Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Recensioni Tess dei d'Urberville

  • User Icon
    13/08/2021 13:39:51

    Hardy si conferma come uno dei più grandi scrittori in lingua inglese con un romanzo che è un autentico capolavoro e una protagonista indimenticabile. Tess entra di diritto nella schiera delle figure femminili destinate a lasciare una traccia indelebile nell'animo di ogni lettore.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    09/07/2021 14:25:13

    Un romanzo con una protagonista sfortunata e umile, che ci mostra a cosa le donne e gli strati più umili della società erano costretti a sottostare. Un classico imperdibile.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    09/07/2021 09:15:47

    Un classico assolutamente da leggere

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    08/07/2021 12:17:03

    Uno dei libri più belli e coinvolgenti che abbia mai letto! Mi sembra di aver vissuto io stessa le disavventure della povera Tess. Ho gioito, atteso e sofferto con lei. Certamente questo libro si colloca tra i miei preferiti.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    07/07/2021 12:01:38

    Dopo aver letto il romanzo non ho resistito alla tentazione di noleggiare il DVD del film. Tutto perfetto: i volti inglesi ottocenteschi, dai protagonisti ai comprimari, perfino una governante che appare, verso il finale, per un minuto e poco più, gli ambienti naturali ed urbani, i costumi, le acconciature (impagabile la treccia di Tess), la rappresentazione dei lavori agricoli. Il romanzo ha tuttavia una qualità irraggiungibile da qualsiasi pellicola: le descrizioni naturalistiche che, a mio avviso, contrariamente ad altre recensioni, sono totalmente adeguate. L’andamento delle stagioni si accompagna a quello della vicenda (lo sbocciare della primavera, il fulgore dell’estate, fino al gelo e allo squallore dell’inverno). La pellicola non è in grado di offrire tocchi naturalistici unicamente quando se ne avverte la necessità, obbligata com’è a fornire uno sfondo continuo all’azione. La peculiarità della letteratura di evocare senza rappresentare trova qui, se ce ne fosse bisogno, un’ennesima conferma.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    19/06/2020 22:54:15

    Un capolavoro per stile, costruzione dei personaggi e trama. Il pessimismo di Hardy si coniuga con l'indagine psicologica, la rara delicatezza e le descrizioni meravigliose.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    17/05/2020 11:23:02

    Un romanzo tragico, romantico, e suggestivo. Tess è un'eroina vittima dei suoi tempi, impossibile non compatirla e non sperare per lei un destino roseo. Hardy riesce a trasportarci in un'Inghilterra rurale, il paesaggio è parte essenziale della storia.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    16/05/2020 15:31:28

    Una figura femminile complessa e meravigliosa. Hardy mi ha completamente conquistata.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 21:53:50

    Un romanzo totalmente immerso nell'atmosfera rurale e suggestiva delle campagne inglesi, che non a caso gioca un ruolo fondamentale, divenendo quasi una protagonista del romanzo. Tess, la protagonista, è la vittima di un mondo crudele e patriarcale, e nonostante si dia molto da fare per migliorare la sua condizione, i pesanti fardelli del suo passato tornano sempre a tormentarla. Un romanzo suggestivo e passionale, che vi sorprenderà in positivo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    13/03/2020 13:48:54

    Storia d'amore dalle liriche tensioni che ti tengono costretto al suo cospetto!! Eccezionale, da leggere tutto d'un fiato!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    09/03/2020 17:46:34

    Una storia tragica, una protagonista schiacciata dagli eventi, dal fato e da una società maschilista e bigotta, in cui la donna è sfruttata lavorativamente per una paga esigua in condizioni che oggi sarebbero considerate proibitive. Una società che lascia che la donna, se giovane e carina, subisca le molestie e le attenzioni indesiderate degli uomini per poi metterla al bando ed additarla come sgualdrina.  Personalmente non sono rimasta colpita dalla scrittura, molto decantata, di Thomas Hardy, l'ho trovata prolissa ed eccessivamente descrittiva. Lo stesso intreccio narrativo si dipana per pagine e pagine in cui succede poco o nulla. Mentre sul finale, in cui tutti i nodi vengono al pettine, accelera in modo eccessivamente sbrigativo: in poco meno di venti pagine, con un paio di colpi di scena, si conclude la vicenda. La sensazione è che ad Hardy interessi più descrivere paesaggi e dinamiche sociali, anziché sostenere lo sviluppo narrativo e l'evoluzione dei personaggi con una trama forte. Interessante comunque critica sociale dell'Inghilterra vittoriana, tra depauperamento del proletariato, sfruttamento del lavoro, impoverimento della campagna ed esodo verso la città, in cui emergono gli abusi e soprusi dei signorotti, mentre la chiesa ipocrita e moraleggiante giudica ma senza pietà per le vittime. Dei vari personaggi non si salva nessuno, nè Alec signorotto arricchito e senza scrupoli, nè Angel intriso di teorie egualitarie ma incapace di compassione, nè i genitori di Tess egoisti e in cerca di un riscatto sociale. Sullo sfondo la povera Tess, troppo ingenua e troppo bella per sopravvivere in una società simile, un personaggio tragico, con una dignità e una bellezza, anche interiore, incredibili.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    10/10/2019 15:55:32

    I romanzi di Hardy sono tutti caratterizzati da una vena tragica a tratti melodrammatica che può in alcuni casi sfiorare lo stucchevole (a me piace molto come autore ma gli riconosco questa tendenza); però con Tess secondo me l'autore non scade mai nel tragico melenso, ma piuttosto la tragedia descritta sembra quasi epica e voluta dal fato. La felicità di Tess è infatti costantemente ostacolata da due forze a lei avverse: la società e la fortuna. Queste due forze cospirano insieme per la realizzazione di quel tremendo destino di cui lei stessa nel corso di tutta la sua vita ha un vago presentimento. La storia è triste ma credibile (con alcuni episodi che sacrificano sapientemente un po' di realismo al simbolismo a cui Hardy era affezionato), i personaggi ben tratteggiati e le descrizioni dettagliate, che qualcuno ha definito noiose, a parer mio sono lo sfondo necessario al dipanarsi della storia. Bellissimo libro, ma lo consiglio solo se si ha un gusto tragico.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    25/09/2019 15:14:25

    Ammetto di non essere una grande appassionata delle descrizioni, ma se messe in modo da fare da sfondo rendono la lettura coinvolgente; in questo libro invece straborda. Pagine e pagine di descrizioni naturali e con accenni di trama che poi non è nulla di che. Si dilunga sui drammi interiori senza azioni a controbilanciare. Non so, mi ha annoiato, troppe divagazioni sono solo uno sfoggio

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    23/09/2019 12:59:14

    Thomas Hardy è un sadico. E questo romanzo è la quintessenza del sadismo, il leit motive che circonda la protagonista è che non c’è mai limite al peggio. Tess non è la sfortunata eroina dickensiana, non c’è niente di socialmente edificante in questo romanzo. E non è nemmeno la fragile eroina romantica che pone fine alle sue sofferenze con una morte tragicamente lirica. La vita di Tess può essere definita una costante e inesorabile via crucis. Perchè Tess non è un caso umano ma IL caso umano per eccellenza. Un romanzo edificante nel suo essere assurdamente e implacabilmente sconfortante!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    22/09/2019 08:02:31

    Letteratura inglese, quindi mistero, sacrificio etc. La storia di una ragazza, Tess, che viene sacrificata per il benessere della sua famiglia.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/09/2019 10:17:13

    La cosa che mi ha colpito di più di questo libro è l’atmosfera sognante, onirica, in cui ti catapulta. Pur essendo ambientato nel diciannovesimo secolo e mostrando uno spaccato dell’epoca vittoriana, sembra aver luogo in un passato remoto e immutabile che ricorda l’antica Grecia, in cui la natura la fa da padrona e in cui Tess si muove come una dolce apparizione. Non mancheranno però numerose difficoltà e sfide che la vita metterà davanti alla ragazza, sfide che affronterà con forza e grazia. Una lettura appassionante e coinvolgente.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    20/09/2019 20:29:14

    In questo romanzo Hardy mi ha lasciato a bocca aperta! Non mi sarei mai aspettata un finale simile. Da leggere!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    09/09/2019 18:05:48

    Al liceo non amavo la letteratura inglese, ma devo dire che l'ho rivalutata grazie a Hardy. Storia bellissima, ho amato la dolceTess e lo consiglio a tutti.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    02/08/2019 08:08:55

    Storia avvincente!\nBellissimo classico consigliato

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    Mar
    10/03/2019 16:53:20

    Non ci sono parole per descrivere quanto ho apprezzato questo libro. Non solo offre tantissimi spunti di riflessione, ma permette al lettore di capire quali fossero le dinamiche di certi eventi che accadevano nel diciannovesimo secolo. La protagonista è Tess, vittima di una serie di sfortunate vicende che la porteranno a soffrire e, soprattutto, a crescere prima del tempo. Ma Tess dei d’Urberville non è solo una storia di soprusi, è anche una storia di lotta contro il male, un’opera di stampo femminista che trasmette un forte messaggio ai lettori e soprattutto alle lettrici: ogni donna possiede una grande forza interiore che può tirare fuori ogni qual volta lo desidera, ed è quella forza che le permette di andare avanti nella vita e di ricominciare in modo indipendente. Un altro importante aspetto del romanzo è l’apparente assenza di una giustizia che porta alla sensibilizzazione del lettore. Consiglio il romanzo a chi ama la letteratura classica inglese, data la splendida ambientazione nelle campagne anglosassoni ottocentesche, e a chi piace prendere consapevolezza delle ingiustizie esistenti da secoli nel mondo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    08/03/2019 21:56:30

    Il gusto è soggettivo, ma queste sono le pagine di un grande classico imperdibile

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    17/02/2019 09:07:16

    Classicone da non perdere. Tess è un personaggio meraviglioso che compie scelte non sempre condivisibili, atmosfera e personaggi secondari trattati benissimo e nel complesso ho trovato questo libro vero e puro.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    22/01/2019 21:30:22

    Una storia appassionata, struggente che racconta la vita di Tess dei D’Urberville, una ragazza ingenua vittima di un susseguirsi di eventi sfortunati con i quali dovrà fare i conti per tutta la vita a cui non potrà opporsi. Un destino crudele che la induce ad una vita solitaria e a vivere la propria sofferenza in silenzio anche se con coraggio e orgoglio. Colpevole della propria bellezza, quasi come fosse un peccato essere tale, Tess viene privata della sua ingenuità a causa di un uomo di nome Alec. Catapultata nel mondo adulto reagisce agli eventi ma inizia a fare i conti con una società con dei valori da rispettare che non giustifica nemmeno gli atti non intenzionali, che contempla distinzioni di classe e di religione. Anche Angel, il ragazzo di cui si innamorerà, e da cui sarà ricambiata, si lascerà influenzare dai principi di questa società, nonostante, inizialmente incarna nel romanzo il personaggio con una visione più aperta, che si distacca dalla propria famiglia per avere valori diversi. La storia di Tess è triste che lascia un senso di amarezza ma consiglio di leggerla, mi ha appassionata immediatamente. Una lettura scorrevole, oltre che piacevole, che proietta il lettore nei luoghi descritti e che permette di vivere le stesse emozioni della protagonista con la stessa intensità.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    18/09/2018 20:56:59

    Credo che ciò che mi rimarrà di questa lattura, più d'ogni altra cosa, è l'amarissimo sapore di ingiustizia che impernia tutta la storia. Tutto comincia con un errore di distrazione, per poi finire in uno scenario dannunziano e una fuga (che non era del tutto insospettabile, anzi, ma è comunque qualcosa che non ci si aspetterebbe di trovare in un libro simile e in più associata a un personaggio come Tess). "Tess dei D'Urberville" possiede una bellezza di paesaggi lugubri, dalla bellezza incantevole, ammaliante; possiede la verità di una vita campestre, di contestazioni sociali, la tremenda realtà dell'ingiustizia, che tutti colpisce, e più di tutti Tess, vittima del destino. Diventiamo un po' come la nostra eroina, la nostra Tess, e siamo increduli di fronte all'idea di un onnipotente che possa infliggere queste pene e poi castigare la sua creazione per questo. Tess rimane vittima ingenua, munita di poche difese, fino alla fine, anche nel gesto estremo. Le sue sono reazioni naturali, istintive, a un sentimento sconfinato e ossessivo. Ma la verità è anche che le è stata sottratta l'infanzia, che è stata strappata all'innocenza troppo presto, gettata in un mondo di individui che la denigravano e umiliavano per il suo sesso e il suo 'errore'. Quella di Tess è una storia triste, che frantuma il cuore; ma non ho potuto fare a meno di pensare che, almeno in quella dolce fuga verso un luogo sicuro, lontano dalla legge, Tess abbia trovato quella breve felicità coniugale che le è sempre stata preclusa.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    18/09/2018 18:04:59

    Tess dei d’Urbeville è stato il libro che mi ha fatto scoprire e apprezzare Thomas Hardy. La storia è lunga, ma la lettura è scorrevole e viene naturale immedesimarsi nella protagonista, una donna molto sfortunata ma forte e determinata, che viene travolta dalle vicende della vita, cade più volte ma prova sempre a rialzarsi. La scrittura di Hardy ti proietta nell’ambiente e nell’epoca in cui narra la sua storia. Consigliato, particolarmente agli amanti della letteratura inglese.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    10/02/2018 11:07:44

    Gran bel libro. Triste. Molto realista. Appassionato. Coinvolgente.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    24/05/2013 17:06:51

    Thomas Hardy era un appassionato quanto superficiale lettore di Schopenhauer....così riduce il pessimismo ontologico e il determinismo del filosofo tedesco, in un pessimismo meccanicistico da melodramma.....gli inserti meditativo-filosofici, poi, sono inverosimilmente banali....sicuramente meglio la descrizione della natura rurale inglese, che fa da sfondo partecipe agli avvenimenti....poco però per rendere questo libro più di un verboso romanzetto melodrammatico, dallo scarso spessore letterario....

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    02/05/2013 16:58:30

    Ovviamente bisogna leggere questo romanzo tenendo conto dell epoca in cui è stato scritto...altrimenti fa un pò sorridere il fatto che tre esistenze siano distrutte per un "segreto"che al giorno d oggi verrebbe accolto con un alzata di spalle...Detto questo,fino all ultimo ho sperato in una sorta di riscatto(se non di lieto fine)a favore del personaggio di Tess...ma non è avvenuto.Resta comunque un grande classico della letteratura,da leggere.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    14/11/2012 11:20:38

    sinceramente ,lette le critiche e data la fama attribuita al libro,mi aspettavo di piu'. alcune parti mi sono piaciute molteo,altre meno,le ho trovate noiose e a volte scontate. tess poi mi e' sembrato un personaggio ai limiti dell'assurdo

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    14/04/2012 13:46:11

    Scritto nel 1891, Tess dei d'Urberville è uno dei romanzi più intensi di Hardy. La tesi che lo scrittore del Dorset vuole dimostrare è che ognuno non deve sperare di migliorare la propria condizione perché sarebbe vano, ognuno deve stare al suo posto. In un Wessex dominato dal caso, dal destino, dalla natura matrigna e da una serie di indizi che sembrano presagire il finale tragico del romanzo (come il nome della città di Tess, Marlott, che significa 'destino distrutto), si snodano le tristissime vicende di Tess, che culminano con la sua morte a Stonehenge, in un vortice di neopaganeismo e ritualità popolare. Da leggere.

    Leggi di più Riduci