E il torto diventerà diritto

Shemuel Y. Agnon

Traduttore: D. Lattes
Editore: Bompiani
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
In commercio dal: 10 ottobre 2001
Pagine: XXIV-140 p.
  • EAN: 9788845249808
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Usato su Libraccio.it - € 3,48

€ 3,48

€ 6,46

3 punti Premium

€ 5,49

€ 6,46

Risparmi € 0,97 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabrizio Porro

    09/08/2012 05:36:16

    Forse nessun angolo di provincia ha avuto tanti e così grandi poeti (poeti in prosa più che in verso) come lo shtettel, il borgo o la cittadina ebraica galiziana, una qualunque delle innumerevoli cittadine in cui, fino alla strage nazista, si e svolta la povera, avventurosa e pittoresca vita degli ebrei tra la Germania e la Russia. Da Salomon Maimon a Isaac L. Peretz, , da Shalom Aleichem a Scholem Asch, dagli scrittori praghesi a Isaak Babel', una grande pagina della letteratura ebraica e yiddish è stata scritta su questo singolare, incantevole, unico e mai estinto paesaggio di piccole vecchie sinagoghe, di mercati e di vagabondi. Shemuel Y.Agnon, uno degli ultimi se non davvero l'ultimo narratore che possa fondere nelle proprie pagine l'autobiografia, la favola e il ricordo di questo mondo, ne è anche il piu' grande e ricco interprete. Il suo romanzo è veramente una breve e intensa odissea del ghetto galiziano che, per la smorzata tragicita dei personaggi e per la singolarita di una prosa di incomparabile suggestione, puo' stare soltanto a fianco di Isaak Babel'. Un capolavoro.

  • User Icon

    claudio

    05/10/2008 16:23:22

    Con la traduzione degli anni '20, il romanzo, da alcuni considerato il capolavoro del premio Nobel, ha ancor di più i tratti del racconto sullo sthlet, il famoso villaggio yddish, sparito completamente dopo la barbarie nazista. Ricorda anche capolavori di altri scrittori, come Singer. Grande protagonista, timorato di Dio, è Menasceh Hajim, sfortunato abitante di questo paesino in pieno periodo asburgico: quando le cose gli vanno talmente male, intraprende un viaggio di 5 anni per recuperare denaro per riprendere la vecchia attività. Ma andrà incontro a svariate situazioni non favorevoli. Da leggere ben sapendo che si parla di un mondo che non esiste più.

  • User Icon

    vanni

    15/01/2003 15:04:21

    Una parabola poco edificante e con una morale non scontata. In mezzo a tanta "letteratura da supermercato", una lettura d'altri tempi. Valido.

Scrivi una recensione