Salvato in 8 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Il testamento dell'uro
15,20 € 16,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
Il testamento dell'uro 150 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,20 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Max 88
16,00 € + 3,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Shop Mio
17,60 € + 2,98 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
15,20 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
15,20 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Emozioni Media Store
15,09 € + 5,75 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
16,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
LIBRIAMO
16,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
16,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
16,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
16,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
12,00 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libraccio
8,64 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,20 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Max 88
16,00 € + 3,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Shop Mio
17,60 € + 2,98 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
15,20 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
15,20 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Emozioni Media Store
15,09 € + 5,75 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
16,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
LIBRIAMO
16,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
16,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
16,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
16,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
12,00 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libraccio
8,64 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Il testamento dell'uro - Stéphanie Hochet - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Il testamento dell'uro Stéphanie Hochet
€ 16,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Una giovane scrittrice accetta di andare a presentare i suoi libri a un festival letterario nel sud della Francia, dove incontra una serie di bizzarri personaggi. L'atmosfera vagamente inquietante del paese si coagula soprattutto attorno a Vincent Charnot, il sindaco, che si rivela una sorta di guru, un visionario intenzionato a lasciare un segno alla posterità dedicandosi a progetti culturali trasgressivi. A questo scopo offre alla scrittrice un incarico a dir poco strano: redigere la "biografia" di una specie estinta da secoli, l'uro, l'animale preistorico che aveva affascinato persino i nazisti, al punto da spingerli a tentare di riportarlo in vita. Convinta dall'abile e carismatico sindaco e dagli esemplari di uro che le è stato permesso di vedere in segreto, la donna inizia a scrivere, trovandosi ben presto coinvolta in una cospirazione che si tinge sempre più di nero.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2019
12 settembre 2019
154 p., Brossura
9788862433662

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
antonio
Recensioni: 4/5

Avevo sentito parlare di questa scrittrice perché inserita in un romanzo di Amélie Nothomb. Devo dire che la fantasia non le manca, e lo stile sembra molto vicino all'amica belga, magari con qualche punta di cattiveria in più. La trama mi allettava molto, speravo in un salto fantascientifico più spericolato piuttosto che assistere ad una storia di fascinazione maschilista. C'è poi della fiaba, del mito. Appunto, come nella Nothomb. Ma devo conoscere le altre sue fatiche letterarie, non voglio credere ad un calco.

Leggi di più Leggi di meno
lunarili
Recensioni: 5/5

originale. una delle piùbelle letture del 2019 per me

Leggi di più Leggi di meno
parigi
Recensioni: 3/5

Curioso, ben scritto, per lunghi tratti appassionante, per altri anche noioso. Nonostante il finale, da l'impressione di una vicenda non terminata. In ogni caso interessante.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

«Perché vogliono resuscitarlo? La risposta ora mi sembra evidente: è il re degli animali in un’epoca in cui l’uomo non è la specie dominante del pianeta. E il precursore di tutti gli dèi».

Giornalista per Le Jeudi e autrice di undici romanzi di successo, vincitori di premi prestigiosi, apprezzata in Italia grazie alla traduzione dal francese dei suoi Sangue nero, Elogio del gatto e Un romanzo inglese, la scrittrice Stéphanie Hochet torna con un nuovo libro dal curioso titolo Il testamento dell’uro (154 pagine, 16 euro), pubblicato dalla casa editrice Voland e tradotto da Roberto Lana.

Tra mito e realtà, l’ultima fatica della Hochet si snoda fluida, con vapori deliranti, sonnambolici e inquieti nel racconto di una giovane donna (della quale non sapremo mai il nome), scrittrice per mestiere e vocazione, che non ha ancora trovato il suo spazio nella rosa dei letterati di successo. Viene invitata come ospite a partecipare ad un tour letterario, in un paesino immerso nella campagna a sud della Francia, per parlare della sua ultima fatica letteraria. In un primo momento ogni cosa le appare affascinante e a tratti magica. Come ogni scrittore emergente, anche la giovane autrice spera che quelle presentazioni, nei luoghi più singolari, possano servirle a scalare l’olimpo desiderato, ed essere infine pensata come una prestigiosa scrittrice. A Marnas, la donna si imbatte in una atmosfera suggestiva, incantevole e incantata ma lontana dalla realtà. Il caratteristico borgo, immerso in un trionfo bucolico di natura selvaggia, presto si trasforma in un indecifrabile ginepraio,fatto di bisbigli e oscure verità.

I sentimenti di smarrimento e stupore poco per volta affiorano nella mente della protagonista quando farà la conoscenza di certi personaggi del paese, ambigui e inverosimili; inoltre il buon vino del sud non aiuterà la lucidità dei sensi che spesso le resteranno offuscati: il tutto rende l’atmosfera del racconto ancora più conturbante. Il sindaco del paese, Vincent Charnot, uomo entusiasta e deciso, autorità indiscussa, ma assai discutibile del villaggio, coinvolge la giovane promessa in un progetto tanto ambizioso quanto oscuro: riportare in vita – attraverso la scrittura – l’uro, animale preistorico raffigurato nelle pitture rupestri. Nel momento in cui la scrittrice accetta di adempiere a questo compito e assecondare quella che ritiene essere la stravaganza di un uomo egocentrico, si ritrova ospite in casa di due individui, silenziosi e bizzarri esattamente come gli altri, incontrati in paese. In quel luogo sinistro perde la cognizione del tempo, trascorre i giorni segregata nella loro casa di campagna; reclusa e lontana da ogni servizio di comunicazione, con la mente annebbiata dal vino e dal contesto, scaturiscono in lei sentimenti di stordimento, confusione, paura, disperazione e desiderio di fuga.

Emozioni che a tratti sembrano rasentare perfino la follia, esattamente come accade a Paul Sheldon, lo scrittore protagonista del romanzo di Stephen King, Misery non deve morire, che si ritrova, suo malgrado, prigioniero di Annie, una donna, che si prende cura di lui, dopo averlo salvato da un grave incidente di auto. Annie, ex infermiera, si rivela essere però una ossessionata lettrice dei suoi libri, e nella oscurità della sua abitazione di montagna, le iniziali cure amorevoli verranno intervallate da brevi distonie umorali che si sostituiscono ben presto a violenze fisiche e psicologiche facendo emergere la vera indole di Annie, la quale lo costringe a scrivere il sequel di una storia in cui la protagonista, Misery appunto, non deve morire. Come per la Annie di King, anche per il sindaco di Marnas, l’uro non deve morire, anzi deve tornare in vita. E il miracolo lo dovrà compiere quella giovane, ambiziosa scrittrice.

La stesura del progetto a cui la giovane donna aderisce, attraversa varie fasi emozionali: Charnot conosce il punto debole della giovane, stuzzica la sua vanità, e al suo cospetto muta continuamente volto. Si mostra allievo e maestro, intellettuale vizioso, autorità dal fascino diabolico. Solletica la sua aspirazione, la induce a gustare la magniloquenza del suo piano di cui lei sarà fautrice, la affascina con poche e significative parole, la insegue, la abbandona, la adora. E  in questo mescolio di delirio e sogno, tentazione, culto del male e del bene, la Hochet diventa grandiosa. Il linguaggio cambia continuamente, il ritmo della narrazione segue la metamorfosi del personaggio. Fluidità e lucidità cedono spazio a un’angoscia crescente. Lo stato di rilassatezza si alterna a quello di smarrimento, euforia, follia: un vero furore distopico, degno di Orwell, resi in maniera efficace dal continuo dialogo che la protagonista ha con se stessa. Realtà e immaginazione, in un continuo gioco di specchi deformanti, deformano a loro volta lo stato emotivo della scrittrice che approccia al progetto, prima attraverso lo studio scettico e distaccato, insieme alla fretta di terminare il compito che le è stato assegnato; poi, con una fascinazione crescente verso quell’essere antico e mitologico, per terminare con bramosa frenesia di ottenere un immediato successo, attraverso la realizzazioni del programma di Charnot.

“Nell’animo umano, gli eventi diventano reali quando sono accompagnati dal linguaggio” e “nulla è più entusiasmante di una leggenda”

Il sindaco del paese, amante della caccia e del medioevo, con una macabra inclinazione verso la tassidermia, in collaborazione con una misteriosa ‘Organizzazione’, si proporrà di seguire le orme di questo piano di rinascita dell’uro: progetto non esattamente esente da affinità storiche; negli anni Trenta infatti, due fratelli tedeschi, gli Heck nazisti, tramite l’incrocio di bovini domestici e da combattimento, avevano condotto questo ‘esperimento’ per ricreare una razza estinta da tempo.

Nel progetto di Charnot vige l’idea di far rinascere l’energia conquistatrice, l’impulsiva temerarietà e la virile “primarietà” perdute. Agisce come un Giasone, incantato dalle dicerie sul vello d’oro, e intenzionato a riportarlo in vita per adorare il nuovo essere, maschio e maschilista: il sacro estinto. Charnot-Giasone per riesumare il vello dell’uro si fa aiutare dalla Medea-scrittrice, ignara e ingenua. E chissà se come Giasone, anche Charnot sarà portato a cadere nella trappola della sua stessa ombra. O la Medea- scrittrice rapita dalla smania di ambizione ignorerà ogni possibile riflessione sulle conseguenze del suo agire.

Recensione di Margherita Ingoglia

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore