L' uomo che veniva da Messina

Silvana La Spina

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Giunti Editore
Collana: Scrittori Giunti
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 4 novembre 2015
Pagine: 352 p., Brossura
  • EAN: 9788809815995
Salvato in 27 liste dei desideri

€ 15,30

€ 18,00
(-15%)

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

L' uomo che veniva da Messina

Silvana La Spina

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


L' uomo che veniva da Messina

Silvana La Spina

€ 18,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

L' uomo che veniva da Messina

Silvana La Spina

€ 18,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 18,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Messina, 1479. Un uomo sta morendo nella sua casa, dopo aver vagato per mesi accompagnato da una bara con dentro una giovane donna. È Antonello da Messina, il grande pittore siciliano, appena tornato da una Venezia flagellata dalla peste. Antonello è famosissimo ormai. Ma la Sicilia non ama i suoi figli più geniali e Antonello lo sa. Per questo adesso, nel delirio finale, invoca il vecchio maestro Colantonio. Quel delirio gli farà rivivere l'infanzia pezzente e l'incontro con i misteriosi artisti del Trionfo della Morte; lo porterà da una Napoli dominata dai cortigiani, come il Panormita e la bella Lucrezia, alla Roma dei cardinali cialtroni e delle puttane; dalla Mantova del Mantegna, alla Arezzo di Piero della Francesca. Da Bruges, dove finalmente scoprirà l'amore e persino il segreto della pittura a olio, a una Venezia che gli darà fama e gloria e l'amicizia coi Bellini. Il romanzo è anche l'affresco dell'epoca, crudele, affamata di gloria, dove domina l'Angelo della Morte. Tanti sono i comprimari di questa vicenda, dai familiari meschini e sanguisughe, alla nana Nannarella morta per amore nei vicoli di Napoli; dall'aristocratica Volatrice e forse erede al trono di Sicilia, al buffone Cicirello; dai viceré scaltri, ai fanatici frati Osservanti, che scatenano a Messina rivolte contro il malgoverno. Ma in quei viaggi una sola luce per Antonello: Griet, la figlia bastarda di Van Eych. E una sola ossessione: la pittura a olio dei fiamminghi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    DalVerdeAlBlu

    06/03/2017 12:15:55

    Ricordo bene la mostra antologica del giugno 2006 dedicata ad Antonello da Messina presso le Scuderie del Quirinale a Roma. Tra le più belle ed interessanti mai realizzate in Italia. Rimasi letteralmente rapito e folgorato dall’Annunciazione, dipinto che ritrovai, quasi dimenticato e nascosto, al Palazzo Abatellis di Palermo alcuni anni dopo. Già allora mi chiedevo che personaggio fosse Antonello da Messina. Cosa celasse. Un alone di mistero circondava la figura del pittore siciliano. Il bel libro di Silvana La Spina fa un po’ di luce sulla vita avventurosa dell’artista ma, soprattutto, ha il merito di raccontare, con un preciso ed incisivo stile narrativo, quel determinato periodo storico in cui visse Antonello da Messina. Il divino pittore (1430 – 1479), tra i più rappresentativi della sua epoca, fu attivissimo e viaggiò molto, sia in Italia che all’estero. Napoli, Roma, Mantova, Arezzo, Venezia, Milano e Bruges dove conobbe la donna che avrebbe cambiato per sempre la sua vita, Griet, la figlia bastarda di Van Eych. Per anni vagò tra le corti più importanti d’Italia con lo spirito libero e l’entusiasmo di un ragazzino. Incontrò colleghi altrettanto famosi con cui strinse amicizie durature (Bellini su tutti). In Belgio scoprì la nuova e rivoluzionaria pittura ad olio che gli permise di aumentare il suo prestigio. La famiglia rallentò solo parzialmente la sua intensa attività lavorativa, mentre la sua ossessione per le donne alimentò il suo estro creativo. Le pagine dedicate alla relazione tra Antonello e la giovane Griet sono tra le più belle e commoventi del romanzo. Nel delirio della morte è lei che ricorda rivolto al caro maestro Colantonio. Un romanzo ricchissimo di personaggi, di episodi drammatici ma anche divertenti e spassosi che rimangono nella mente del lettore. Esilaranti le descrizioni dei bordelli e delle taverne napoletane. Un meritatissimo tributo all’uomo che veniva da Messina , tra i maggiori e più moderni pittori del Quattrocento.

  • User Icon

    Alex

    10/03/2016 15:56:55

    Talmente bello questo romanzo che dovrebbero regalarlo a tutte le biblioteche del regno e fare in modo che molti possano leggerlo. Figura sofferta, dolce, amara, brigantesca, livida, lupesca questa di Antonello. Tutti lo pensano dolce come la sua Annunciazione con la mano alzata....Silvana La Spina lo descrive invece come uomo del suo tempo, un Caravaggio in anticipo di due secoli. Nella pinacoteca di Como c'e'una piccola tavola a lui attribuita e nessuno mai va a vederla: coraggio, due passi in città per andare in Pinacoteca e poi leggere questo bellissimo libro.

  • User Icon

    Attilio Alessandro

    09/03/2016 08:29:46

    Bellissimo romanzo. Perfetta descrizione delle Messina e dalle Napoli del XV secolo e bella descrizione di Antonello uomo, così ruvido, introverso, addolorato e lacerato. Così completamente diverso dalla sua Annunciazione serena e dolce. Silvana La Spina è una grande affabulatrice. Più che consigliato...da leggere assolutamente.

Note legali