Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 14 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Tutte le poesie e tutto il teatro. Con testo spagnolo a fronte
14,16 € 14,90 €
LIBRO
Venditore: IBS
+140 punti Effe
-5% 14,90 € 14,16 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,16 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,16 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Tutte le poesie e tutto il teatro. Con testo spagnolo a fronte - Federico García Lorca - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Tutte le poesie e tutto il teatro. Con testo spagnolo a fronte Federico García Lorca
€ 14,90
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


Questa edizione raccoglie in ordine cronologico tutte le poesie e le opere teatrali pubblicate dal poeta e quelle postume. Le poesie compongono un itinerario creativo che, partendo dall'elaborazione romantico-simbolista degli elementi costitutivi del mondo infantile - il canto della ninna nanna, il mito della favola - e traendo successivamente ispirazione dal folclore gitano-andaluso, approda - arricchito dall'esperienza newyorkese - a un linguaggio surreale e barocco, fortemente immaginifico. La poesia di Lorca non è mai paga di sé e trae vita dal costante contatto con la realtà, dai contrasti più violenti - primo fra tutti quello tra amore e morte - e dal bisogno di conciliare la tradizione con l'avanguardia, perché "la luce del poeta è la contraddizione". Il teatro di Garcia Lorca, con i drammi, le tragedie, le farse, le commedie, i semplici divertimenti, testimonia una parabola creativa che, nell'ambito scenico, si presenta tanto rapida e breve quanto densa di motivazioni, di istanze, di confluenze tra eredità colta e tradizione orale popolare, linfa, questa, di un'arte intimamente rivoluzionaria. Fa da sfondo l'ambiente andaluso, il quale, peraltro, non è ridotto mai a pura evocazione regionalistica, ma agisce da protagonista nel dramma che di volta in volta racchiude.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

Tascabile
21 maggio 2009
1480 p., Brossura
9788854114050
Chiudi

Indice


POESIE
(TESTO SPAGNOLO A FRONTE)
• Libro de poemas
• Suites
• Poema del Cante jondo
• Canzoni
• Romancero gitano
• Odi
• Poeta a New York
• Lamento per Ignacio Sánchez Mejías
• Sei poesie galiziane
• Diván del Tamarit
• Sonetti
• Poesie sparse
• Canti popolari

TEATRO
• Il maleficio della farfalla
• La fanciulla e il principe
• Lola
• Le marionette
• Mariana Pineda
• Dialoghi
• La calzolaia prodigiosa
• Amore di don Perlimplín con Belisa
• Di qui a cinque anni
• Il pubblico
• “Retablillo” di don Cristóbal
• Nozze di sangue
• Yerma
• Donna Rosita nubile
• La casa di Bernarda Alba
• Commedia senza titolo
• I sogni di mia cugina Aurelia

Voce della critica

García Lorca è uno dei pochi autori spagnoli novecenteschi a essere notissimo al grande pubblico anche da noi, in parte anche per il destino biografico dello scrittore e per una certa sua tipica "ispanicità" (per quanto ovviamente può valere una simile categoria). Una visione immortalata, ad esempio, dal celeberrimo verso "alle cinque della sera", evocatore di corride, del fato e della morte, un passo talmente tipico da meritarsi epiche parodie, tra cui una memorabile di Cochi e Renato negli anni settanta. Newton Compton, nella sua benemerita collana "Mammut" dedicata ai classici di ogni tempo in versione ipereconomica, manda ora in libreria Tutte le poesie e tutto il teatro, a cura di Claudio Rendina e Elena Clementelli, ottimi curatori della vasta impresa (pp. 1480, € 14,90), che si offre come strumento di indagine per una visione dell'autore decisamente meno stereotipata e prevedibile, con numerosi testi poco frequentati. Se rimane invariata la centralità di Poeta a New York, strepitosa suite di epifanie a confronto con la vita metropolitana, soprattutto colpisce la produzione per la scena, nota nei suoi elementi essenziali, ma con moltissime sorprese, a partire dalla conferma della meravigliosa pièce Il pubblico, summa di fantasie sregolate e impossibili, in cui trionfa la visione queer dell'autore, rivelata negli anni ottanta in una bella versione di Jorge Lavelli, presentata a Parigi. Favole milesie sfrenate, cervantine storie esemplari, cupi drammi familiari si susseguono secondo il prisma di una inventiva accesa, che trae ispirazione dalle fonti più diverse, giocando con le marionette o con le maschere, nella sequenza di Arlecchini e Pierrot psicopompi, dai tratti talvolta anche sinistri, che conducono al regno della fantasia, senza mai perdere d'occhio i ritmi della realtà. Colpiscono in tal senso soprattutto i Dialoghi, in cui Buster Keaton passeggia accanto all'amico Luis Buñuel, declinando i sogni e gli incubi della Generazione del '27, destinati, questi ultimi, ad avverarsi pochi anni dopo.
Luca Scarlini

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

(Fuentevaqueros, Granada, 1898 - Viznar, Granada, 1936) poeta e drammaturgo spagnolo.La vita Studiò legge (1915-18) a Granada, dove si laureò nel 1923. Dal 1919 risiedette soprattutto a Madrid. Oltre a D. Berrueta, professore di storia dell’arte, e al giurista F. de los Ríos, che lo incoraggiarono a pubblicare i primi versi (1917) in un giornale di Granada, e al musicista M. de Falla, che lo riteneva uno dei suoi migliori allievi, a Madrid ebbe molti amici, specialmente tra i frequentatori del centro culturale Residencia de estudiantes: Dalí, Guillén, Buñuel, Alberti, Dámaso Alonso, Cernuda, Aleixandre, Salinas, Diego, insomma tutta la cosiddetta generazione del 1927. Profondamente legato alla terra andalusa, trovò i suoi canali espressivi, oltre che nella poesia e nel teatro, nella musica...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore