Vani d'ombra - Simone Innocenti - ebook

Vani d'ombra

Simone Innocenti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Voland
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 678,18 KB
Pagine della versione a stampa: 146 p.
  • EAN: 9788862433792
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un piccolo paese di campagna, ci si conosce tutti. Impossibile non annoiarsi. In particolare se hai tredici anni, la scuola è finita, fa caldo e i vestiti ti si appiccicano addosso. Capita che a voler passare il tempo poi si diventa curiosi e con un binocolo in mano si possono vedere tante cose. Nascosto tra le fronde di un albero, Michele scopre che la colf del notaio, tutti i pomeriggi, incontra uomini. Ogni giorno uno diverso. È come stare al cinema senza pagare il biglietto. Il conto arriva quando viene scoperto dalla donna, trascinato per un orecchio e rinchiuso a chiave dentro il suo armadio. Imprigionato e al buio, Michele è costretto a una rivelazione che segnerà per sempre la sua vita.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Virginio

    20/09/2019 16:56:17

    Ci sono libri che non possono essere letti con leggerezza, perché necessitano di una conoscenza approfondita della materia letteraria. È questo il caso di Vani d’ombra, romanzo capace di sbalordire per la sua architettura. Fin dalle prime pagine capiamo bene in cosa ci stiamo imbattendo, ossia, nella storia di un individuo disturbato, schizofrenico, che lotta contro se stesso, contro il mostro che è in lui. Un mostro generato da un trauma che sa accarezzarlo, amarlo e tradirlo. Mentre leggevo, mi sono venuti in mente autori come Thomas Bernhard e José Saramago, sia per lo stile usato da Innocenti, che fa largo uso del verso infinito; sia per quel modo di delineare con razionalità l’assurdo. Ottimo

  • User Icon

    Tiziana

    19/07/2019 18:39:45

    Sono vani, ma anche angoli bui, pareti piene di chiodi, gabbie fatte di ossessione. Claustrofobia e soffocamento, ma anche acutezza e apertura di un pensare laterale che spazia come un faro, anzi come un periscopio che emerge dagli abissi. Sono una lettrice vorace, ma questo libro ho dovuto gustarlo a piccoli bocconi, perché è contorto, cólto, impegnativo e dà tanto in cambio della poca luce che toglie. Un protagonista sui generis, immenso e tolale, che impara a trasformare i suoi fardelli in altari consacrati, i suoi tabù in totem, i disagi in occasioni. Michele giganteggia e incombe, oscura, invade e allaga come un incubo. È onnipresente e inquietante, ma magnifico. Insomma, Innocenti ha scritto una grande storia, che impatta come un megalite, ma ha la raffinatezza di una dettagliata miniatura.

Note legali