Categorie

Piero Degli Antoni

Collana: Pandora
Anno edizione: 2015
Pagine: 312 p. , Rilegato
  • EAN: 9788820058302
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati oppure usato:

Quando Galeazzo si riebbe, Agata era inginocchiata accanto a lui.in un istante riprese il contatto con la realtà. Ricordò la scoperta della sala da musica, Marie, l’arrivo di Agazzi, lo sparo…Galeazzo piegò la testa. Era disteso a terra. Poco più in là l’arpa rovesciata. In fondo alla sala Perla teneva a sé Marie in modo che non vedesse i particolari più drammatici. All’improvviso Galeazzo ebbe coscienza del dolore, come se qualcuno gli avesse infilato un paio di forbici nel fianco. (Galeazzo, pag. 330)

Sono passati cinque anni da quella notte terribile, quando la vita di Perla, restauratrice di filmati d’epoca, venne sconvolta da una violenza inaudita che le strappò il marito. Della figlia, la piccola Marie, non vi è più traccia. Perla sembra essersi arresa al dolore e alla perdita fino a quando, improvvisamente, non riceve una telefonata al lavoro. È Marie che la sta chiamando. È viva ed ha bisogno del suo aiuto. La comunicazione viene troncata di colpo e Perla decide di rivolgersi alla sola persona di cui ha piena fiducia, la sua avvocatessa Agata. Quando Perla le rivela dell’improvvisa telefonata di Marie, la donna resta turbata. Ma la polizia non ha intenzione di riaprire un caso che era finito in un vicolo cieco anni prima, solo per una telefonata. Solo un uomo può aiutare le due donne a scoprire cosa è successo veramente quella notte e a ritrovare la bambina scomparsa e quell’uomo è una vecchia conoscenza di Agata. Il suo nome: Galeazzo d’Adda.

Sconvolgente. Non credo di essere in grado di trovare altre parole per descrivere questo libro. Piero degli Antoni, già affermato autore di thriller, si supera con un nuovo, agghiancciante quanto entusiasmante romanzo che promette adrenalina pura fin dalle prime pagine. Edito dalla sapiente casa editrice Sperling&Kupfer, Ti porterò nel buio si caratterizza per una prosa scorrevole e piacevole che vede l’autore molto più maturato rispetto al suo ultimo libro. Una storia semplice nella sua idea base, ma non scontata e portata avanti con grande bravura e maestria. Un eccellente thriller che vi lascerà una fresca ed elettrizzante sensazione di inquietudine.

Recensione di Gabriele Scandolaro

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giorgia

    16/07/2015 17.21.44

    Seguo quest'autore sin dai suoi primi libri, un pò per campanilismo e soprattutto per il suo stile narrativo: incisivo e denso. Ad ogni nuova opera sa reinventarsi ed anche questa volta è riuscito ad appassionarmi e intrigarmi con il tema dell'ipnosi. I due personaggi principali poi sono splendidi e il finale è inaspettato. Finalmente, poi, ha fatto la presentazione nella nostra città, Bergamo, ed è stata molto simpatica, colorata (con accompagnamento musicale dal vivo) e interessante (ospite l'iponologo Petr Zivny). Sempre bravo Piero!

  • User Icon

    Anna Devecchi

    24/06/2015 17.45.31

    Non mi e' piaciuto....l'inizio era buono, e mi ha convinto, poi pero' diventa piuttosto noioso fino al prevedibilissimo finale...piu' che un thriller lo definirei un romanzetto giallo-rosa, insomma leggibile ma non un granche'.....

  • User Icon

    diego

    16/06/2015 18.48.05

    Un thriller anomalo, il cui protagonista non è il solito commissario ma un ipnoterapeuta che investiga nell'inconscio della vittima di un'aggressione. Ma non per questo è meno intrigante, anzi. I colpi di scena si susseguono a un ritmo vorticoso e i due personaggi principali, Galeazzo e l'avvocatessa Agata, che si attirano e si respingono allo stesso tempo, sono simpatici e resi molto bene. Sullo sfondo, la Milano meno nota della Martesana e dei Navigli. Mi sono divertito.

Scrivi una recensione