Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Un tram che si chiama desiderio

A Streetcar Named Desire

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: A Streetcar Named Desire
Regia: Elia Kazan
Paese: Stati Uniti
Anno: 1951
Supporto: DVD
Salvato in 57 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 5,96 €)

Blanche Dubois, dopo la morte del marito, si trasferisce a New Orleans a casa della sorella Stella, in attesa del suo primo figlio. Il marito di Stella, Stanley, vuole sapere di più sul passato che Blanche nasconde ma soprattutto sull'eredità che spetta alle due sorelle. Quando scopre che Blanche ha perduto la proprietà di famiglia la tensione tra i due diventa sempre più alta, esplodendo durante l'assenza di Stella.
4,83
di 5
Totale 6
5
5
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    GenerazioneDiSconvolti

    05/03/2021 15:23:24

    Un classico

  • User Icon

    Alessandromlvc58

    18/12/2020 18:14:24

    Trepitosi attori che portano sul grande schermo un'intensa opera teatrale.

  • User Icon

    Gio

    23/06/2020 09:44:41

    Un classico che segna nettamente il passaggio da un approccio alla recitazione classico (incarnato da una meravigliosa Vivien Leigh) all'approccio moderno, inaugurato dalla generazione "Actor Studio" (incarnato dall'esordiente Marlon Brando). Da non perdere!

  • User Icon

    Anna

    12/05/2020 09:58:41

    Il cinema ai suoi livelli più alti nonostante la sua impostazione teatrale. Intriso di fangosa sensualità. Una delle vette più alte di Elia Kazan e Marlon Brando. Vivien Leigh è straziante, nel senso più positivo del termine.

  • User Icon

    Andrea Morello

    04/12/2019 18:24:17

    Gran bel film. Marlon Brando regala una performance di altissimo livello come al suo solito. Un film da vedere per chi ama il cinema e la recitazione.

  • User Icon

    claudia

    29/06/2019 14:58:36

    L'ho acquistato perché adoro Vivien Leigh e Marlon Brando. Prossimamente spero anche di leggerlo

Vedi tutte le 6 recensioni cliente

Adattamento della pièce di Tennessee Williams, Un tram che si chiama Desiderio segna l'irruzione delle pulsioni nell'universo fino a quel momento inflessibilmente misurato dei conflitti sentimentali hollywoodiani

Trama
Blanche DuBois ha i nervi fragili e un passato da nascondere sotto la nebbia di New Orleans. Arenata in fondo a un sogno e alla linea di un tram chiamato Desiderio, Blanche trova rifugio e protezione nell'abbraccio di Stella, la sorella minore coniugata all'irascibile e primitivo Stanley Kowalski. In fuga da una vita disastrosa, decaduta e sconfitta incontra Mitch, l'amico gentile di Stanley che vorrebbe sposarla e proteggerla. Ma la convivenza forzata, le maniere 'informali' del cognato e quel sentimento appena nato e subito rinnegato non faranno che alterare il suo equilibrio mentale precipitandola nella follia.

1951 - Oscar [Academy Awards] - Miglior attrice - Leigh Vivien
1951 - Oscar [Academy Awards] - Miglior attore non protagonista - Malden Karl
1951 - Oscar [Academy Awards] - Miglior attrice non protagonista - Hunter Kim
1951 - Mostra d'arte cinematografica di Venezia - Miglior attrice (Coppa Volpi) - Leigh Vivien

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Warner Home Video, 2015
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 122 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono);Inglese (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Arabo; Bulgaro; Inglese; Italiano; Olandese
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Contenuti: commenti tecnici
  • Elia Kazan Cover

    Kazan, Elia Pseudonimo di Elia Kazanjoglous, regista e produttore cinematografico statunitense di origine greca, emigrato negli Stati Uniti nel 1913. Associato al Group Theater e in seguito membro fondatore dell'Actors' Studio, divenne famoso come originale e sensibile direttore di scena grazie a spettacoli rappresentati a Broadway come La famiglia Antropus di Thornton Wilder (1942), Un tram che si chiama desiderio di Tennessee Williams (1947, con Marlon Brando, che diresse anche nella versione cinematografica del 1951 al fianco di Vivien Leigh), Morte di un commesso viaggiatore (1949) di Arthur Miller, La gatta sul tetto che scotta (1955, da cui nel 1958 fu tratto il film omonimo con Elizabeth Taylor e Paul Newman) e La dolce ala della giovinezza (1959), ancora di Williams. Diresse inoltre... Approfondisci
  • Vivien Leigh Cover

    Nome d'arte di V. Mary Hartley, attrice inglese. Nata in India, arriva in Inghilterra all'età di sei anni, dopo la fine della prima guerra mondiale. Iscritta a una scuola religiosa, viene portata a teatro dalla madre e, conquistata dalla recitazione, comincia a partecipare a qualche spettacolo. Si sposa nel 1932 ma la vita matrimoniale non le basta e si concentra sull'attività teatrale, debuttando sul grande schermo nel 1934 in Things Are Looking Up (Le cose stanno migliorando) di A. de Courville. Sul set di Elisabetta d'Inghilterra (1937) di W.K. Howard si innamora di L. Olivier e nel 1938 lo segue a Hollywood, dove viene presentata al produttore D.O. Selznick, alla ricerca della protagonista di Via col vento (1939) di V. Fleming. Pochi giorni dopo il provino, l'ambitissimo ruolo di Rossella... Approfondisci
  • Marlon Brando Cover

    Attore statunitense. Espulso da diverse scuole, inclusa un'accademia militare, e invitato dal padre a scegliersi un mestiere, decide di diventare attore (la madre gestiva una piccola compagnia teatrale). Trasferitosi a New York, studia alla New School e all'Actor's Studio dove, sotto la guida di S. Adler e L. Strasberg, si dedica in maniera maniacale al metodo di Stanislavskij, che porterà il suo stile recitativo a profondità inedite. Nel 1947 E. Kazan mette in scena a New York Un tram che si chiama desiderio di T. Williams, con B. nella parte di Stanley Kowalski: la sua interpretazione è così intensa e coinvolgente da impressionare le platee e i produttori di Hollywood, che cominciano a corteggiarlo. Il debutto sullo schermo avviene nel 1950, con Uomini di F. Zinnemann, nel quale impersona... Approfondisci
  • Kim Hunter Cover

    Attrice statunitense. Si fa subito notare nel singolare horror La settima vittima (1943) di M. Robson, con cui debutta. La sua ascesa è molto rapida: dopo alcuni film drammatici e noir, è interprete di Scala al paradiso (1946) di M. Powell e E. Pressburger. È del 1951 il suo ruolo più importante, quello di Stella Kowalski in Un tram che si chiama desiderio (1951) di E. Kazan. Vittima del maccartismo, smette di lavorare fino al 1956. Negli anni '60 e '70 partecipa ai tre film della saga di Il pianeta della scimmie nel ruolo di Zira. Lavora a pieno ritmo negli anni '90 comparendo, tra gli altri, in Wyatt Earp (1994) di L. Kasdan e Mezzanotte nel giardino del bene e del male (1997) di C. Eastwood. Approfondisci
Note legali