La vita secondo Woody Allen

Stuart Hample

Traduttore: G. Baldoni
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 4 novembre 2010
Pagine: 239 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788876382048
Disponibile anche in altri formati:

€ 24,65

€ 29,00

Risparmi € 4,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

25 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 
 

Nel 1976, anno precedente al successo planetario di Annie Hall (Io e Annie), Woody Allen accettò di diventare un personaggio a fumetti per opera della matita dell'allora già affermato disegnatore Stuart Hample. Ne nacque Inside Woody Allen, striscia giornaliera che conobbe, fino al 1984, un buon successo sui quotidiani e le riviste di tutto il mondo (da noi apparve sul mensile "Eureka!") e permise al comedian di ampliare il suo pubblico, facendo entrare la sua dramatis persona di schlimazel nevrotico ancor di più nell'immaginario collettivo. Ora, a pochi mesi dalla scomparsa di Hample, approda anche in Italia un'antologia delle migliori strip di Inside Woody Allen: accanto all'universo alleniano che ci è noto dal grande schermo (la yiddish mama, le donne, le paure, i sogni, il lettino dello psicoanalista), si trovano perle di humour sofisticato che non fanno rimpiangere i più celebrati Peanuts o Doonesbury ("Dottor Helmholtz, gli uomini nello stato di natura sono selvaggi – come pensava Hobbes – o creature innocenti e amorevoli – come pensava Rousseau?" "Dipende. Nei giorni feriali aveva ragione Hobbes. Nei weekend, Rousseau"). Alcune delle strisce migliori rimangono tuttavia nell'introduzione, senza traduzione dall'inglese. Woody Allen collaborò al progetto, ma solo parzialmente e "dall'esterno", fornendo materiale di ottimo livello, benché non sempre inedito. Si spiega così la verve discontinua delle strip, il cui unico responsabile, pur avvalendosi anche del gag scritte da David Weinberger, è sempre stato Hample, firmatosi per i primi due anni con lo pseudonimo Joe Marthen. Il volume risulterà comunque interessante per chi ama e già conosce bene Allen, non fosse altro che per la premessa autobiografica di Hample, in cui ricorda l'incontro e l'amicizia con Woody, e per la possibilità di ammirare qualche pagina del taccuino dove Allen appunta, corregge e rifinisce le sue battute.
Emanuele Miola