Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Recensioni Via dalla pazza folla

  • User Icon
    06/07/2021 16:24:10

    Questo è stato il mio primo romanzo di questo scrittore inglese e ha superato di gran lunga le mie aspettative! Penso che per certi aspetti si discosti dal prototipo di romanzo classico, per via della protagonista Bathsheeba Everdeen, una donna dal carattere forte e determinato, a cui viene affidata la gestione della fattoria di uno zio. In una società nella quale la figura femminile doveva adempiere ai doveri coniugali, Thomas Hardy racconta della straordinaria capacità di una donna che manda avanti un'attività, con l'aiuto del giovane Gabriel Oak, innamorato da sempre di lei. Gabriel è il secondo protagonista di questa avvincente storia: un tempo fittavolo, con grandi speranze per il proprio futuro, perderà la propria posizione a seguito di una tragedia che lo porterà a diventare pastore. Consapevole del proprio ceto sociale, amerà con discrezione la protagonista, finché quest'ultima, riuscirà a capire che c'è molto di più se si annullano le convezioni sociali.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    29/01/2021 14:36:12

    Bellissimo romanzo che, pur non avendo la potenza di Tess dei D'Uberville, riesce nondimeno a proporre argomenti e temi interessanti, al di là dell'apparente semplicità della storia. Un melodramma agreste, è stato definito questo racconto: certo lo è, ma è anche qualcosa in più. Grande protagonista silenziosa è la Natura ,la meravigliosa ambientazione agreste, che accompagna le azioni dei personaggi, quasi partecipando ai dolori, ai sogni , alle passioni degli esseri umani. Il paesaggio meraviglioso e descritto con colori vivi,i boschi, le terre coltivate ,i cieli plumbei e i tramonti rosati, e poi il silenzio incantato delle strade campestri , il canto degli uccelli : tutto fa da scenario a passioni primordiali, ad inquietudini che sono invece già moderne...La protagonista, intelligente ma avventata ed impulsiva, capace di gesti audaci ed impensabili in una donna dell'epoca, come viaggiare da sola in piena notte, guidando un carro, o aprire una bara , sembra quasi un'anticipazione della donna moderna, indipendente e autosufficiente. Ma lo scrittore, pur sempre uomo di due secoli fa, a tratti lascia intravedere un giudizio negativo sullo spirito femminile . Emerge, comunque secondo me, l'antico pregiudizio della cosiddetta instabilità psicologica femminile, una presunta laevitas animi dalla quale nemmeno Hardy riesce a riscattare il suo pensiero. Ciò nonostante, tra le righe della storia , affiorano temi nuovi e l'ansia di riscatto e di autonomia delle nuove ed emergenti classi sociali, che vogliono anch'esse avere un posto nel mondo. E su tutto, una bella storia d'amore. Unica caratteristica che nuoce, forse, al libro : la narrazione un pò troppo lenta, specie nella parte centrale. Ma resta, in ogni caso, un'opera meritevole. A lettura terminata, sembra quasi di avere vissuto nel mondo campestre descritto e camminato sui suoi sentieri , ascoltando il soffiare del vento e le mille voci della campagna.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/11/2020 19:41:12

    Che dire, si tratta di uno dei miei romanzi preferiti in assoluto. I personaggi sono così umani che riesci perfettamente a capire le loro emozioni e allo stesso tempo fanno sì che tu stesso ti senta compreso. L'ambientazione poi è spettacolare: dolce, avvolgente, a tratti malinconica. Non credo sia un libro adatto a chi cerca particolari azioni o intrighi, ma è una lettura sicuramente interessante per chi ha voglia di immergersi nel mondo bucolico e nei sentimenti umani. Aggiungo anche una nota di merito per la sottile ironia che pervade il romanzo sin dalla prima descrizione di Gabriel Oak.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    23/07/2020 14:50:28

    "Questa ottima intesa che ritroviamo di solito tra persone con interessi simili, è raro purtroppo che sfoci anche in amore tra i due sessi, perché l'unione di un uomo e di una donna non si basa sul comune lavoro ma solo sul piacere. Se e quando, tuttavia, delle felici circostanze consentono lo sviluppo della somma dei sentimenti, questi si dimostrano l'unico caso in cui l'amore è forte come la morte. QUELL' AMORE CHE NESSUN ACQUA RIESCE A DISSETARE, NESSUN DILUVIO AD AFFONDARE, E DI FRONTE AL QUALE QUELLA PASSIONE CHE NE USURPA IL NOME SVANISCE COME VAPORE NELL'ARIA." La protagonista è Bathsheba, orgogliosa e testarda ma bellissima e intelligente, sensibile e passionale...libera e indipendente! Si innamora purtroppo, come succede tante volte anche a noi donne, dell'uomo sbagliato, il sergente Troy un uomo aitante e civettuolo, che non merita il suo amore. Nonostante abbia altri due corteggiatori molto più meritevoli (Oak, personaggio che non puoi non amare!), finisce per sposarlo e affrontare le conseguenze di questa scelta, ma alla fine il destino torna sempre a bussare alla sua porta... Ho letto recensioni negative su questo romanzo, lo hanno definito noioso, non scorrevole, di difficile comprensione, e così, nonostante ami la scrittura di Hardy, ho avuto sempre timore di iniziarlo perchè pensavo che non mi sarebbe piaciuto. Sbagliavo. Il romanzo è più 'elementare' rispetto ad esempio a Tess dei d'Urberville, alcuni momenti nella parte centrale possono essere noiosi perchè non accade niente di emozionate, ma stiamo parlando della penna di Hardy...è raro che sia poco scorrevole, noioso e scritto in modo incomprensibile O_O' Ognuno poi ha il suo pensiero ed è giusto che sia così, ma mi è dispiaciuto che sia stato giudicato così superficialmente e preferito più alla versione cinematografica.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    17/05/2020 12:01:19

    Introspettivo, elegante, unico nel suo genere. L'ho divorato.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    16/05/2020 19:20:50

    La parte iniziale può spaventare un po' con delle lunghe descrizioni, ma poi il romanzo scorre fluido.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    15/05/2020 18:20:31

    Ho amato questa lettura fin dalle prime pagine. La descrizione della campagna inglese e della vita rurale sono splendide, sembra di essere lì. Il Wessex è quasi un personaggio a tutti gli effetti. I personaggi sono ben caratterizzati, difficili da dimenticare soprattutto per i loro pensieri estremamente moderni per il tempo. Bathsheba è al tempo stesso determinata e insicura, indipendente anche nella sua ricerca di un appoggio. Gabriel Oak è risoluto, affidabile, discreto, una persona che mette i fatti davanti alle parole e trova sempre la forza di rialzarsi. Fin dalla sua comparsa il sergente Troy mi è sembrato viscido e non sono riuscita a farmi piacere Boldwood. Lettura consigliata a tutti gli amanti dei classici.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/05/2020 13:03:04

    Thomas Hardy è stata una piacevole rivelazione, mi ha sorpreso la sua abilità nel descrivere luoghi e personaggi molto complessi e sicuramente attuali, ma soprattutto, mi ha affascinata la vita rurale e la meravigliosa campagna inglese dell’800

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    31/03/2020 15:09:45

    buon libro,consiglio!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    13/01/2020 14:49:38

    Se non fosse per le splendide descrizioni bucoliche, gli avrei dato 1. Infatti, al di là di quelle, l'ho trovato noioso e difficile in diversi passaggi, oltre che poco coinvolgente nella storia. Tra i personaggi salvo solo il pastore Oak. Sì, meglio il film (quello degli anni 60).

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    06/09/2019 07:28:03

    Anche qui Hardy dipinge la crescita e il divenire donna di una giovane ragazza, indipendente per i propri tempi, i suoi errori e il suo orgoglio; non sono affatto da meno le vibranti descrizioni dei caratteri di Oak, che incarna lo spirito della costanza e dell'amore indefesso, Bolwood, appassionato sino alla follia ed infine il classico militare dell'epoca, Troy, incostante e giulivo fino all'antipatia. Il romanzo è accattivante, la natura è come sempre la vera protagonista, ancora più qui, dove i personaggi riescono ad ricongiungersi con il proprio sé profondo e l'altro appunto via dalla pazza folla. Unica debolezza per me è stata la struttura nell'ultimissima parte, che scivola troppo velocemente rapida e fredda quasi come una cronaca giornalistica, rispetto all''80 per cento del libro, in cui l'approfondimento degli stati d'animo dei protagonisti è davvero coinvolgente. Forse perché era uno dei primi libri di Hardy ed è uscito a puntate. Ma è comunque un capolavoro. Consigliatissimo (anche il film).

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    30/03/2019 15:35:16

    Oltre la storia, che racconta le vicissitudini di Batsceba, donna di un carattere fuori dal comune per il periodo nel quale si sviluppa il racconto; la vera protagonista di questo libro è la natura della campagna inglese. Descritta nei minimi particolari, le descrizioni precise e approfondite ti fanno sentire parte importante del paesaggio... Bel romanzo

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    08/03/2019 21:36:18

    sono rimasta fin da subito piacevolmente sorpresa dallo stile di Hardy, da quell'ironia sottile e intelligente che pervade le prime pagine, dalla sapienza acuta con cui descrive i personaggi, imprimendoli fin da subito nell'immaginazione del lettore e catturandolo nel romanzo, avvinghiandolo pagina dopo pagina fino al finale e al degno scoglimento dell'intreccio. Ho apprezzato l'evoluzione dei protagonisti, il loro percorso di crescita e maturazione, spesso ahimè dolorosa, ma che li ha portati a una nuova consapevolezza verso se stessi e verso il mondo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    07/03/2019 20:00:12

    Via dalla pazza folla racconta la crescita personale di una giovane donna, che si troverà ad affrontare da sola le difficoltà che la vita metterà nel suo cammino. Il libro non ci propone eroi o protagonisti indimenticabili, nessuno dei personaggi maschili o femminili riesce spiccare e la narrazione non raggiunge mai picchi entusiasmanti, l’elemento di maggior rilievo sono indiscutibilmente le descrizioni paesaggistiche che Hardy offre al suo lettore.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    07/03/2019 09:48:11

    La prima cosa che salta all'occhio leggendo questo romanzo è la verosimiglianza che Hardy rende sia della natura, della campagna in cui ambienta la storia, dei paesaggi rurali sia dei personaggi, uomini genuini che vivono del lavoro della terra. Questi sono gli ingredienti principali di Via dalla pazza folla. Ripercorre le vicende di Gabriel Oak, fittavolo che perde la sua fortuna, e Bathsheda Everdene, giovane ragazza che, al contrario, grazie all'eredità di uno zio riesce a migliorare la sua posizione sociale diventando lei stessa padrona di una tenuta. Oltre agli intrecci amorosi che sono la struttura portante di questo romanzo, salta decisamente all'occhio fin dal titolo quale sia l'obiettivo dello scrittore: elogiare la vita idilliaca della campagna; l'uomo e la natura vivono l'uno accanto all'altra in simbiosi e non si può in nessun modo scinderli, pena, il totale fallimento. La scrittura è molto dettagliata ma allo stesso tempo fluida. Se non fosse per alcuni personaggi, leggermente snervanti (vedi la stessa protagonista Bathsheba e Mr Boldwood subito dopo), la lettura è davvero scorrevolissima e molto godibile.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/09/2018 17:11:03

    Romanzo estremamente godibile che, accanto ad una narrazione molto ricca ed articolata nei termini, nella stesura e nell'esposizione dei concetti, accompagna uno stile estremamente fluido. L'ironia è sempre presente e i personaggi sono caratterizzati meravigliosamente. La trama è semplice e il destino dei personaggi si intreccia fino ad una delicatissima conclusione. Ognuno di loro (o quasi) a suo modo cresce e matura fino alla completa realizzazione di sé, chi in un modo chi in un altro. Il tutto contornato dal sottofondo dei personaggi minori che con i loro dialoghi colorano un romanzo da non perdere.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    21/09/2018 10:08:20

    Una giovane ereditiera è alle prese con il suo nuovo ruolo da proprietaria terriera. Tanto per complicarle un po' la vita tre uomini se la contendono. Francamente non ne capisco il motivo. È un personaggio snervante. Stupida, superficiale, spocchiosa! Tra i tre pretendenti non può non amarsi l'adorabile Oak! Un personaggio davvero stupendo! La trama del romanzo mi è piaciuta ma non mi ha convinto affatto lo stile di scrittura di Hardy! Non è sempre scorrevole e di immediata comprensione, almeno per me. A tratti addirittura noioso. Insomma, il libro non mi ha entusiasmato più di tanto. Per la prima volta ho preferito la versione cinematografica!

    Leggi di più Riduci