Vademecum per perdersi in montagna. Nuova ediz. - Paolo Morelli - copertina

Vademecum per perdersi in montagna. Nuova ediz.

Paolo Morelli

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Nottetempo
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 22 giugno 2017
Pagine: 157 p., Brossura
  • EAN: 9788874526741
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 13,50

Venduto e spedito da LIBRERIA KIRIA

Solo 2 copie disponibili

+ 4,90 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 12,82

€ 13,50
(-5%)

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

€ 7,29

€ 13,50

Punti Premium: 7

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 13,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In questo manualetto di filosofia di montagna, Morelli considera una fortuna che la terra sia corrugata e continui in futuro a corrugarsi e a generare rilievi, nonostante le acque lavorino per rendere i continenti lisci, adatti alle strade asfaltate e alla civiltà della ruota. Da pochi lustri si è appreso che le principali catene montuose, contorcendosi come vertebrati, salgono ogni anno di qualche decimillimetro. Questo libro è per chi gode di tale notizia, e spera invece che il mare si allontani, assieme alle spiagge, alle cabine e ai bagnanti, che sono concettualmente agli antipodi. Il libro si vedrà che è al fondo un po' stoico, anche un po' scettico (forse taoista, anche se l'autore certo non lo direbbe); il che serve a moderare i furori alpestri e la foga ascensionale degli zotici, ma anche a far sorgere la voglia di una fuga definitiva e felice tra i monti, con tutto l'indispensabile. (Ermanno Cavazzoni)
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Paolo Morelli Cover

    Vive a Roma. Ha pubblicato Poetromachia (1993), Quattro notti mai successe (2001), e un volumetto di haiku. È stato critico cinematografico (anche premiato), redattore de "il Male", "Frigidaire", "Movie magazine" e "Poetical", sceneggiatore, autore teatrale e radiofonico, regista di fotoromanzi, redattore dell’almanacco “Il Semplice”. Ha inciso un disco jazz per la Fonit-Cetra. Dal 1998, insieme a Ermanno Cavazzoni, Paolo Nori, Ugo Cornia e altri, ha portato in scena lo spettacolo di letture Animali Parlanti. Collabora a ll manifesto come cronista calcistico. Da anni studia la lingua cinese. Per nottetempo ha pubblicato Vademecum per perdersi in montagna (2003), Er Ciuanghezzù (2004) e Il trasloco (2010). Approfondisci
Note legali