Categorie

Anton Zeilinger

Traduttore: L. Lilli
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: X-218 p. , Brossura
  • EAN: 9788806184926

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giambattista Scivoletto

    03/11/2010 23.14.42

    Un bel titolo per un libro veramente noioso. Se non siete fisici ma volete solo cercare di capire un po' la fisica, ve lo sconsiglio.

  • User Icon

    joe123

    13/09/2010 13.19.49

    Il problema di questo libro sta nel fatto che il suo autore non è un fisico teorico, ma uno sperimentatore accanito. Il risultato è che quattro quinti del testo sono dedicati alla disanima ed alla discussione di esperimenti (di Zeilinger e altrui). La teoria dietro di essi e le loro conseguenze sul piano squisitamente concettuale sono esposte in poche frasi stringate alla fine di queste lunghe, spesso tediose spiegazioni di esperienze di laboratorio. La poca attitudine di Zeilinger alla speculazione teorica lo porta ad interessarsi principalmente delle applicazioni pratiche della meccanica quantistica, tralasciando quasi interamente le sue sconvolgenti conseguenze filosofiche. Per chi vuol capire davvero come la fisica quantistica abbia distrutto alla base la visione “classica” del mondo questo libro non è affatto consigliabile. Dal punto di vista della pura divulgazione, resta imbattibile ancora oggi, a trent’anni dalla pubblicazione, “Universi possibili” di Paul Davies, purtroppo mai ristampato.

  • User Icon

    Paolo Sardi

    13/09/2009 01.41.16

    Mamma che noia! I casi sono due: o la meccanica quantistica è una disciplina esoterica invece che scientifica oppure l'autore ha fatto un pessimo lavoro a livello divulgativo. Ci si concentra troppo sulla parte sperimentale senza arrivare a descrivere in modo strutturato la filosofia di fondo di questa branca della fisica. Anche la relatività contiene elementi paradossali rispetto alla esperienza di tutti i giorni, ma i libri divulgativi sulla relatività che ho letto sono molto più efficaci nel descrivere la filosofia di fondo che emerge dalla teoria.

  • User Icon

    Marco_DP

    01/03/2009 10.46.20

    Un bel libro che mi sento di consigliare a tutti gli appassionati di fisica. Si tratta di libro di genere divulgativo, che non contiene formule, ma che traccia la storia della fisica quantistica e soprattutto ne evidenzia i dubbi che insorgono nell'uomo di scienza dai risultati che ne derivano. Non si trovano risposte sui misteri che affliggono la fisica quantistica (risposte che del resto ad oggi nessuno ha), ma si trovano ben esposti i dubbi che si sono posti i ricercatori e i metodi che hanno seguito per tentare di chiarirli.

  • User Icon

    GIAVA

    07/07/2008 17.35.36

    Interessante e (volutamente) divulgativo ,espone in maniera piana i problemi ( veramente infiniti nel senso letterale del termine ) delle sperimentazioni legate alla microfisica(soprattutto) della materia (soprattutto particelle e fotoni) nella teoria dei quanti elaborata fra gli anni '20 e '35 dello scorso secolo. Terreno veramente proibitivo in cui gli approcci(per chi ha letto , beninteso, molto su questi esperimenti e sulla teoria) sono molteplici e i punti di vista assai divergenti ,e tal- volta,anche contraddittori. Beninteso l'A.cerca di evitare e limitare formule e alta matematica( come ad esempio non evita,per fare una citazione,il Penrose,per il quale le spiegazioni fisiche non possono fare a meno di complesse ,e non a portata di tutti, formule e calcoli di matematica che vanno oltre le cognizioni universitari tout court.Quel che è interessante in questo libro è la nozione di 'informazione' che viene evidenziata come centrale a tutto il sapere moderno (e d'altronde si capisce:dopo Wittgenstein,Chomski,Foucault, Popper,e Compagni,non meraviglia questo tipo di sviluppo delle ricerche della 'verità'? _tra virgolette_tanto anatemizzata da Nietzsche,che sta dietro a tutto il XX secolo,eccome!).Forse non è specialistico certo al massimo il fisico viennese,ma mi chiedo : quanti lettori e cultori di questa scienza si sentono onestamente a loro agio quando leggono Fisica dei Quanti?

  • User Icon

    Carlo M.

    26/05/2008 08.37.57

    Sicuramente il peggior libro di divulgazione di fisica quantistica che abbia letto (o meglio: tantato di leggere). Confusionario, ripetitivo e sconclusionato: evitarne l'acquisto, con buona pace di Anton ZEILINGER, che certamente sarà un grande fisico, ma se insegna come scrive non vorrei essere un suo allievo!... Unico punto positivo: la legatura a filo, che ancora resiste (per fortuna) in una parte delle edizioni Einaudi. Il miglior volume sull'argomento è quello di GHIRARDI - UN'OCCHIATA ALLE CARTE DI DIO - anche se Dio in queste faccende non c'entra, come ritiene il grande Zichichi (a quando il Nobel a coronamento della sua mirabolante vicenda scientifica?). Sembra tuttavia che inserirlo nel titolo faccia salire le vendite (mi sono chiesto: non sarà che qualche bacchettone lo acquista per questo motivo, per poi restare amaramente deluso, dato che nel testo Dio non compare mai in scena?).

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione