Categorie

Heinz R. Pagels

Traduttore: T. Cannillo
Collana: Saggi. Scienze
Anno edizione: 1988
Pagine: 371 p. , ill.
  • EAN: 9788833904399

scheda di Levi, R., L'Indice 1989, n. 1

L'opera si articola in quattro parti. Nella prima viene descritto l'universo come viene visto dagli astronomi e l'autore si sofferma a descrivere oggetti quali nane bianche, stelle e neutroni, quasar, buchi neri, galassie radioemittenti, ecc... Nella seconda parte viene brevemente descritta la moderna fisica quantistica dei campi e delle particelle elementari, e la teoria del big bang. Nella terza parte si trova una carrellata sulle congetture che la fisica teorica di questi ultimissimi anni ha sviluppato e sulle loro correlazioni con l'astrofisica e la cosmologia, in particolare sono analizzare le teorie di grande unificazione, la supersimmetria e le teorie di Kaluza Klein. Infine nella quarta ed ultima parte l'autore esprime alcune sue riflessioni personali. In questo libra non si trovano tanto delle spiegazioni elementari sulle singole teoria trattate, o sui singoli oggetti che popolano l'universo, piuttosto l'autore mette l'accento sulle correlazioni tra i vari contesti. L'intento è quello di mostrare come la moderna astrofisica e le teorie quantistiche dei campi e delle particelle elementari sono profondamente legate e si influenzano l'una con l'altra in modo determinante. Grazie a questo connubio, è oggi possibile costruire dei modelli del big bang atti a spiegare scientificamente l'origine del tempo, la formazione delle galassie e molti altri fenomeni astrofisici.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico)

    18/11/2006 08.44.56

    Movendo da un'esposizione del quadro generale dell'Universo dinamico,Pagels ci conduce proprio allo studio degli istanti che precedono il primo miliardesimo di secondo:solo qui possono trovare risposta alcuni interrogativi cosmologici che ancora ci lasciano perplessi,come l'apparente uniformità dell'Universo o l'origine delle galassie.Nell'ultima parte del libro,vengono esposti alcuni modelli dell'origine vera e propria dell'Universo,cioè di come la struttura dello spazio,del tempo e della materia possa essersi formata dal nulla assoluto.Secondo la metafora di Pagels,l'Universo può essere visto come un "calcolatore cosmico" di cui le particelle quantistiche costituiscono l'hardware e le leggi della fisica il software,mentre l'evoluzione cosmologica rappresenta l'esecuzione del programma: un programma che siamo sempre meglio in grado di leggere.

Scrivi una recensione