Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Recensioni Venerati maestri. Operetta immorale sugli intelligenti d'Italia

  • User Icon
    18/09/2007 15:40:23

    delizioso nella sua intelligente ironia.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    09/03/2007 17:47:35

    Berselli, a differenza di quello che ho letto nella maggior parte delle altre recensioni dei lettori, riesce con sagacia, con immensa preparazione, a volte sfociando nell' "onnipotenza", e con l'ironia tipica dell'uomo di cultura universale a darci un quadro tristemente perfetto della cultura attuale e soprattutto dei suoi rappresentanti più quotati. Ci fa capire che superato il passaggio da soliti s... a venerati maestri tutto sembra consentito, anche quando si crea l'incompresibile bisogna adularlo passivamente. Mi auguro comunque che un giorno figuri tra i venerati maestri anche il nome di Berselli.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/02/2007 10:12:24

    Questa volta il Berselli ha esagerato. Nel voler essere spiritoso e onnicomprensivo non salva nessuno, nemmeno se stesso, che pure ha attraverstao la stagione Einaudi, poi quella Adelphi, per essere qui a dirigere riviste e case editrici, scrivere libri, e comparire in tv, forse non per diventare venerato maestro, ma certo col rischio di finire nel baratro dei soliti s... Nella notte nera tutte le vacche sono uguali, e invece le differenze restano e contano: tra Giulio Einaudi e Giuliano Ferrara scelgo Einaudi, che aveva intorno a sé gente come Calvino, Pavese, Vittorini, e scusate se è poco. Lo scrittore Calvino non è lo scrittore Baricco, il polemista Pasolini non è il polemista Busi; i film di Nanni Moretti possono non piacere, resta il fatto che è l'unico ad aver raccontato veramente quella generazione; come i Monicelli, i Risi, hanno raccontato la generazione uscita dalla guerra, Moretti solo ha raccontato la generazione uscita dal '68, gli altri, da Verdone in giù hanno presentato solo macchiette. Il risultato è un libro dove tutto si confonde, e l'excusatio non petita finale non fa che ribadire che il gioco non è riuscito: l'ironia che si vuol spalmare su tutto, senza distinguere, finisce in melassa, poco divertente e anche un po' fastidiosa.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    07/02/2007 23:21:20

    Divertente, letto in pochi giorni. Puzza di pettegolezzo abietto. Abbatte idoli, ma nel frattempo Berselli recensisce Baricco, senza strocarlo, sulla comune "Repubblica". L'ho letto con un minimo divertimento, finito con una certa delusione. Berselli non è certo un venerato maestro. La sua saccenza cozza, ad esempio, col suo parlare di calcio come di cosa degna di nota. Non è certo Brera e non credo che Brera stesso fosse chissà che. Uscivo da un "Cacciatore di aquiloni" regalato, finito faticosamente. A mente fredda, ridurrei a due le stellette

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    10/01/2007 13:13:43

    Non si capisce bene se prende in giro i lettori o si prende in giro da solo. Secondo me trasuda abbastanza invidia, salta da una citazione all'altra senza un filo logico apparente. Non lo consiglio.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    24/12/2006 14:54:21

    La cultura sarà da piangere, ma il libro non è da ridere. Questo libro Berselli se e ce lo poteva risparmiare. E' stato un vero tiro mancino ai suoi lettori che in futuro faranno bene a riflettere prima di accingersi in nuove letture del maestro Berselli.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/12/2006 14:30:13

    Anche se da iniziati, un divertimento per noi, e per l'autore, e un sollievo per quanti hanno vissuto più stagioni. Forse è incompleto!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    03/12/2006 14:50:33

    Un saggio che vuole essere un divertissement sulla cultura italiana ed i suoi esponenti più venerati. Forse ci riesce. Nel senso che diverte lo scrittore, perché il povero lettore...

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    24/11/2006 22:10:36

    Alzi la mano chi, dopo aver letto l'ennesimo libro o visto l'ennesimo film del venerato maestro di turno osannato dalla critica ed esaltato dal pubblico, non ha pensato in tutta onestà di trovarsi di fronte ad una boiata pazzesca ma non l'ha detto per evitare di essere additato come un disfattista. Questo libro dà voce a tutte le voci fuori dal coro conformista. Non ho dato il massimo del punteggio solo perchè a volte risulta contorto ma vale la pena leggerlo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    23/11/2006 23:27:39

    Berselli, con tocco comico, si scaglia contro la cultura dominante smascherando fatuità e sciocchezze dell’industria culturale odierna. Lo stile è bonario e divertito e dal tono bonario si intuisce che parla di amici.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    22/11/2006 10:33:11

    Magnifico. Lo leggi e godi. Scritto con deliziosa e irriverente ironia. Finalmente qualcuno che dice le cose che in molti pensiamo su insopportabili intoccabili. Un libro da regalare a tutti i conformisti politicamente corretti per farli finalmente pensare con la loro testa.

    Leggi di più Riduci