Traduttore: S. Pezzani
Editore: Fanucci
Anno edizione: 2006
Pagine: 177 p., Brossura
  • EAN: 9788834711491
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Andrea

    10/10/2007 16:38:35

    Più lo leggo e più mi stò innamorando di questo "poliedrico" scrittore a me fino a poco tempo fà sconosciuto. Anche in questo romanzo L. descrive i personaggi e i luoghi in maniera fantastica rendendone partecipe i lettore pagina dopo pagina senza mai disondare dalla vicenda e a provare subito simpatia per i protagonisti. Lansdale è sicuramente uno dei migliori talenti contemporanei.

  • User Icon

    zizzi

    20/02/2007 11:40:43

    è un libro molto bello che ci fa rivivere i momenti di caccia di joe.

  • User Icon

    Lorenzo Berti

    02/10/2006 11:27:12

    Lansdale è autore versatile e valido, che in Italia stiamo comunque inflazionando, mungendo assai più del dovuto. Questo è un buon racconto lungo, che riprende alcune atmosfere da quello che secondo me è il suo capolavoro ("in fondo alla palude") e le semplifica in una storia con buoni e cattivi, sud, sentimenti anche un po' troppo a buon mercato, ecc. Ma... accidenti se sa scrivere BigJoe! Anche questo testo non fa eccezione. Lansdale sa interessare (contenuti), tenere incollati (suspence), farsi apprezzare (stile), ammirare (fantasia pura o capacità di aderire al reale). A volte più dell'uno (suspence, fantasia e - chiamiamolo così, mi si conceda... - B-Books generico: ed ecco La notte del drive-in, i racconti più cruenti, Hap&Leonard); a volte più dell'altro (stile e capacità di analisi della società americana: ed ecco In fondo alla palude, La sottile linea scura, alcuni dei racconti di Maneggiare con cura ed altri di In un tempo freddo e oscuro), ma sempre "c'è qualcosa di più", in lui. Unico avviso: L'ultima caccia non è certo l'ideale per conoscere BigJoe. Si parta magari con Hap&Leonard; poi si passi a Freddo a Luglio, La notte del drive-in, Tramonto e Polvere, Maneggiare con cura e infine si arrivi a In fondo alla palude. Magari il quadro sarebbe più dettagliato...

  • User Icon

    ogm

    29/08/2006 16:51:15

    ricorda il miglior lansdale allacciato in un racconto quasi breve. carbura subito, accelera immediatamente ed i personaggi sono subito tuoi. un gioiellino che conferma come l'autore sia un maestro nel suo genere.

  • User Icon

    Stefano

    05/06/2006 21:30:03

    Sono pienamente d'accordo con Greta, non sarà un capolavoro, ma è Lansdale, e il Grande Joe si ama, non si discute

  • User Icon

    michele

    21/04/2006 00:59:01

    Ho letto l'ultima pubblicazione di Lansdale perche' volevo cominciare a conoscerlo "a ritroso". Senza seguire la traccie dei suoi piu' conosciuti successi mi sono inoltrato nel libro cosi' come il protagonista nella selva della sua avventura. Il libro e' scorrevole con alcune chicche di grandiosa schiettezza letteraria (...era talmente buio...come il cuore di un banchiere...), leggero a volte addirittura scontato. Ma e' un libro buonista, di uomini buoni e di animali fedeli (i cani) ed animali cattivi (cinghiale). L'ho messo sul comodino di mio figlio che ha 9 anni, penso che l'apprezzera', perche' ama l'avventura ed i buoni esempi. Perche' odia i cattivi.

  • User Icon

    Greta

    02/04/2006 20:39:44

    Per chi ha amato l’atmosfera del precedente “In fondo alla palude”, non può farsi scappare l’ultimo libro di Lansdale, e non perché sia un capolavoro, ma solo per approfondire meglio il percorso di questo spaccato d’America molto caro e ricorrente nei libri di Lansdale. Siamo sempre negli anni trenta in piena depressione in un Texas allo stremo e colmo di rabbia, di fame, di realtà dura, ma nello stesso tempo anche propenso a lasciarsi andare ad un mondo fantastico. L’autore è lo stesso e lo conosciamo. Le storie e lo stile invece cambiano spesso: Abbiamo letto il Lansdale divertente e volgare (con brio) della serie Hap e Leonard. Lo abbiamo amato nei racconti in “Maneggiare con cura” e per gli ammiratori più accaniti c’è sempre Il Lansdale di “La notte del drive in”. Un uomo per tutti i gusti direi, a me piace in tutte le salse e non mi disturba per nulla questa improvvisa frenesia nel pubblicarlo (vorrei ricordare a tutti che a settembre, sempre con Fanucci esce “Echi perduti”…..così non ci dimentichiamo di Joe). “L’ultima caccia” è un racconto lungo, non un libro, lo si può leggere in un pomeriggio al sole, senza fretta. C’è Il Texas caro all’autore: quello a cui ricorre spesso nei suoi libri: Il vivere quotidiano con fatica ma con onestà e pieno di valori che continua a trasmetterci con le sue storie: la famiglia sopra ogni cosa e questo senso di tradizione che i padri tramandano ai figli, questa cultura nel lavoro fisico, ma, poi anche uno spronare al lavoro di fantasia e a coltivarne il senso e l’intelligenza. In questo libro non c’è una parola volgare o un sottinteso sessuale. L’abbiamo già letto questo Lansdale e forse non sarò la sola a stupirmi di come un autore possa essere così versatile o così CAPACE di scrivere in modi diversi e di farsi sempre amare. Ripeto: Se non leggete questo libro non succede nulla. Non vi siete persi lo straordinario capolavoro dell’anno, io come voto gli darei un sette. Ma se lo adorate come me....

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione