Venere in pigiama

Boys' Night Out

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Boys' Night Out
Paese: Stati Uniti
Anno: 1962
Supporto: DVD

42° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Commedia - Comico

Salvato in 1 lista dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 12,99 €)

Tre amici sposati incaricano un quarto, Fred, lo scapolo del gruppo, di trovare un appartamentino in città nel quale vivere qualche avventuretta. Nell'appartamento, però, si è installata Kate, una giovane sociologa dedita allo studio del comportamento dell'uomo sposato. Lei non crede ai suoi occhi quando scopre di potere avere a disposizione così tanto materiale umano per i suoi studi...
  • Produzione: DNA, 2016
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 112 min
  • Lingua audio: Italiano
  • Area2
  • James Garner Cover

    Nome d'arte di J. Scott Bumgarner, attore statunitense. Lascia la scuola a sedici anni per entrare nella marina mercantile. Esordisce a Broadway nel 1954 in un piccolo ruolo da comparsa. Soltanto dopo qualche anno di gavetta in televisione, il regista D. Butler lo fa debuttare al cinema nel 1956 in La ragazza che ho lasciato. Il successo arriva grazie a un contratto con la Warner Bros che lo impegna nel serial televisivo Maverick (1957) di F. Adreon e altri, in cui interpreta un uomo sempre pronto a usare il suo ingegno per cavarsi dai pasticci. Lascia la serie per questioni economiche e passa al cinema, dove gli affidano personaggi simili a quelli che aveva interpretato in tv. Torna poi al cinema da star in Fammi posto tesoro (1963) di M. Gordon, e La grande fuga (1963) di J. Sturges. Riappare... Approfondisci
  • Kim Novak Cover

    "Nome d'arte di Marilyn N., attrice statunitense. Attiva dal 1954 (Criminale di turno di R. Quine; Phffft (e l'amore si sgonfia) di M. Robson), abilmente lanciata da due film (L'uomo dal braccio d'oro, 1955, di O. Preminger e Picnic, 1956, di J. Logan), è poi spesso male impiegata dai produttori, che preferiscono puntare sul suo fascino fisico che sulla sua bravura di interprete (Un solo grande amore e Pal Joey, entrambi del 1957 e di G. Sidney; La donna che visse due volte, 1958, di A. Hitchcock; Una strega in paradiso, 1958, di R. Quine). Mentre Nel mezzo della notte (1959) di Delbert Mann ne segnala guizzi di intensa e toccante sincerità, altrettanto non si verifica nelle occasioni successive, pur professionalmente pregevoli (L'affittacamere, 1962, di R. Quine; Baciami, stupido, 1964, di... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali