Traduttore: N. Gobetti
Editore: Einaudi
Collana: I coralli
Anno edizione: 1999
Pagine: 190 p.
  • EAN: 9788806149482
Usato su Libraccio.it - € 5,57

€ 8,78

€ 10,33

Risparmi € 1,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile


scheda di Bajani, A. L'Indice del 1999, n. 10

Questa raccolta di racconti di Laura Hird dà un’impressione di squilibrio, sorretta com’è dal bellissimo Itinerari e contornata da altri nove racconti poco originali. Itinerari, in realtà, non è nulla di più che la narrazione del girovagare notturno di un dodicenne per le vie di Edimburgo. È il giorno del suo compleanno, e mamma e patrigno quasi neppure si accorgono della sua presenza in casa, occupati come sono a inghiottire le proprie giornate vegetando davanti alla televisione. Ma è soltanto il viaggio di una sera, il desiderio di fuggire da casa per qualche ora, e contemporaneamente la scoperta della spietatezza della città e delle proprie paure di ragazzino. Laura Hird racconta questa storia con una delicatezza e un’ironia splendide, si affaccia ai pensieri del piccolo Holden scozzese con uno stupore amaro e al tempo stesso innocente, smaliziato e ingenuo, percorrendo la stessa via di Irvine Welsh ma tenendo il proprio passo. Gli altri nove racconti (con l’eccezione forse di Unghia) purtroppo si perdono in un magma di storie già lette, di cose già viste, in quell’acidità scozzese (un racconto di Laura Hird era apparso lo scorso anno nell’antologia einaudiana Acidi scozzesi) che rischia di diventare cliché.

(A.B.)

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    mariachiara

    20/04/2008 00:11:58

    E' buona l'umanità? In linea di massima, no, tranne rare eccezioni... ma queste non trovano posto nei racconti di Laura Hird, che ci mostra come la crudeltà possa assumere molteplici forme: in un "amico" particolare che approfitta del bisogno di attenzione di una bambina dai genitori distratti, in madri troppo indaffarate coi nuovi mariti per curarsi dei propri figli, in mariti troppo fantasiosi che costringono le mogli ad esperienze indicibili...E poi, chissà fin dove potrebbe arrivare la ferocia di una moglie tradita ed abbandonata dal marito per una più giovane? E chi si è mai immaginato che cosa passi per la testa di un assassino necrofilo? Insomma, anche se ognuno cerca per quanto possa di vivere lontano da tutte queste brutture, Laura Hird è qui che ci ricorda che queste esistono,al di là delle ipocrisie e del perbenismo di facciata, e fanno parte del mondo, un mondo che in fondo in fondo, è proprio marcio...

  • User Icon

    guido

    29/08/2005 12:59:32

    Racconti mediamente di buon livello con qualche punta notevole. Davvero niente male.

Scrivi una recensione