Editore: Sometti
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 1 gennaio 2008
Pagine: 160 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788874952717
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gian Paolo Grattarola

    02/11/2008 15:12:01

    Giancarlo Oliani, giornalista della Gazzetta di Mantova, rovistando negli archivi della testata reperta fatti di cronaca nera relativi allo scenario locale di fine Ottocento e li traspone in questa raccolta di racconti, in cui titolo e immagine di copertina sono già di per sé fortemente evocativi. La gelosia, con tutte le ambiguità e le varianti del caso è l’elemento costante, il filo conduttore che innerva la trama dei racconti, il movente di ogni delitto. Senza mai perdere la rotta, l’autore lega i destini di personaggi assai distinti che si combinano in un dipanarsi di ricordi, suggestioni e moti del cuore, in una sorta di commedia sociale dove ogni elemento trova il suo posto andando ad arricchire l’insieme. Una dolorosa meditazione sulla stretta finale in cui precipita l’animo umano ogni qualvolta venga attraversato dall’amore.

Scrivi una recensione

Questo romanzo giallo-noir di Giancarlo Oliani, apre una finestra sui delitti della passione; quando l'amore malato, ossessivo, orgoglioso, o semplicemente ferito, si trasforma in un crimine efferato. Tre assassini, tre diversi delitti ma un unico movente. Il destino li fa incontrare in carcere, dove qualcuno già conosce le loro storie. Lo scenario è quello mantovano, di una città a cavallo tra Ottocento e Novecento, con i suoi vicoli, le sue osterie, i suoi bordelli: luoghi dove si consumano i delitti più mostruosi. Storie di cronaca vera che rivelano il volto nascosto di una città e di una provincia che riporta alla mente i vicoli descritti da Dickens, alle prese con la fame, la povertà, le disuguaglianze sociali e i pregiudizi.
Su questo palcoscenico la donna, sia essa moglie, madre, amante o puttana continua ad avere un ruolo preminente, anche quando è vittima. Ancora una volta vanno in scena le passioni, fuori e dentro le aule dei tribunali, e ciò che sembra morto e sepolto risorge in un¹esplosione di sentimenti, forti e contrastanti.