Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Una trilogia palestinese - Mahmud Darwish - copertina

Una trilogia palestinese

Mahmud Darwish

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Ramona Ciucani
Curatore: Elisabetta Bartuli
Editore: Feltrinelli
Collana: Le comete
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 9 luglio 2014
Pagine: 410 p., Brossura
  • EAN: 9788807530326
Salvato in 15 liste dei desideri

€ 13,50

€ 25,00
spinner
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La prima raccolta dei tre testi in prosa del poeta Mahmud Darwish. Dice Elias Sanbar: "Darwish non era ambasciatore del suo paese ma un poeta slegato dalla nazionalità e dal passaporto. Certamente la Palestina era il suo humus, la terra dove affondava le radici: la sua flora e la sua fauna, la sua musica e le sue nuvole, ma tutto questo non doveva essere il suo limite. Se parla di terra, quella terra è proprio la sua terra. Non si è mai impantanato nelle chiavi di lettura che davano della sua opera". "Diario di ordinaria tristezza" (1973) ripercorre il tempo che precede la scelta dell'esilio, gli arresti domiciliari, gli interrogatori degli ufficiali israeliani, il carcere, e chiude la fase più drasticamente militante del poeta. "Memoria per l'oblio" (1987) evoca l'invasione israeliana di Beirut nell'agosto del 1982. "In presenza d'assenza" (2006) è una riflessione sull'esperienza poetica e sulla lingua. Una sorta di testamento, che coincide con l'addio dello struggente poema "Il giocatore d'azzardo" (2009), che chiude questo volume.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cristiano Cant

    26/07/2014 07:15:29

    Conoscevo la poesia di Darwish e per un lungo periodo, frequentandola, ne ho toccato la maestria e la potenza lirica più vive e sincere. Ora con le prose niente è da meno, e questa è una raccolta degna di stare nel pantheon poetico autobiografico degli ultimi cinquant'anni di un Novecento tremendo. La parola non ferma le granate, non smorza e non contiene le radici astiose e terribili di un conflitto che ormai cresce d'età in modo sempre più irrisolvibile. E tuttavia da lì si riparte e si comincia sempre, da un grido, da un soffio di senso e di avvicinamento che non può essere eluso nella facilità di spari e rappresaglie. Se quei cinque sei Stati che guidano il pianeta non si decidono a dar vita alla Palestina rimarremo sempre nel ghiaccio dell'assurdo, nel dolore che incede, nelle sabbie mobili di una politica che è già perdente ma in tal modo naufraga in gironi di orrore. Darwish aveva ed ha il sole nella voce, la cifra di una poesia assoluta che è umano tessuto d'incanto. Il poeta non perde mai.

  • Mahmud Darwish Cover

    Poeta palestinese. Tornato semiclandestinamente in patria nel 1948, dopo un esilio forzato in Libano, trovò il villaggio natale raso al suolo. Il suo impegno politico, che si manifesta anche nell’attività giornalistica, gli ha causato numerosi arresti e lo ha costretto a vagare a lungo da un paese all’altro. Durante la permanenza a Beirut, approdo di esuli e intellettuali non solo arabi, entra in contatto con la letteratura internazionale. Il suo linguaggio poetico attinge alle lotte, alla solitudine, alle sofferenze del vissuto quotidiano traducendo la condizione palestinese in un’esperienza umana di valore universale.Considerato tra i più grandi poeti arabi contemporanei, ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti internazionali, come il Lannan Foundation... Approfondisci
Note legali
Chiudi