Anno edizione: 2018
In commercio dal: 8 marzo 2018
Pagine: 299 p., Brossura
  • EAN: 9788893880749
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Torna Raul Montanari con una storia di bullismo, manipolazione e cyberbullismo all'interno di una scuola di periferia, La vita finora. Al centro della vicenda, Marco Laurenti, un giovane professore delle medie convinto di essere un cattivo insegnante ma che di fronte al Male...

«Montanari entra nell’animo umano e ci si fa largo, fotografando quello che vede.» - Valeria Parrella

«La paura che provo di fronte al mutamento antropologico delle nuove generazioni, alla loro anaffettività e anestesia sociale, di cui vedo tracce sia nei ragazzi che conosco personalmente sia nelle cronache dei giornali, mi ha suggerito il personaggio di Rudi, il sedicenne geniale e sociopatico in cui Marco cercherà fino all’ultimo un’umanità che nonostante tutto gli sembra di intravedere.» - Raul Montanari

È l’autunno del 2016. Marco Laurenti, trentacinquenne professore delle medie con un passato di sofferenze famigliari e un presente di precariato sconfortante, parte da Milano per un incarico in un piccolo paese, in cima a una valle isolata dove la natura è prepotente e gli uomini ancora di più. Marco sospetta di essere un cattivo insegnante e un’anima piena di ombre. Ma quando arriva il momento sa battersi come un eroe contro il Male nella sua incarnazione più spaventosa: un allievo, figlio dei nostri tempi devastati dall’idiozia tecnologica, che manipola compagni e adulti, plagia due ragazzine fino a ridurle a schiave sessuali, bullizza e cyberbullizza, usa i social per realizzare una supremazia fredda, terribile, disumana. Di fronte a lui perfino il Male tradizionale, che nella storia ha il volto di un ex criminale di guerra, sembra un retaggio del passato, più doloroso che minaccioso. Questo drammatico scontro fra generazioni, combattuto sull’orlo di una frattura che percorre tutta la realtà in cui viviamo oggi, non potrà non contare le sue vittime e molti nodi rimarranno irrisolti. Per ricordarci che, in battaglie come quella raccontata in queste pagine, perfino la vittoria non sempre lascia in bocca il sapore rassicurante dell’happy end.

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    guido

    03/12/2018 11:20:00

    Montanari al solito scrive bene, molto bene. I primi capitoli sono potenti: il viaggio del professore quasi come un tenente Drogo. Il finale a tratti frettoloso, banalmente stonato, ha lasciato un sapore di occasione persa.

  • User Icon

    Antonio Cutrupi

    31/08/2018 09:37:14

    Consigliato dal grande Gian Paolo Serino leggo per la prima volta Montanari. Che dire, il genio di Serino si conferma tale anche quando consiglia letture e non solo per la loro modernità tematica ma anche per la scrittura veloce e primitiva che arriva al dunque, subito, senza fronzoli. La società liquida e in liquidazione che viviamo costantemente attaccati ai nostri smartphone ci avviluppa in mondi irreali, surreali e meccanicizzati che poco hanno a che vedere con l'umano che è in noi. Di particolare rilievo la figura del padre silenzioso e discreto che dopo i propri lutti e le proprie atrocità si rifugia in una vita di silenzio e di meditazione dolorosa coltivando il sogno di proteggere la figlia, il migliore personaggio del romanzo secondo me. Complimenti.

  • User Icon

    Chiara

    30/08/2018 09:37:37

    Ho apprezzato molto lo stile della scrittura ma la trama è assurda. Il pregiudizio che gli abitanti di piccoli paesi isolati siano perlopiù pazzi e che in queste zone non esistano le forze dell'ordine l'ho trovato veramente di cattivo gusto.

  • User Icon

    lela casini

    13/07/2018 10:51:52

    Veramente bello, interessante e ben scritto. Il tema del bullismo in senso lato è di grandissima attualità, ma antichissimo. La crudeltà degli adolescenti è nota a tutti, anche a coloro che hanno vissuto in ambienti più protetti. Il microcosmo che Montanari descrive è quello di un paesetto di montagna, con buoni e cattivi. Forse se devo trovare una pecca è quella di aver presentato i buoni tutti molto deboli o arrendevoli, e i cattivi potenti nella loro arroganza. Poi ci sono i due personaggi forse più interessanti, il vicino di casa del protagonista e il terribile e infelice Rudi. Da leggere.

  • User Icon

    n.d.

    05/06/2018 15:11:45

    Storia di ambientazione originale, ma non il migliore lavoro di Montanari

  • User Icon

    n.d.

    05/06/2018 12:43:17

    Montanari usa l'attualità per confezionare un buon romanzo. Tanto mestiere, risultati godibili. Consigliato.

  • User Icon

    Paola

    31/05/2018 21:36:13

    Bella lettura. Lo consiglio.

  • User Icon

    Alessandra

    08/04/2018 17:41:31

    Da leggere, come sempre. Una storia coinvolgente scritta benissimo. Tanti gli spunti di riflessione.

  • User Icon

    Fausta

    23/03/2018 15:23:39

    Un libro intenso, coinvolgente e che fa riflettere! Vi si rispecchia appieno la superficialità, l'indifferenza e la poca consapevolezza del male di questa giovane generazione. Consigliato soprattutto a chi ricopre il difficile ruolo di genitore.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Questo romanzo affronta l’usatissimo tema del bullismo da una prospettiva particolare, quella di un giovane professore precario. Marco ha trentacinque anni, dei trascorsi complicati con la famiglia d’origine e un urgente bisogno di stabilità economica. Quando gli viene proposta una cattedra annuale all’istituto Mazzoli, la scuola media di un piccolo paese isolato tra le montagne lombarde, non può permettersi di fare lo schizzinoso. Fin dal suo primo giorno in valle, però, si troverà a fare i conti con una situazione ai limiti del surreale. Tra i suoi studenti, che si appostano fuori dalla galleria del paese per assaltare le macchine come gli indiani con le diligenze, ce n’è uno, Rudi, che sembra la personificazione del male. Insieme ai compagni ha creato la setta del dio serpente Bilial, poco più di un pretesto per le orge e la cocaina, più facili da giustificare con le ragazze se ammantate da un alone di esoterismo. Rudi è ovviamente il leader indiscusso del suo gruppo: con lui, Marco è costretto a una continua partita a scacchi, da cui spesso esce con le ossa rotte. Intorno alla sicurezza dei ragazzi – nella fattispecie a quella di Chiara, la più giovane di loro nonché bersaglio preferito di Rudi – si gioca una battaglia che coinvolge tutto il paese. Dalla parte di Marco ci sono una collega, il vecchio e sfiduciato preside, un prete decisamente interventista e, personaggio chiave, il misterioso vicino di casa, un exmaggiore dell’esercito jugoslavo. Montanari, le cui abilità di scrittore midcult ormai ben conosciamo, ha lavorato con successo sul congegno narrativo(...). Nel romanzo c’è spazio per lo sviluppo ordinato della trama e per le incursioni nel passato di Marco, dal quale ricaviamo profondità e fili rossi tra il prima e l’ora. Tutto è calibrato come una bomba a orologeria, con i colori e i toni che si incupiscono mano a mano che ci si avvicina alla scena risolutiva: lì la vicenda della Vita finora si fa allegoria, i nomi comuni si ritrovano all’improvviso la maiuscola delle grandi occasioni e scendono in campo i valori, la storia, il coraggio.

Recensione di Matteo Fontanone