Il treno era in orario-Il pane dei verdi anni

Heinrich Böll

Traduttore: I. A. Chiusano
Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Edizione: 1
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 19 luglio 2018
Pagine: 198 p.
  • EAN: 9788804701132
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

È con Il treno era in orario (1949) che, da scrittore semisconosciuto, Heinrich Böll divenne improvvisamente un caso letterario. Reduce dalla guerra, non volle "parlare d'altro", e con i suoi scritti costrinse i connazionali a rituffarsi nella grande tragedia che li aveva travolti. Senza togliere nulla alla plumbea realtà di quei giorni, Böll la fece tuttavia lievitare e le diede un senso attraverso una forte carica di poesia, tanto più impressionante quanto più aliena da ogni intento edificante. A questo primo scritto fa da ideale pendant Il pane dei verdi anni , del 1955, che presenta invece il vivido ritratto di una Germania speranzosa e attivista, già avviata verso il miracolo economico.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 6,48

€ 12,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    sandro landonio

    03/01/2013 01:32:30

    Siamo nel 1943, Andreas é un fante tedesco, ferito più volte e con vari anni di guerra, che sta rientrando al fronte dopo una breve licenza, quando, improvvisamente ha la certezza matematica, assolutamente concreta, che in un certo posto ed in una certa data, lui morirà. Il clima é da Final Destination, mentre il treno arranca verso la Galizia e la visione del "glorioso e positivamente cristiano esercito della grande Germania", si sfalda fra sodomia, tradimenti e l'ironia per Andreas di consumare anticipatamente una razione che non gli spetta già più, visto il destino che lo aspetta. Qualcosa di simile avviene nell'episodio del secondo racconto dove una moribonda si mangia la sera prima di morire una scatoletta di corned beef. Oltre che in questo punto "Il pane dei verdi anni" è dominato dalla fame e riesce a trasmettere quello che può essere stata la dura esperienza quotidiana della sopravvivenza di tanti adolescenti durante la II guerra mondiale.

  • User Icon

    claudio

    08/10/2012 19:45:05

    Due romanzi brevi di Boll, il primo è quello che l'ha fatto conoscere. Scritto subito dopo la fine della guerra, narra di un giovane soldato (Andreas) e di una squallida tradotta militare che lo sta portando sul fronte orientale. Lì è sicuro che troverà la morte. Nel viaggio è accompagnato da un giovane soldato e da un sottufficiale in fuga da casa dove ha scoperto il tradimento della moglie. Il viaggio finisce in un bordello a Leopoli, dove Andreas vive ore febbrili in compagnia di una giovane prostituta, in attesa della partenza verso la morte. Il secondo è scritto quasi dieci anni dopo: qui abbiamo una strana figura di giovane che si è fatto le ossa riparando lavatrici e si trova in balia della sua pigrizia e di una ragazza che aveva conosciuto anni prima. Il voto è la media fra i due libri.

Scrivi una recensione