copertina

Tutti gli uomini aspirano per natura al sapere

Nina Bouraoui

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: E/O
Collana: Dal mondo
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 30 aprile 2020
Pagine: 144 p.
  • EAN: 9788833572017
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 13,30

In uscita da: 30 aprile 2020

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nella vita di Nina Bouraoui ci sono un prima e un dopo. Un luogo e un altro. Un ricordare e un divenire. Attraverso piccole polaroid che saltano di qua e di là nel tempo e nello spazio, percorre con occhio tenero, emozionato ma al contempo chirurgico una vita da comprendere e analizzare. Posa in qualche modo su di sé lo sguardo del filosofo, perché "tutti gli uomini aspirano per natura al sapere". Guidata da questo desiderio "aristotelico", fa scorrere davanti a noi il film della sua vita. Fotogrammi da dividere tra il Ricordare del tempo algerino, le difficoltà della madre per sempre "roumia", straniera, e la libertà della natura rigogliosa del Nord Africa. L'accento magrebino da perdere velocemente una volta arrivata a Parigi, per integrarsi e parlare "bene" francese. Ma anche il Divenire la persona che è, tra le serate al Kat insieme alle prime donne a cui sente di appartenere, al sorgere dell'omosessualità per sempre a braccetto con il bisogno di scrivere.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Nina Bouraoui Cover

    (Rennes 1967) scrittrice franco-algerina. Nata in Francia, ha trascorso in Algeria l’infanzia e l’adolescenza, per poi trasferirsi a Parigi, Zurigo, Abu Dhabi. Durante gli studi di giurisprudenza e filosofia ha scritto il suo primo romanzo, Una vita di sguardi (La voyeuse interdite, 1991), cronaca allucinata di un’educazione femminile ad Algeri negli anni ’70. All’analisi della propria infanzia e della propria condizione di donna, restituita in uno stile visionario e catartico, ha dedicato i romanzi successivi: Ragazzo mancato (Garçon manqué, 2000, nt) e I miei cattivi pensieri (Mes mauvaises pensées, 2005, nt), affrontando in Bambola Bella (Poupée Bella, 2004, nt), diario intimo, le tematiche della propria identità «meticcia», orgogliosamente rivendicata. Approfondisci
Note legali