Tutto a posto e niente in ordine di Lina Wertmüller - DVD

Tutto a posto e niente in ordine

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 1973
Supporto: DVD
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 6,39

€ 7,99
(-20%)

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 7,05 €)

Alcuni immigrati, arrivati nella Milano moderna per lavorare e fare fortuna, si incontrano e si legano sentimentalmente, affittando un appartamento in un vecchio stabile che dovranno difendere dalla rapacità dei profittatori edilizi. Le loro storie si intrecciano tra le difficoltà della vita di tutti i giorni.
  • Produzione: Dynit Raro Video, 2014
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 105 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: interviste: intervista alla regista
  • Allegati: booklet
  • Lina Wertmüller Cover

    Lina Wertmüller, nata a Roma nel 1928, ma discendente da una nobile famiglia svizzera (il suo nome completo è Arcangela Felice Assunta Job Wertmüller von Elgg Esapañol von Brauchich), oltre che a occuparsi di teatro e di tv, ha vinto i più prestigiosi premi cinematografici internazionali. Nel 1977 è stata la prima donna candidata all'Oscar come miglior regista per Pasqualino Settebellezze. Nel 2012 pubblica per Mondadori Tutto a posto e niente in ordine. Vita di una regista di buonumore. Approfondisci
  • Luigi Diberti Cover

    Attore e doppiatore italiano. Diplomatosi all’Accademia d’arte drammatica di Roma, lavora in teatro con L. Ronconi ed esordisce al cinema ne I visionari (1968) di M. Ponzi, giovane attore al centro di un triangolo artistico e amoroso. Recita poi negli affreschi grotteschi de La classe operaia va in paradiso (1971) di E. Petri e di Mimì metallurgico ferito nell’onore (1972) di L. Wertmüller e nel mélo in costume di M. Bolognini (da Metello, 1970), sfiorando il poliziesco all’italiana e lasciandosi tentare dall’esperimento in elettronica de Il mistero di Oberwald (1980) di M. Antonioni. Rare le prove sul grande schermo negli anni ’80, di contro a un’assidua presenza nella fiction tv e soprattutto sul palcoscenico, mentre negli anni ’90 comincia a riapparire con una certa frequenza, sia pure... Approfondisci
Note legali