L' uomo e i suoi simboli - Carl Gustav Jung - copertina

L' uomo e i suoi simboli

Carl Gustav Jung

Scrivi una recensione
Traduttore: R. Tettucci
Editore: TEA
Collana: Saggistica TEA
Edizione: 5
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
In commercio dal: 16 marzo 2004
Pagine: 326 p., Brossura
  • EAN: 9788850205523
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 5,40

€ 10,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

5 punti Premium

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile

9 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Pur essendo l'ultima opera di Jung, "L'uomo e i suoi simboli" rappresenta forse la più valida introduzione al suo pensiero, poiché si tratta dell'unico testo a carattere dichiaratamente divulgativo pubblicato dal grande psicologo svizzero. Oltre al saggio di Jung, "Introduzione all'inconscio", il volume raccoglie quattro contributi dei suoi più stretti collaboratori: Marie-Louise von Franz, Joseph L. Henderson, Jolande Jacobi e Aniela Jaffé. Ne risulta una trattazione a più voci, chiara ed essenziale, della «psicologia analitica», una limpida esposizione di cosa sia l'«inconscio collettivo» e di come si manifesti.
4,83
di 5
Totale 5
5
4
4
1
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    rosa

    23/09/2018 12:26:31

    L'uomo e i suoi simboli è una delle opere che più mi hanno formato. Nelle intenzioni di Jung questo libro doveva essere il compendio di tutta una vita di studi sulla psicanalisi e su tutte le conoscenze fin lì acquisite. Per raggiungere il suo scopo ha preferito lasciare che i suoi allievi e collaboratori più stretti scrivessero un capitolo ognuno. Il risultato è quella che possiamo definire l'eredità di Jung ai posteri. Il libro è scritto con l'intento di essere compreso dal più alto numero di persone possibile e per fare ciò testò quanto raccolto fino a quel momento dandolo in lettura ad una persona totalmente a digiuno di materie inerenti la psicanalisi. Un libro che non deve mancare sui vostri scaffali, ma soprattutto nella vostra mente.

  • User Icon

    Ceci

    27/07/2013 13:09:25

    Eccellente il saggio di introduzione all'inconscio di Jung, approfondito e ben esposto. Un po' meno i saggi dei suoi studenti...

  • User Icon

    Giovanni

    25/10/2007 13:54:41

    Opera testamento del fondatore della psicologia analitica è in realtà soltanto introdotta nel primo capitolo da Jung stesso, i successivi capitoli sono ad opera di suoi discepoli con la sua supervisione. Per me che non sono psicoterapeuta è stato di non facilissima lettura data la complessità e profondità dell'argomento. Indubbiamente la valuto un opera di grande importanza per l'uomo contemporaneo che ha perso il contatto con la sua natura interiore e ne paga il prezzo con le nevrosi individuali e collettive.

  • User Icon

    marco d

    18/04/2007 13:20:45

    quanti psicologi in tv a dare commenti... riflessioni prese al volo brevi lampi di interpretazioni analisi, suggerimenti. e quanti studenti nelle facoltà di psicologia...giustamente l'uomo moderno si rivolge alla psiche e si guarda si interroga , riflette. ma la tv è frettolosa non c' è mai abbastanza tempo, e poi chi sono questi psicologi televisivi ? come sono arrivati fino a lì? ecco invece una voce sicura e paterna...di un grande maestro. ricominciamo da qui?

  • User Icon

    Fabio Marzocca

    25/09/2006 18:06:10

    Una lettura indispensabile per avvicinarsi ai simboli dell'uomo, ai miti che ne governano la struttura, ma soprattutto una traccia verso l'invisibile.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Carl Gustav Jung Cover

    Carl Gustav Jung inizia la sua attività nel 1900 come assistente psichiatrico nell'ospedale Burghölzli, diretto da Eugen Bleuler. Nel 1907 conosce Sigmund Freud, con cui stabilisce uno stretto rapporto di studio e di lavoro, ma nel 1912 la pubblicazione di La libido. Simboli e trasformazioni segna la rottura del loro sodalizio.Esperienza decisiva, da cui mette a punto la sua teoria di derivazione psicoanalitica, chiamata "psicologia analitica" o "psicologia del profondo".La maggior parte delle sue opere sono pubblicate dalla casa editrice Bollati Boringhieri. Approfondisci
Note legali