Totò, Peppino e i fuorilegge

Con la tua recensione raccogli punti Premium

67° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Commedia - Comico

Salvato in 28 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 8,78 €)

Afflitto dalla moglie tirchia, un pover'uomo organizza, con il barbiere del paese, un finto rapimento a scopo di ricatto ed una volta ottenuta la somma i due vanno a sperperarla a Roma.
5
di 5
Totale 5
5
5
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Sonia

    29/05/2020 03:09:25

    Che cosa c'è di meglio di un film con Totò e Peppino? Qui veramente riuscitissimo il loro connubio, si ride di gusto

  • User Icon

    Gabriele

    15/05/2020 07:38:49

    La magnifica coppia del titolo prova a godersi qualche giorno di libertà a Roma a spese dell’avarissima moglie di Totò. La trama permette a Totò e Peppino di esibirsi in numeri di esilarante bravura e le risate sono garantite. Assolutamente consigliato per tutti

  • User Icon

    iLduca

    06/03/2019 17:45:23

    UN isoccupato di mezza età, vive nella campagna romana insieme alla moglie Teresa, ricca e avara, la quale lo tiranneggia in ogni modo possibile, risparmiando persino sui generi di prima necessità. La loro unica figlia Valeria, studentessa universitaria, sembra invece non patire alcunché tale condizione familiare, e anzi ha appena cominciato a ricevere la corte di Alberto, un giovane giornalista intenzionato a realizzare uno scoop su Ignazio Altamonti detto "Il Torchio", un brigante che da diverso tempo infesta la zona con rapine e sequestri.

  • User Icon

    Bartolo

    23/09/2018 15:48:48

    Totò ha sposato una donna ricca che lo tiranneggia e non gli scuce un soldo. D'accordo con Peppino, il barbiere del paese, decide di fingersi rapito per estorcerle cinque milioni. Il colpo riesce ma la moglie viene poi a conoscenza dell'inganno. Così, quando Totò viene rapito sul serio, rifiuta di pagare il riscatto. La vicenda si conclude bene, ma Totò, tornato a casa, è scacciato dalla consorte e si riduce a lavorare alle dipendenze dell'amico Peppino

  • User Icon

    cataldo zingaropoli

    12/10/2017 11:54:15

    Ancora la coppia regina nei duetti di Toto'. La loro bravura e' tale che non si puo' parlare di un comico e di una cd "spalla",entrambi si scambiano frizzi,allusioni,idee estemporanee e strampalate. In questa pellicola vi e' anche il grande cammeo della partecipazione di Titina De Filippo,nel ruolo della moglie di Toto' . Osservate con attenzione la scena del pagamento del riscatto al pozzo dei rospi !!! Toto' e Peppino,iniziano ad inventarsi versi di "improbabili" animali notturni , e ci prendono talmente gusto da gareggiare al richiamo piu' strano.Titina, ad un certo punto,colta di sorpresa , ridendo si chiede " che specie e bestie " frequentino quel posto !!!!! Assolutamente imperdibile . Come il periodo di rapimento di Toto' ad opera del Torchio , ossia il grandissimo Memmo Carotenuto . Da far studiare all'accadiemia come esempio dei tempi comici adoperati.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente

1957 - Nastro d'Argento - Miglior attore non protagonista - De Filippo Peppino

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Ripley's Home Video, 2016
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 100 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers; speciale; curiosità; filmografie
  • Camillo Mastrocinque Cover

    Regista italiano. Approfondisce i suoi studi in architettura con una lunga permanenza in Francia come scenografo teatrale e di set. Tornato in Italia, firma dalla fine degli anni ’30 una serie di opere in costume ancora legate ai suoi trascorsi teatrali, mentre dopo la guerra svela una vocazione comica che lo porterà alla regia di alcuni fra i più famosi film di Totò, con il quale instaura un prolifico sodalizio. Capisce l’inutilità di imporre al principe De Curtis il punto di vista di un regista-autore, a lungo invocato da tanta critica ostile, e si limita a predisporre e a governare l’insieme lasciando al genio comico italiano del Novecento la libertà di andare a braccio. Nascono così i «classici» della dettatura della lettera a P. De Filippo in Totò, Peppino e la... malafemmina (1956),... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali