Categorie

Gigi Riva

Collana: Il contesto
Anno edizione: 2016
Pagine: 192 p.
  • EAN: 9788838935527
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    spinielli73

    03/03/2017 12.12.17

    Mi scuso con l’autore se inizio con un aneddoto personale: il 30 giugno 1990 ero in Jugoslavia (oggi: Croazia) a seguire la partita, tutti impazziti, le strade deserte (idem (il 26 in Bosnia) con la Spagna: il grido “Jugo!” che risuonava, senza retorica: ricordo bene); una partita dominata (nello stile e nel vigore) con un uomo in meno (ingiustizia!), le occasioni sprecate, i rigori coi giocatori senza allenatore (allegoria dell’autogestione jugoslava?), l’errore di Maradona che sembra fatale all'Argentina (vedo nella memoria gli slavi salire sui tavoli, abbracciarsi e piangere, come già a festeggiare), i due errori impossibili e la sconfitta (e subito dopo ancora gli slavi a scherzare su una partita già vinta e subito dopo, in un niente, persa). Eravamo seduti sul cono di un vulcano: un ricordo straziante e atroce che il libro molto bello di Gigi Riva fa rivivere puntigliosamente dolorosamente integralmente da un punto di vista determinato (il calcio come spettacolo totale) e speciale (la descrizione di una partita come frantumazione dello sguardo). (Dopo aver vinto una partita così assurda, la Jugoslavia avrebbe battuto Italia e Germania e avrebbe vinto il Mondiale: la squadra più bella e forte, senza dubbio). Sembrerebbe un libro sul passato (una calligrafia di aneddoti, cronologie, una mappa di geografie inusuali, dialoghi come botta-e-risposta quasi sognati), ma forse è un libro scritto a prefigurare un orizzonte futuro per scongiurarlo.

  • User Icon

    Claudio

    23/09/2016 18.29.51

    La dissoluzione della Jugoslavia vista con un'ottica sportiva. La nazionale di calcio nel '90, ai mondiali, era molto forte, probabilmente la più forte nazionale jugoslava di sempre. E teneva assieme serbi, bosniaci, croati, sloveni, montenegrini. La guerra civile e i massacri fino al 1995 dissolsero quella squadra, come del resto la grane nazionale di basket, seconda solo agli Usa, e forse nemmeno a quelli. La parabola finale è il rigore mancato dal capitano jugoslavo nella partita con l'Argentina. Se -chiaramente la storia non ammette se- avesse segnato e la Jugoslavia avesse vinto il campionato del mondo, cosa sarebbe successo?

  • User Icon

    charliebravo

    16/09/2016 12.45.18

    Una bellissima lettura. L'insorgere della guerra che ha devastato i balcani, dividendo famiglie e popoli, descritta attraverso le vicende sportive e familiari del capitano della naizonale Jugoslava. L'autore ci accompagna in questa storia con passione, originalità e una grande conoscenza del conflitto che ha lacerato la ex Jugoslavia. Consigliato, non solo a chi ama il calcio e le sue storie.

  • User Icon

    gigi giannotti

    14/08/2016 00.14.26

    un romanzo meraviglioso, di come lo sport puo' cambiare il corso degli avvenimenti. Complimenti all'autore. da non perdere

  • User Icon

    laura

    06/08/2016 22.17.32

    ho comprato il libro appena uscito circa due mesi fa e mi è piaciuto molto, pera tre motivi. Anzitutto adoro il gioco del calcio e lo seguo molto da vicino, inoltre la storia dei paesi balcanici dopo la morte di Tito mi ha sempre interessato, da ultimo io scrivo da Firenze e a quella partita con mia figlia c'ero! Sono stata sfiorata dalla storia e non me ne sono accorta , il libro è affascinante.

  • User Icon

    Michele

    12/06/2016 16.10.10

    Libro intenso che narra la guerra dei Balcani attraverso le gesta sportive e gli stati d'animo degli atleti ex jugoslavi. Un racconto della guerra scritto con un taglio particolare, quello dello sport di fondo, in maniera approfondita, puntuale che rivela la passione e l'intensità emotiva di chi la scritto Per chi conosce quella triste storia e per chi ha visto quei luoghi, di cui la guerra è ancora purtroppo protagonista silenziosa, l'ho consiglio vivamente

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione