Categorie

Nicoletta Vallorani

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2004
Pagine: 411 p. , Brossura
  • EAN: 9788806160951

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Claudio

    23/04/2007 18.39.57

    E' un libro con una personalità molto forte e si presta quindi a qualsiasi giudizio: da illeggibile a bellissimo. Un libro di un umorismo malinconico con molti spunti morali e politici. Da leggere a piccole dosi

  • User Icon

    Polpette

    09/01/2006 11.12.48

    Mi ha preso subito la mano. Mi piace il modo di scrivere della Vallorani. Libro divertente, ma che classifico solo come sufficiente: il finale mi ha delusa...

  • User Icon

    alice

    06/06/2005 11.42.26

    Una volta mia sorella mi ha insegnato a fare dei cestini di ramoscelli intrecciati con essenze diverse. Quando il cestino ha assunto la sua forma definitiva aveva delle parti morbide e delle parti secche. Questo libro è un intreccio di storie diverse, un po' morbide e un po' rigide, come di universi poco rispettosi delle regole del parallelismo, in cui i personaggi che sono fantasmi o angeli o spiriti si mescolano di continuo con personaggi concreti che sono una netturbina investigatrice, un medico extracomunitario, un paralitico acido umorista e una bellissima ragazzina coi roller che scorrazza per Pasteur, un quartiere di Milano gemellato con il Belleville di Parigi. Muoversi in questo intrico di piani di esistenza è stato davvero difficile, anche se per fortuna si fa amicizia presto con questi personaggi sgangherati (mia sorella, che è pedante vuole che io conosca l'etimologia delle parole, che poi è il loro vero peso specifico). Sgangherati perché fuori dai gangheri, cioè dagli appoggi solidi, i cardini, in cui una porta si apre e si chiude, sgangherati perché fuori dagli appoggi sociali, davvero davvero emarginati, in una comunità ai bordi di un mondo che non li riconosce, nemmeno se li vede un sacco di volte. In questo libro non si muore, chi viene ucciso rimane al fianco dei propri amici, a consigliare, a rompere, a disturbare e a dare affetto. Proprio una bella storia bislacca.

  • User Icon

    ben

    06/06/2005 11.31.11

    Ho letto "visto dal cielo" e, sebbene tutto scorra, devo dire che non mi convince del tutto... Lo stile alla Pennac del miglior Maloussene si combina con un surrealismo alla Benni ...per cui ho coniato uno pseudonimo per Nicoletta Vallorani: Bennac!

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione