Categorie
Traduttore: G. Tozzetti
Editore: Iperborea
Edizione: 7
Anno edizione: 1991
Pagine: 136 p., Brossura
  • EAN: 9788870910230

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello


scheda di Baggiani, A., L'Indice 1992, n. 6

Nove racconti, accompagnati da un saggio, quasi racconto, e da alcuni frammenti poetici postumi accanto a un amaro autoritratto in terza persona dello scrittore, che basterebbe a rendere ragione del suo precoce suicidio, a trentun anni, nel 1954, dopo una frenetica attività letteraria coronata dal successo. Un successo, appunto, sentito come coercizione e colpa, in totale divaricazione dalle aspirazioni anarchico-libertarie di Dagerman, geniale scrittore di romanzi intensi e rigorosi ("Il serpente", "Bambino bruciato", e il bellissimo "L'isola dei condannati"), nonché di quella specie di testamento spirituale che è "Il nostro bisogno di consolazione" (Iperborea, 1991), oggi così attuale. Ma questi, scritti tra il 1947 e il 1953, sono quasi racconti esemplari, al di là di sperimentalismi e durezze stilistiche tipiche dello scrittore. Il taglio cinematografico di "Uccidere un bambino", insolito per l'epoca, ne accentua l'effetto choc, di contro alla misura, quasi da moderno "Cuore", ma senza retorica, del sensibile "La sorpresa". Echi lontanamente bergmaniani in altri racconti ("La scacchiera da viaggio" o "Il freddo della notte di San Giovanni"), attenta registrazione di solitudini adolescenziali, o nel delicato, fantasioso "A casa della nonna" mentre ne "L'auto di Stoccolma" affiora - sempre attraverso l'ottica infantile - la durezza della vita di campagna. Emarginati, lontani, fermati nel tempo dello scacco, questi piccoli e grandi antieroi di Dagerman, senza possibilità di riscatto, ci si consegnano come simboli della scomparsa di ogni speranza. Ma, più ancora, della infelicità senza desideri alla Handke, se nel racconto d'apertura neppure la ricerca dell'acqua verde, l'idea fissa del lord, apre possibili spiragli al ragazzo che rema, rassegnato alla rinuncia.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    rosanna robbiano

    22/09/2015 17.51.30

    In questo volume sono raccolti alcuni racconti , che a dire il vero sembrano essere più riflessioni che novelle narrate. La prosa non è sempre agevole da leggere, del resto questo fu uno scrittore politicamente impegnato, non esattamente un romanziere. Per chi ama le letture un po' più intellettuali, non per chi ama la narrazione.

  • User Icon

    Max

    29/01/2005 15.57.24

    Questo libro contiene delle perle assolute. L'autore dimostra una sensibilità straordinaria.

Scrivi una recensione