Editore: Mondadori
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788804642985
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    13/10/2017 05:35:06

    "Non ci dicemmo mai che eravamo amici, quel che era infisso nel cuore non doveva trasparire. Il fascismo ci legò". E' l'inizio secco e lirico del romanzo, l'urto più sentito nella coscienza che, senza patti o giuramenti prestabiliti, muove da solo un sentimento comune, impegno e lotta contro l'insania della dittatura. Intorno brulica un alveare di odio, un tremendo impasto di anime vendute, dirupo sempre più aperto sui passi della libertà. "La fantasia aveva ali inutili, mozze" scrive l'autore, resistere è l'unico gesto vero per torcere quel clima malato in una nuova stagione umana. I fatti sono quelli: la linea gotica ideata da Kesserling, la strage di Cassino, un mondo di pericoli continui dove la fiducia vale un filo di bava, tanto paure e tradimenti possono svegliarsi di colpo coi loro voltafaccia continui nell'ingestibile uragano del sospetto. E tuttavia andare avanti, vedere la perla nello stagno, tentare di farne una patria, non c'è altro cammino, in giorni dove quasi non c'è tempo per l'amore: "diciamo di corsa la parola amore con tutti i diavoli che le si accompagnano". Lo sforzo è reso stupendamente nelle pagine, ma accanto ad esso non tarderà a montare, a conflitto terminato, la lucida critica verso un Partito Comunista troppo servizievole e prono alla Russia. Dirà il narratore: "Il partito per nulla era l'immagine, il ritratto dei nostri giovani ideali. Cresceva in me un sostanziale grado di raffreddamento. Era solo burocrazia". Verranno espulsi, e di tutta quell'epopea sofferta non rimarrà che la ferma e fedele umiltà verso se stessi, non poco in un mondo di ometti subito conformati e vite che seppelliscono ogni passato negli equilibri di una nuova biografia pubblica. Perché - scrive grandiosamente Tobino - "è difficile che l'eroe possa trasformarsi in furiere". Sopra le coltri di una rinata codardia sociale, si alzano tre anime d'eccezione in un racconto privo di difetti, traccia di azioni e pensieri ineccepibili. Dolcezza e virilità, la stessa cosa.

  • User Icon

    claudio

    06/10/2015 21:46:30

    Autobiografia di Tobino e di due suoi amici che diventeranno tutti medici. Durante la guerra i loro destini si allontaneranno; tutti parteciperanno in seguito alla Resistenza, Tobino in Toscana, gli altri due -tutti e due medaglie d'oro- in Emilia e in Veneto. Qui uno dei tre sarà torturato e impiccato dai nazisti nel marzo '45. L'altro amico diventerà nel dopoguerra deputato del PCI al Parlamento, ma si allontanerà dal Partito nel '51 assieme ad un altro collega. Entrambi saranno insultati da Togliatti come "due zecche su un cavallo di razza". Nella loro decisione di uscita dal Pci saranno aiutati da Tobino, anche lui ormai scettico sulla reale volontà riformatrice del partito, troppo prono alle volontà sovietiche.

Scrivi una recensione