Three Meditative Variations - CD Audio di Johann Pachelbel,Liv & Let Liv

Three Meditative Variations

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Liv & Let Liv
Compositore: Johann Pachelbel
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Invincible
Data di pubblicazione: 17 gennaio 2015
  • EAN: 0039848026422

Nella lista dei desideri di 1 persona

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nella lista dei desideri di 1 persona

Un affresco sonoro delicato e raffinato che esplora i regni interiori della mente consapevole, appositamente composto e suonato con 60 battiti al minuto, ossia la velocità a cui batte il cuore di una persona che sta dormendo. Liv & Let Liv è il duo composto da Liv Singh, noto musicista nominato ai Grammy che vanta collaborazioni con artisti come Snatam Kaur, Singh Kaur, Alice Cooper, Diana Ross, Chick Corea e molti altri e da Livtar Singh, alias di Kevin Stoller, musicista di stampo classico che col tempo si è anche interessato a jazz e rock. In "Pachelbel - Three Meditative Variations with Ocean" i due musicisti offrono tre variazioni meditative del famoso "Canone in D" di Johann Pachelbel, suonate con arpa, chitarra a dodici corde, oboe e pianoforte, oltre ad un rilassante sottofondo creato dal suono delle onde dell'oceano. "Pachelbel - Three Meditative Variations with Ocean" è un album ideale per rilassarsi, meditare, sognare e per raggiungere un elevato rinnovamento interiore.
  • Johann Pachelbel Cover

    Organista e compositore tedesco. Dopo gli studi a Norimberga, fu organista a Vienna e in diverse città e corti tedesche. Virtuoso fra i più noti in Europa, compose elaborazioni di corali, variazioni, fantasie, toccate, fughe, ciaccone e suites per organo e clavicembalo; 6 partite per due violini e basso continuo; mottetti e cantate sacre. Le sue composizioni per organo, che risentono l'influsso della scuola italiana, specie nella cantabilità delle linee melodiche e nella semplicità armonica, rinvigorirono la tradizione tedesca del corale elaborato. Interessanti anche le suites per clavicembalo (1683), che per la disposizione progressiva delle varie tonalità in cui furono scritte (do maggiore, do minore, re maggiore, re minore ecc.) precorrono il bachiano Clavicembalo ben temperato. Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali