copertina

La vita e le lettere

Giacomo Leopardi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: Nico Naldini
Editore: Garzanti
Collana: I grandi libri
Anno edizione: 2020
Formato: Tascabile
In commercio dal: maggio 2020
Pagine: 706 p., Brossura
  • EAN: 9788811813361

€ 11,40

In uscita da: maggio 2020

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La lettura del ricco epistolario del poeta di Recanati apre la strada alla scoperta di un Leopardi veritiero, lontano dal polveroso nozionismo della critica e dai luoghi comuni scolastici. Un uomo prima ancora che un poeta, con un bagaglio di illusioni e delusioni spesso lontane dal dolce, melodioso afflato dei versi; un "giovane favoloso" che rivela debolezze, apre il proprio cuore alle persone amate e ha una terribile paura di vivere una vita fatta solo di solitudine e "studio matto e disperatissimo". Le lettere, che abbracciano l'intero arco di vita del poeta, rappresentano un diario appassionato e coinvolgente del vivere quotidiano, segnato dalla ribellione alle convenzioni sociali, dal progressivo allontanarsi dalla famiglia alla ricerca del sole mediterraneo, del vivifico contatto con la forza di quella natura che - nelle Operette morali - aveva tacciato di essere una "cattiva madre".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Giacomo Leopardi Cover

    Primogenito del conte Monaldo e di Adelaide dei marchesi Antici, crebbe in un ambiente politicamente e culturalmente retrivo, del cui conformismo non tardò a soffrire. Ricevette la sua prima educazione dal padre (il quale coltivava interessi letterari ed eruditi) e da precettori ecclesiastici, ma presto continuò gli studi per conto proprio nella ricca biblioteca paterna, perfezionandosi nella conoscenza del latino e imparando da solo il greco, l’ebraico e alcune lingue moderne. Risalgono a questo periodo (1808-16 ca) le sue versioni di Esiodo, degli Idilli di Mosco, del primo libro dell’Odissea, della Batracomiomachia, e la composizione di rime bernesche, di due tragedie, di poemetti biblici, di dissertazioni filosofiche, di opere erudite come la Storia dell’astronomia... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali