Categorie

Violenza in famiglia e stalking. Dalle indagini difensive agli ordini di protezione

Francesca M. Zanasi

Editore: Giuffrè
Collana: Fatto & diritto
Anno edizione: 2006
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: XIX-650 p.
  • EAN: 9788814124518
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 45,05

€ 53,00

Risparmi € 7,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

45 punti Premium

Disponibile in 10 gg

Quantità:
Aggiungi al carrello

La violenza familiare è una realtà che si registra trasversalmente in ogni fascia sociale. Si manifesta attraverso comportamenti con modalità ed intensità sempre diverse, che ledono non solo il corpo ma anche, e soprattutto, la mente e gli affetti. La traccia comune è costituita dalla volontà di sopraffare il familiare debole (coniuge, convivente, genitore, nonno e così via), privandolo di dignità, decoro e libertà attraverso strategie umilianti e dolorose.
Vengono illustrate nei minimi particolari tutte le forme di violenza domestica, da quella psicologica, più difficilmente riconoscibile, a quella fisica, economica, sessuale e a quella c.d. ""assistita"". Al ventaglio delle violenze familiari è stato aggiunto lo ""stalking"" (comportamenti assillanti quali ad esempio, telefonate, appostamenti, pedinamenti).
Il volume guida il lettore verso la tutela della vittima. Prima di tutto occupandosi di tutti i reati che la violenza in famiglia può configurare, con la menzione di casi a volte poco noti (ad esempio la fuga del coniuge con l'amante può costituire reato di violazione dell'obbligo di assistenza familiare, così come la presenza in casa dell'amante violazione di domicilio). Si passa poi attraverso lo studio delle investigazioni difensive introdotte dalla Legge 397/2000, strumento capace di superare l'omertà intra-familiare. L'impianto difensivo della vittima approda poi agli ordini di protezione (sia civili che penali) introdotti dalla Legge 154/2001, che si traducono innanzitutto nell'allontanamento dell'aggressore dalla casa familiare anziché della vittima.
L'ultima tappa è dedicata all'accostamento ""famiglia"" e ""responsabilità civile"", a prima vista insolito, ma che è ormai un'ipotesi realistica e condivisa dalla dottrina a dalla giurisprudenza.