Il trono di spade. Libro quinto delle Cronache del ghiaccio e del fuoco. Vol. 5: guerrieri del ghiaccio-I fuochi di Valyria-La danza dei draghi, I.

George R. R. Martin

Editore: Mondadori
Collana: Oscar absolute
Edizione: 1
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 8 giugno 2016
Pagine: 1162 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788804666936

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Saghe

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 13,50

€ 18,00

Risparmi € 4,50 (25%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    n.d.

    18/02/2018 12:44:30

    Che dire libro stupendo e IBS, come al solito, TOP!

  • User Icon

    Alessandro

    18/01/2018 16:41:46

    L’ho trovato eccezionale, pieno di colpi di scena, appassionante. Si rimane incollati dalla prima all’ultima pagina. Si ha la possibilità di vedere molto altro del mondo creato da Martin. Come Porto Bianco, il Rhoyne, Volantis. Possiamo solo sperare che nei prossimi capitoli ci farà finalmente vedere Alto Giardino e Castel Granito, e magari addirittura Valyria. Sono rimasto colpito dalla cecità di Melisandre, non riesce proprio ad ammettere di aver commesso un errore. Deanerys e Jon rimangono tra i miei personaggi preferiti. Entrambi si trovano ad affrontare il peso e le difficoltà dei loro ruoli. La Regina dei Draghi, nonostante le sue notevoli qualità, continua a difettare di quel pizzico di crudeltà di cui un sovrano ha bisogno. Mentre Jon non ha ancora capito l’importanza della parte formale del potere, tra le altre cose. Ser Barristan è difficile da giudicare. Ha un notevole fascino e ispira una gran simpatia, ma comunque ha tradito i Targaryen a cui aveva giurato fedeltà, mettendosi al servizio del loro nemico solo perché gli sembrava migliore. Alcuni lo avrebbero chiamato voltagabbana. Prima di mettersi al servizio di Deanerys l’ha osservata, giudicata! In altre parole segue il suo sovrano a convenienza. Che Bella guardia reale. Si aprono nuove questioni e scenari. Come l’evidente ingerenza dell’Ordine dei Maestri, che sembrano aver avuto un ruolo determinate nell’indebolimento dei Targaryen. Mi è rimasta particolarmente impressa la considerazione di Tyrion sul perché Valyria non ha mai invaso i Sette Regni. Potrebbe essere che i valyriani sapessero degli estranei? E che la Roccia del Drago fosse una specie di avamposto per tenere d’occhio quelle terre in caso tornassero? E c’è anche da chiedersi se esiste un qualche legame tra Valyria e Aspra Dimora. Speriamo che Martin si decida a pubblicare il tanto agognato “I venti dell’inverno”. Per non rovinarmi la lettura ho perfino smesso di guardare la serie tv

  • User Icon

    n.d.

    13/12/2017 12:23:06

    Libro ottimo, niente da dire. Contento anche della rilegatura.

  • User Icon

    n.d.

    16/10/2017 03:00:22

    Lettura straordinaria e metodica

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione