L' uomo che uccise Don Chisciotte (DVD)

The Man Who Killed Don Quixote

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Man Who Killed Don Quixote
Regia: Terry Gilliam
Paese: Spagna; Belgio; Francia; Portogallo; Regno Unito
Anno: 2018
Supporto: DVD
Salvato in 33 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 9,99 €)

Toby , un cinico regista di spot pubblicitari, torna in Spagna nei luoghi in cui dieci anni prima, ancora pieno di passione e speranze, aveva girato un film ispirato al capolavoro di Miguel de Cervantes. Scoprirà che quel suo lavoro giovanile ha segnato per sempre la piccola comunità che aveva partecipato alle riprese. In particolare, un anziano calzolaio , convinto dai tempi del film di essere il vero Don Chisciotte. Come moderno Sancho Panza, Toby vivrà con lui fantastiche e rocambolesche avventure, in bilico tra fantasia e realtà.
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Sebastiano

    22/09/2019 12:34:24

    Se da una lato la seconda parte della pellicola abbandona le sue regole narrative per inoltrarsi nel territorio della follia e si ispira chiaramente ai fatti che hanno ruotato attorno alla reale lavorazione del film, dall’altro un intrinseco labirinto popolato da riferimenti all’attualità – il presente – ed il mondo delle memorie e del passato, apre una riflessione sull’esistenza stessa; si sta bene quando si rimane intrappolati nei propri sogni, o nella propria follia, al punto che, come nel caso di Javier, rinchiudersi in essa diventa l’unico modo per non soccombere. Seppur con i suoi difetti e le sue forzature non si può negare che L’uomo che uccise Don Chisciotte racchiuda quei due elementi essenziali che per chi ama il cinema non dovrebbero mai mancare: un’anima e un grande cuore.

Un film in cui, in un continuo intersecarsi di tempi tra presente e memoria del passato, ci si chiede cosa ne sia stato delle utopie giovanili

Trama

Toby è un regista di spot che sta attraversando la Spagna per delle riprese. Durante il viaggio s'imbatte in uno studente che gli da una copia del primo film che Toby realizzò mentre era ancora uno studente: una versione della storia di Don Quixote ambientata in un antico e caratteristico villaggio spagnolo. Commosso, Toby parte per un bizzarro viaggio alla ricerca del piccolo villaggio dove aveva girato quel film. Ma presto si troverà coinvolto in una serie di catastrofi.

  • Produzione: Eagle Pictures, 2019
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 132 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Italiano (DTS 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Terry Gilliam Cover

    Terry Gilliam (1940) è regista, sceneggiatore, animatore, attore e membro dei Monty Python. È noto per aver diretto film di culto come Brazil (1985), Le avventure del barone di Munchausen (1988), La leggenda del re pescatore (1991), L’esercito delle 12 scimmie (1995) e Paura e delirio a Las Vegas (1988), ed è considerato uno dei registi più importanti del Novecento. I suoi film hanno un aspetto caratteristico, spesso riconoscibile anche da brevi estratti: elemento peculiare del suo stile è il gusto per un esasperato eclettismo figurativo, di spiccata matrice postmoderna, in cui bello e brutto, antico e moderno, sublime e kitsch, elementi di cultura "alta" e avanzi pop si intrecciano senza ordine gerarchico. È autore dell'autobiografia Gilliamesque... Approfondisci
  • Jonathan Pryce Cover

    Propr. John P., attore inglese. Cresciuto sui palcoscenici londinesi come attore di formazione shakespeariana, fa la sua prima apparizione cinematografica in La nave dei dannati (1976) di S. Rosenberg ma impone il suo raffinato e poliedrico talento sul grande schermo solo con Brazil (1985) di T. Gilliam, in cui interpreta il timido protagonista Lowry. In seguito, mentre prosegue con successo la carriera teatrale, stenta a trovare ruoli all'altezza della sua classe e si fa notare in Americani (1992) di J. Foley. Nel 1995 ottiene il premio come miglior attore al Festival di Cannes per Carrington di C. Hampton, e nel 1996 è Juan Perón in Evita di A. Parker. Mostra anche di sapere ricoprire ruoli da cattivo in 007 Il domani non muore mai (1997) di R. Spottiswoode e in Ronin (1998) di J. Frankenheimer.... Approfondisci
Note legali