Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Troppo freddo per Settembre - Maurizio De Giovanni - copertina

Troppo freddo per Settembre

Maurizio De Giovanni

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 15 settembre 2020
Pagine: 280 p., Brossura
  • EAN: 9788806246334
Salvato in 270 liste dei desideri

€ 17,58

€ 18,50
(-5%)

Punti Premium: 18

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Troppo freddo per Settembre

Maurizio De Giovanni

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Troppo freddo per Settembre

Maurizio De Giovanni

€ 18,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Troppo freddo per Settembre

Maurizio De Giovanni

€ 18,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (23 offerte da 17,57 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Indomabile, bellissima, determinata e, a suo modo, inconsapevole: Mina Settembre è un altro grande personaggio femminile creato da Maurizio de Giovanni.

Un anziano professore viene ritrovato senza vita una mattina d'inverno; nella sua morte c'è qualcosa di sospetto. Dormiva in una soffitta, nessuno si occupava di lui tranne la nipotina. I vecchi e i bambini. Chi li guarda i vecchi e i bambini?

Cacciarsi nei guai, poi, quando tutto sembra perduto, risolvere la situazione con un colpo di genio e una buona dose di follia: non fa altro Gelsomina Settembre, detta Mina, tanto coscienziosa quanto incantevole – e suo malgrado provocante – assistente sociale presso il Consultorio Quartieri Spagnoli Ovest (per inciso, del Consultorio Est non c'è traccia). Sempre per una buona causa, però, per correre in aiuto di chi è stato meno fortunato di lei, cresciuta fra gli agi dell'alta borghesia, senza problemi a parte una madre e un fisico «ingombranti». Poco importa se, come accade in questo freddo gennaio, ciò significa mettersi contro una famiglia dal nome pesante, di quelle che nei vicoli della città vecchia decidono ogni cosa. Mina non si tira indietro, anzi, trascina con sé – in una missione di soccorso che corre parallela alle indagini della magistratura, condotte da una sua vecchia conoscenza – le amiche piú care. E due uomini resi temerari solo dall'adorazione che hanno per lei.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,76
di 5
Totale 21
5
8
4
5
3
4
2
3
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Chiaragm

    17/03/2021 14:49:36

    I personaggi di questa nuova serie di libri di De Giovanni sono deludenti, privi di spessore e macchiettistici; le vicende sono piene di luoghi comuni e prevedibili. Nel complesso, ho trovato questo libro e il precedente sciatti e poco appassionanti. Peccato, perché l'autore ha scritto gialli di ben altra caratura...

  • User Icon

    giorgio sesena

    03/01/2021 10:36:11

    Forse una risata ci salverà, se è così bene ma questa più che una risata può essere solo un sorriso, ai scanzonati personaggi presenti che sono comunque senza arte ne parte, storia banale morto buono ed geniale, famiglia cattiva con madre e nuora improponibile, figlio e marito succube uno zombie tot asservito alla moglie ecc ecc il tutto condito di buonismo e politicamente corretto sparso a piene mani dal solito scrittore impegnato e con il para occhi, meglio far finta di niente,

  • User Icon

    La Bibliatra

    06/12/2020 13:14:02

    [estratto dal Blog] [...] Ritroviamo Mina, assistente sociale in un consultorio nel cuore dei Quartieri Spagnoli di Napoli, sempre alle prese con “Il Problema numero uno”, sua madre Concetta,[...]Il “Problema numero due”, il suo seno prosperoso, e la sua “incontrollabile fede: quella nella Giornata di Merda" [...] Il portiere dello stabile dove lavora [...] E il collega, il ginecologo del consultorio, Domenico “Chiamami Mimmo”, tanto bello da ricordarle Kevin Costner, attore da lei amato, nelle sue varie interpretazioni cinematografiche.[...] E poi il Pubblico Ministero De Carolis e il maresciallo Gargiulo ed i loro divertenti diverbi[...]In questo romanzo De Carolis e Gargiulo indagano sulla morte di un professore d’italiano in pensione, Giacomo Gravela, per una probabile intossicazione da monossido di carbonio. Si direbbe un incidente, ma a De Carolis non convince il corpo perfettamente vestito adagiato sul letto e il ritrovamento in pieno inverno di un nido di uccelli nella canna fumaria[...]Nel frattempo Mina Settembre riceve al consultorio, la visita della mamma di Rosario Contini, che le chiede aiuto perché fermamente convinta dell’innocenza del figlio.[...] Chi avrà ragione l’idealista Mina o il disincantato De Carolis? Potrete scoprirlo solo leggendo il romanzo. Maurizio De Giovanni, ancora una volta, ci ha regalato un romanzo ricco di storie, spunti e riflessioni. Al di là, infatti, del piacevole intreccio narrativo, ricco di colpi di scena e di grande umorismo, “sparge” qua e là temi seri su cui è bene riflettere, una velata critica a ormai usuali e inidonei comportamenti. Bellissime le pagine che dedica allo stretto legame tra l’anziano professore e la nipotina,[...]Tema di fondo dell’intera storia è sicuramente la possibilità di cambiare: è possibile sovvertire le regole che qualcun altro ha stabilito per noi?[...]

  • User Icon

    cocchi

    02/12/2020 09:30:54

    Ancora un'avventura della favolosa Settembre che con la sua spavalderia e il suo coraggio va contro tutti gli schemi di una società chiusa e piena di stereotipi

  • User Icon

    manu_corrado_books

    15/11/2020 19:30:07

    Un anziano professore viene ritrovato senza vita una mattina d'inverno; nella sua morte c'è qualcosa di sospetto. Dormiva in una soffitta, nessuno si occupava di lui tranne la nipotina. I vecchi e i bambini. Chi li guarda i vecchi e i bambini? Indomabile, bellissima, determinata e, a suo modo, inconsapevole: Mina Settembre è un altro grande personaggio femminile creato da Maurizio de Giovanni. Nuovo caso da prendere di petto per Gelsomina Settembre, l’assistente sociale dei Quartieri Spagnoli Ovest nata dalla penna raffinata di Maurizio de Giovanni. La sua passione per chi non può difendersi, la sua voglia di lottare contro le ingiustizie e per risolvere situazioni impossibili vengono fuori anche in questo episodio; problema uno (anziana madre impicciona) e problema due (caratteristiche fisiche un po’ ingombranti) continuano a perseguitarla. Un personaggio che mi piace, una scrittura che apprezzo, un libro che consiglio!

  • User Icon

    Attilio Alessandro Bollini

    15/11/2020 06:45:02

    Certo la vicenda non è reale : in un mondo dei Clan non finiscono mai a tarallucci e vino le vite degli affiliati ma il libro è scritto benissimo e mette già in nuce I grandi risultati che De Giovanni poi conseguira', specialmente con la serie di Pizzofalcone. Bellissimo romanzo consigliato e che non lascerà delusi i fans di Maurizio De Giovanni!

  • User Icon

    paola

    14/11/2020 20:21:20

    bel romanzo giallo , cocktail perfetto di una storia psicologica che porta il commissario a indagare nei meandri piu' intimi della mente umana.

  • User Icon

    archipic

    04/11/2020 11:26:31

    La serie di Mina Settembre sta prendendo sempre più forma. I personaggi si stanno delineando nella loro completezza e le storie che ci propone De Giovanni sono sempre molto vere. Un buon libro, ben scritto e riuscito. Lettura consigliata

  • User Icon

    Ciro D'Onofrio

    18/10/2020 06:59:30

    De Giovanni ripropone il personaggio di Mina Settembre, assistente sociale volitiva ed appassionata, e lo fa con una storia più interessante della precedente che vedeva debuttare questa nuova protagonista. Un giallo “improprio” per la sua leggerezza, per la carica di ironia che spesso diventa sarcasmo, per la denuncia, talvolta forte e diretta, che lo scrittore fa della criminalità organizzata e della sua sottocultura del male, vulnus che attanaglia e deprime la città di Napoli, ed in particolare alcuni quartieri. Una storia all’insegna di legami profondi, di affinità elettive, di patti per il riscatto, di vite che cercano di affrancarsi, spesso per mano di donne, immaginando il riscatto di un’intera città. Non è la migliore produzione di De Giovanni ma si ritrova sicuramente il piacere della sua scrittura rassicurante, scorrevole e coinvolgente.

  • User Icon

    rosannna

    16/10/2020 08:52:36

    Bel libro mi è piaciuto molto un racconto particolare mi piace la protagonista Mina aspetto il seguito

  • User Icon

    marialetizia

    14/10/2020 06:53:43

    Libro che mi ha deluso totalmente. Non mi capacito di come uno scrittore che ha scritto i bastardi di Pizzofalcone o tutta la serie di Sara possa ridursi a tale banalità. Le sue note ironiche e a volte comiche,piacevoli negli altri romanzi qui diventano una successione di personaggi grotteschi ,delle macchiette ; Mi dispiace molto perché apprezzavo molto lo scrittore che temo non abbia più molto da dirci.

  • User Icon

    Patrizia

    12/10/2020 16:18:01

    Splendido, veramente bello,da non perdere! De Giovanni ci regala un altro bellissimo personaggio, Mina, con tutto un contorno di figure, descritte tutte con un umorismo fantastico che nulla toglie alla cruda realtà della Napoli povera.

  • User Icon

    Attilio669

    07/10/2020 20:24:58

    Pur se ormai tristemente e nostalgicamente orfani del commissario Ricciardi, Maurizio De Giovanni continua a dispensare storie all'altezza della sua mirabile bravura. Anche in questo nuovo filone narrativo ci si lascia trasportare e catturare da una scrittura sempre in grado di far emergere situazioni e personaggi che trasudano e brulicano di straordinaria e sorprendente umanità in tutte le sue multiformi espressioni e rappresentazioni. All'interno di uno scenario dove a far da sfondo c'è una Napoli che sa essere al tempo stesso avvolgente e spietata ma sempre lucidamente autentica, spicca potente la figura dell'assistente sociale Gelsomina Settembre detta Mina, in perenne conflitto con sé stessa e con il suo mondo circostante. Accompagnata da un inguaribile idealismo, possiede la prodigiosa e strampalata attitudine nel sapersi cacciare ogni volta in contesti rischiosi e impossibili, di cui viene poi a capo grazie alla sua intelligenza, alla sua testardaggine, ma anche grazie al supporto di personaggi altrettanto insostituibili e al di fuori dai canoni comuni. Alla fine della narrazione ne affiora una riflessione amara sulla vecchiaia, sulla solitudine e sulle opportunità di vita che dovrebbero essere concesse a chiunque, finalmente liberi da falsi schemi e meschini pregiudizi che quasi sempre delimitano e ottundono le nostre menti.

  • User Icon

    Rosalia

    03/10/2020 08:02:52

    Non è il De Giovanni del commissario Ricciardi e dei bastardi di Pizzofalcone. Lo scrittore pare aver abbracciato lo stile ironico sarcastico un po' malvadiano, con personaggi macchietta quale il maresciallo Gargiulo. Sparisce l'introspezione, la poesia, le afflizioni interiori. E' comunque un libro piacevole, ma mi auguro di poter leggere altre storie dei bastardi, visto che il commissario Ricciardi ci ha salutato per sempre.

  • User Icon

    Paola

    01/10/2020 17:21:20

    Bella storia, con un grande tema (oltre al giallo in senso stretto) trattato con delicatezza e dolcezza: la crudele noncuranza che troppo spesso abbiamo nei confronti dei nostri "nonni". Da leggere.

  • User Icon

    Enrica

    29/09/2020 12:00:16

    Non ho letto il primo libro. Comunque ho apprezzato questo secondo, personaggi forse un pò troppo caricaturali, ma godibili e divertenti, inseriti in una realtà ben più drammatica. Non mi dispiace questo nuovo filone volutamente "leggero" .... vedremo, intanto ben arrivata Mina Settembre!!!

  • User Icon

    Massimo

    28/09/2020 22:33:54

    un delitto o un suicidio di un vecchio professore che coinvolge un giovane legato alla criminalità organizzata appena uscito di prigione che deve vendicare uno sgarbo, una soffiata di anni prima proprio del professore, del suo vecchio professore. L'indagine procede in parallelo per provare a trovare un colpevole diverso da quello che sembra il predestinato; da un lato la polizia, il magistrato - De Carolis e il maresciallo ai suoi ordini; dall'altro Mina e il dottor Mimmo, una improbabile accoppiata di un consultorio ancora più improbabile nei "bassi" di Napoli. Il risultato è piacevole e la storia gradevole, ma ci sono troppi automatismi e cliché nei personaggi e nei dialoghi che li accompagnano, quasi una scrittura poco attenta in un trama che regge e funziona. Il meccanismo del "giallo" pur perfezionato ha troppo di scontato e già detto e letto e De Giovanni mostra una certa ripetitività e automaticità. Peccato.

  • User Icon

    roberta di luca

    25/09/2020 09:48:00

    Per me molto meglio del primo. Meno comico ma più godibile. Bravo!

  • User Icon

    bea

    23/09/2020 14:43:03

    Non mi ha convinto

  • User Icon

    antonella sario

    22/09/2020 16:21:35

    De Giovanni gioca e sa giocare. Gigioneggia (forse troppo) ma merita la lettura. Non di più.

Vedi tutte le 21 recensioni cliente

Mina è tornata e, con lei, il caos dei Quartieri Spagnoli, la continua dicotomia tra la “giustizia” e l’abitudine ai soprusi, tra i desideri di chi si trova a nascere nella famiglia e nel quartiere sbagliato e la “legge” non scritta da rispettare ad ogni costo, per sopravvivere, per sopraffare e non essere sopraffatti.

Mina anche questa volta irrompe nella vita di chi le sta intorno, non risparmia se stessa e nemmeno i suoi “soci”: Rudy e Domenico “chiamamimimmo” sono letteralmente travolti dalla sua determinazione, trascinati quasi contro la loro volontà nella nuova impresa. E che meraviglia, in questo momento della nostra storia sociale, politica e morale, leggere di qualcuno che, a scapito anche della propria incolumità, è disposto a lottare per ciò che è giusto, a spendersi per chi è più debole, per chi vorrebbe reagire ma non ha il coraggio e che si batte nel rispetto di chi, invece, il coraggio lo raccoglie a piene mani e osa l’impensabile: passare sopra l’orgoglio per chiedere aiuto fuori dalla cerchia consentita.

Il tutto narrato con la consueta attenzione ai piccoli dettagli, alle tante sfaccettature dell’animo umano, con l’eleganza e l’arguzia di un autore che sa farci amare ogni suo personaggio, ciascuno estremamente diverso dagli altri, ma talmente umano da riuscire sempre a toccare qualche corda profonda in ognuno di noi, in modo da farcelo sentire vicino e da farci immedesimare in qualche suo pensiero, sentimento, pregio o difetto. Per questo tutti i personaggi di Maurizio de Giovanni riescono a trasportarci, per il tempo della lettura, nelle strade di Napoli: Mina ci porta nel suo consultorio, nelle case dei Quartieri e negli uffici della magistratura con un realismo tale da farci sentire per un momento passionali e forti come lei, come se davvero potessimo cambiare il mondo, scardinando un pezzo alla volta i meccanismi inceppati, creandone di nuovi, sradicando consuetudini malate protette da un silenzio che il coraggio di Mina squarcia come un grido. Potrebbe essere l’urlo di ognuno di noi di fronte ai soprusi, all’indifferenza e all’omertà? Maurizio de Giovanni ci suggerisce la risposta: perché no?

  • Maurizio De Giovanni Cover

    Nato nel 1958 a Napoli, è autore della fortunata serie di romanzi con protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta, su cui è incentrato un ciclo di romanzi, tutti pubblicati da Einaudi, che comprende finora: Il senso del dolore (2007), La condanna del sangue (2008), Il posto di ognuno (2009), Il giorno dei morti (2010), Per mano mia (Einaudi, 2011), Vipera (2012, Premio Viareggio, Premio Camaiore), Anime di vetro (2015) Serenata senza nome (2016), Rondini d'inverno (2017) e Il purgatorio dell'angelo (2018). Insieme a Sergio Brancato ha pubblicato due graphic novel sulle inagini del commissario Ricciardi: Il senso del dolore. Le stagioni del commissario Ricciardi (Sergio Bonelli 2017) e La condanna del sangue. Le stagioni del commissario... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali