale, delicata e nervosa, tesa a rappresentare le lacerazioni del quotidiano, le epifanie dello sguardo infantile, le trasparenze della memoria. Frattanto, in Corri Coniglio (Rabbit run, 1960 - tradotto da Bruno Oddera per Mondadori nel 1961), il suo...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore