Categorie

Laurence Sterne, Ugo Foscolo

Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Edizione: 3
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
Pagine:
  • EAN: 9788811362975

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Valentina

    01/07/2012 12.19.42

    Un diario di viaggio che sicuramente rende bene l'idea del "sentimento" nel senso romantico del termine: l'unico riferimento geografico dei luoghi sono le città che i viaggiatore tocca, per il resto vengono riportati semplici episodi, o meglio,attimi, che vengono però narrati da Sterne con una tale passione e, appunto, sentimento che tendono a sublimare ogni azione, sguardo, tocco, rossore e a fissarli per sempre nella memoria. In fondo è anche quello che accade a noi quando siamo innamorati: attribuiamo ad un gesto impercettibile tutto il nostro sentimento e lo fissiamo così sublimamente nella nostra mente dove rimane perfetto ed immutabile nel tempo. Sterne è così: un viaggiatore innamorato di tutto ciò che accade fuori, perché tutto è in grado di ispirare sentimento.

  • User Icon

    Dr Andrea Di Carlo

    13/04/2012 19.17.01

    Scritto nel 1766, il 'Viaggio Sentimentale' di Yorick-Sterne è una satira non solo della letteratura del Grand Tour, ma soprattutto delle 'Letters through France and Italy' dello scozzese Tobias Smollett (uscite nello stesso anno), dove l'autore di 'Peregrine Pickles' e 'Humphry Clinker' esprime il suo disgusto e orrore per l'Italia, gli italiani e i nostri usi e costumi. Tuttavia, Sterne compie un'operazione letteraria assolutamente innovativa, introducendo un archetipo letterario, il 'viaggiatore sentimentale', il quale non è interessato ai monumenti, ma piuttosto a descrivere al lettore i suoi sentimenti, i suoi pensieri, le sue riflessioni, anticipando l'introspezione romantica e pre-romantica. L'opera di Sterne non si può dimenticare anche per la classificazione dei travellers, dove emergono due categorie fondamentali, lo'splenitic traveller', il viaggiatore ipocondriaco, di cui il lamentoso e brontolone Smollett è il simbolo, e il già citato viaggiatore sentimentale, il quale, a differenza della sua controparte, è aperto al cambiamento, al piacere, e alla novità.

Scrivi una recensione