Categorie

Ti sembra il caso? Schermaglia fra un narratore e un biologo

Erri De Luca,Paolo Sassone-Corsi

Editore: Feltrinelli
Collana: Varia
Anno edizione: 2013
Pagine: 101 p., Brossura
  • EAN: 9788807491436

14° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Scienze, geografia, ambiente - Argomenti d'interesse generale - Filosofia della scienza

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 4,86

€ 9,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Oct326

    18/05/2013 23.51.52

    "Schermaglia" è un titolo sbagliato: non c'è nulla di conflittuale in questo libro. È un bonario scambio di lettere tra lo scrittore Erri De Luca (a Napoli) e lo scienziato Paolo Sassone-Corsi (in California): lo scrittore, per lo più, chiede, fa domande su certi risultati della biologia e su ciò che significano per la vita umana; lo scienziato, per lo più, risponde con spiegazioni di questi risultati e parla un po' dell'attività del ricercatore. Si muovono su due piani abbastanza diversi, e ho l'impressione che non riescano a capirsi del tutto; questo si nota anche nella differenza dei rispettivi stili e approcci, più divagante e libero quello dello scrittore, più solido e organizzato quello dello scienziato. Forse è questo l'aspetto più notevole di questo libretto per nulla memorabile, perché in ciò che si dicono, tutto sommato, non c'è proprio nulla di acuto, profondo, nuovo, né particolarmente interessante.

  • User Icon

    Egome

    20/04/2013 09.44.58

    Fiacco e mal riuscito tentativo di 'schermaglia' ( ma dove ? In realtà solo una specie di epistolario manieristico e reciprocamente complimentoso) fra il narratore e gli amici biologi su argomenti scientifici e filosofici di diffusa attualità, con l'obiettivo mancato di incuriosire e coinvolgere il lettore. Quest'ultimo sui sente trattato come un bambino delle elementari di fronte a modesti ma supponenti maestri, che si sentono ' ispirati' (!) nell'enunciare 'ovvietà' a tutti note. Non convince per niente e non ti lascia niente. Sembra sia solo un maldestro tentativo di scrivere per ragioni commerciali ... E' proprio vero: "legere necesse est, scribere non necesse!"

Scrivi una recensione