Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

The father. Il padrino dei padrini - Vito Bruschini - ebook

The father. Il padrino dei padrini

Vito Bruschini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 610,61 KB
  • EAN: 9788854128675
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 3,49

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dalla Sicilia agli Stati Uniti d’America l’epopea dell’organizzazione criminale più potente della storia.

Nel cuore della Sicilia si nasconde un segreto che non può essere svelato. Una trama di amore e morte che affonda le sue radici nei latifondi dei ricchi possidenti e nel sangue dei contadini asserviti a interessi contro cui niente e nessuno sembra in grado di lottare. Succede, in questa terra bellissima e disperata, che un principe – Ferdinando Licata detto U Patri – capisca il mutamento dei tempi, scendendo a patti con le rivendicazioni di chi non ha mai avuto nulla se non le braccia per lavorare. La malvagità, però, è sempre in agguato e, in una situazione di crescente sopraffazione, l’America appare come l’ultimo rifugio. E sarà proprio nel nuovo continente che il principe Licata saprà far fruttare il suo prestigio. Mentre le note della musica jazz tentano invano di far dimenticare l’imminente guerra contro la Germania nazista e i suoi alleati, Licata scoprirà la potenza di un’organizzazione destinata a regnare su tutti i traffici compiuti dentro e fuori gli Stati Uniti. Inizia così l’ascesa di Cosa nostra: una società segreta talmente forte da dettare legge agli stessi politici e in grado di pilotare persino lo sbarco degli alleati in Sicilia al culmine della seconda guerra mondiale. Qui, nel luogo in cui tutto è cominciato, c’è ancora una donna bellissima che aspetta. Ed è sempre qui che, con un inatteso colpo di scena, il bene e il male si confonderanno.

«No, non c’è da rimpiangere Mario Puzo. Perché The Father Il padrino dei padrini di Vito Bruschini è un thriller dal respiro epico e dal forte impatto narrativo.»
Francesco Fantasia, Il messaggero

«The father, il primo romanzo di Vito Bruschini, dimostra come la capacità di saper riprodurre la ricca ambiguità che accompagna la vita, sia il modo vincente di raccontare una storia.»
Silvana Mazzocchi – La Repubblica

«Un nuovo padrino tutto italiano e che sarà film.»
Paolo Petroni, ANSA

«Bruschini, da giornalista, riscrive la storia con nuove verità, e, da scrittore, confeziona un romanzo nato per essere un film che porta dalla Sicilia all’America, e ritorno. Un tema, la mafia, svolto in modo credibile. Avvincente.»
Cristina Taglietti, Io donna

«Costruito con talento da uno scrittore formidabile.»
Giovanni Choukhadarian, Il Giornale

«Una trama fitta di azione e colpi di scena, persecuzioni razziali, loschi affari, passioni torbide e amori. (.) È materia iperbollente, trattata però sotto il segno della saga.»
Beppe Benvenuto – La Repubblica

«Un romanzo con personaggi inventati e insieme credibili per i tanti modelli veri a cui si ispira e una ricostruzione d'ambiente fedele e minuziosa che fa immergere chi legge in una realtà evocante di vecchie fotografie. Immagini d'epoca, ma di un fenomeno che ancora oggi inquina la nostra società.»
Silvana Mazzocchi – La Repubblica


Il libro prende spunto dal dossier del 1945, sull’affondamento del Normandie nel porto di New York. Il documento, tenuto segreto fino al 2003 e che l’autore ha potuto consultare, rivela la verità sul sabotaggio, azione che non fu opera delle spie naziste come si era ritenuto, bensì di Cosa Nostra. L’episodio storico, non ancora ufficialmente chiarito, che ispirò Hitchcock per il film I sabotatori (1942).


Vito Bruschini

giornalista professionista, dirige l’agenzia stampa per gli italiani nel mondo «Globalpress Italia». Con Giorgio Bocca ha scritto le dieci puntate di Storia degli Italiani - Dall’Unità al Terrorismo mentre, per il teatro, è stato autore di Sotto un cielo di bombe, una rievocazione del primo bombardamento di Roma. The Father è il suo primo romanzo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,29
di 5
Totale 7
5
5
4
1
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Nicola81

    05/02/2010 16:19:09

    Romanzo sulla mafia vecchia maniera: il proliferare della criminalità viene visto come conseguenza delle ingiustizie sociali e dei soprusi del potere, e si rimpiangono gli uomini d'onore di una volta. A volte didascalico e a volte evasivo, popolato da un gran numero di personaggi inventati e non (qualcuno, secondo me, perso inspiegabilmente per strada), poggia però su una trama piuttosto solida (fatta eccezione per qualche inevitabile scena madre) e su una ancor più solida ricostruzione storica, abbracciando un periodo che va dall'imminente instaurazione del regime fascista allo sbarco degli Alleati(?) in Sicilia e inserendo tematiche come la persecuzione degli ebrei e l'immigrazione negli Usa (molto convincente, in tal senso, la descrizione della metamorfosi di Saro da ragazzo - modello a delinquente). Nel complesso, pur con i suoi limiti, una lettura piacevole e interessante, e chissà che non ci scappi un sequel...

  • User Icon

    Giacomo

    09/01/2010 23:00:07

    Bello,bello,bello...è uno di quei libri che quando non lo leggi,non vedi l'ora di ritagliarti 5 minuti per scoprire che ne sarà dei personaggi nelal pagina dopo..di quelli che commenti tra te e te i fatti narratti tra le righe. Più o meno tra 100 pagine arriverò alla fine e già penso che mi mancherà non leggere più di Saro,Ferdy Licata e tutti gli altri..

  • User Icon

    solomon levy

    05/01/2010 10:33:56

    Questo romanzo, quasi 500 pagine, "me lo sono mangiato" in 5/6 giorni e l'ho trovato davvero avvincente con un intreccio costruito a regola d'arte (quasi alla Ellroy direi...). In due parole: m'ha emozionato. Tra tanta monnezza che c'è in libreria oggi, è bello poter leggere qualcosa che faccia ritrovare il piacere di star svegli fino a tardi e che ci liberi dalla solita paccottiglia adolescenziale o dall'esoterismo d'accatto (o dai libri di Vespa)...

  • User Icon

    roberta magli

    04/01/2010 11:29:55

    Il romanzo è davvero molto bello, una storia che mi ha rapita narrata in modo piacevole e scorrevole, ma anche con una estrema conoscenza e coscienza storica e politica dei fatti narrati, che riesce a dare al romanzo anche un aspetto giallo.

  • User Icon

    Carmelo

    22/12/2009 10:32:39

    Ho letto il primo capitolo nel piccolo estratto allegato al Venerdì di Repubblica, e mi chiedo, è possibile ancora scrivere in questo modo, a botte di frasi fatte e luoghi comuni degni dei peggiori Gialli di serie c? E anche morbosamente splatter...

  • User Icon

    domenico

    17/12/2009 10:33:18

    Un libro davvero appassionante che, nonostante le 475 pagine, si legge tutto d'un fiato. La trama intricata e ben costruita, che si appoggia anche su fatti e personaggi storici reali e che si dipana lentamente sino alla fine, è davvero convincente e avvincente. Una bella sorpresa.

  • User Icon

    Mary

    14/12/2009 14:13:59

    Appassionante, ricco di colpi di scena, si legge veloce, anzi si beve.. la cura nella descrizione dei particolari rende chiara l'immaginazione, sembra di vedere un film!!! ottimo!

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  • Vito Bruschini Cover

    Artista, designer, giornalista professionista, dirige l’agenzia stampa per gli italiani nel mondo «Globalpress Italia». Con Giorgio Bocca ha scritto le dieci puntate di "Storia degli Italiani - Dall’Unità al Terrorismo" mentre, per il teatro, è stato autore di "Sotto un cielo di bombe", una rievocazione del primo bombardamento di Roma. Il suo primo romanzo, edito da Newton Compton nel 2009, si intitola "The Father. Il padrino dei padrini" e parla della storia della mafia dalla Sicilia agli Stati Uniti. In seguito, sempre con Newton Compton, ha pubblicato anche "Vallanzasca. Il romanzo non autorizzato del nemico pubblico numero uno" e "La strage. Il romanzo di Piazza Fontana", riscuotendo un notevole successo di critica e pubblico. Il suo ultimo romanzo... Approfondisci
Note legali
Chiudi