Categorie

Joyce Carol Oates

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
Pagine: 350 p.
  • EAN: 9788804594994

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabrizio

    06/02/2015 23.07.33

    Ottima raccolta della Oates, la seconda che leggo. Come autrice di racconti la trovo tra i più grandi del momento. Questa raccolta contiene 19 racconti di altissimo livello, tutti belli, non me la sento di dire quale sia il mio preferito, a modo loro sono tutti unici e scritti benissimo. Da legegre a piccole dosi, forse il tema è sempre lo stesos, ripetuto, ridondante. Ma la Oates non si discute.

  • User Icon

    Caterina

    12/03/2013 15.14.45

    La scelta degli argomenti e l'efferata violenza delle situazioni trattate possono essere più o meno nelle corde del lettore, ma la bravura della Oates è incredbile. Uno sguardo nell'animo umano che è indagine al microscopio, vivisenzione delle dinamiche psicologiche...Una scrittura che sembra esistere nei protagonisti e sgorgarne fuori...Bravissima! Peccato che i racconti non abbiamo spesso un finale ma siano tagliati con l'accetta...metafora quanto mai azzeccata!

  • User Icon

    Giuseppe Russo

    29/08/2012 14.03.59

    Dei 19 racconti che formano questa raccolta, sette sono stati finalisti in diversi premi letterari americani, uno («L'insegnante») ha vinto il Pushcart Prize 2003, uno («Tre ragazze») il Pushcart 2004, e il più coinvolgente di tutti («La ragazza con l'occhio nero») si è aggiudicato l'O. Henry Awards 2001. La New York Times Book Review, recensendo questo libro, ha paragonato la Oates a J.S. Bach, per il modo in cui riesce a «coltivare la vastità e la complessità delle sue visioni pensando a qualcosa di ben più ampio della sua carriera letteraria». I temi qui affrontati non sono molto diversi da quelli di tante altre creazioni di questa grande maestra delle "short stories", ma il coltello affonda molto in profondità su tutto ciò che concerne le infernali ambiguità delle relazioni interpersonali, sia quando riguardano dinamiche familiari che (e soprattutto) quando coinvolgono estranei che il caso ha fatto conoscere. Parentele, amicizie, amori più o meno sfortunati, crimini più o meno efferati, rivelazioni clamorose etc. formano le circostanze che creano rapporti tra persone e le costringono a mettersi a nudo. In alcuni casi lo scontro con l'altro è molto produttivo, in altri è distruttivo, ma non è mai neutro. È solo dal rapporto con l'altro che il "sé" percepisce la propria identità, ma rassegnarsi all'eterna presenza degli altri è proprio il problema sociale per eccellenza. Individuo i racconti migliori in «Riccioli rossi», «Fuoco», «Jorie & Jamie», e il capolavoro assoluto in «La ragazza con l'occhio nero».

Scrivi una recensione