Viva l'Italia! Risorgimento e Resistenza: perché dobbiamo essere orgogliosi della nostra storia

Aldo Cazzullo

Editore: Mondadori
Collana: Frecce
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 26 ottobre 2010
Pagine: X-157 p., Rilegato
  • EAN: 9788804603283
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
La Resistenza non è di moda. È considerata una "cosa di sinistra". Si dimentica il sangue dei sacerdoti come don Ferrante Bagiardi, che volle morire con i parrocchiani dicendo "vi accompagno io davanti al Signore", e dei militari come il colonnello Montezemolo, cui i nazifascisti cavarono i denti e le unghie, non i nomi dei compagni. Si dimentica che i partigiani non furono tutti sanguinari vendicatori ma anzi vennero braccati, torturati, impiccati ed esposti per terrorizzare i civili; e che i "vinti", i "ragazzi di Salò", per venti mesi ebbero il coltello dalla parte del manico, e lo usarono. Neppure il Risorgimento è di moda. Lo si considera una "cosa da liberali". Si dimentica che nel 1848 insorse l'Italia intera. Oggi è l'ora della Lega e dei neoborbonici. L'Italia la si vorrebbe divisa o ridotta a Belpaese: non una nazione, ma un posto in cui non si vive poi così male. Invece l'Italia è una cosa seria. È molto più antica di 150 anni; è nata nei versi di Dante e Petrarca, nella pittura di Piero della Francesca e di Tiziano. Ed è diventata una nazione grazie a eroi spesso dimenticati. Aldo Cazzullo ne racconta la storia. Respinge l'idea leghista e la retorica del Belpaese. Prefigura la nascita di un "partito della nazione". E avanza un'ipotesi: che in fondo gli italiani siano intimamente legati all'Italia più di quanto loro stessi pensino. Prefazione di Francesco De Gregori.

€ 9,25

€ 18,50

Risparmi € 9,25 (50%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:

€ 9,99

€ 18,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Dario c.

    25/01/2014 14:08:17

    Da leggere necessariamente: anche se Cazzullo non è uno storico, ha lo stesso rigore. L'autore ricorda a noi Italiani i nostri pregi, la nostra generosità ed i nostri difetti, e ci esorta a non perderci di coraggio anche sulle note della canzone risorgimentale "Addio, mia bella addì, addio".

  • User Icon

    giorgio g

    11/12/2012 10:28:26

    All'autore non si può negare un immenso amore per la nostra Patria che estrinseca lungo tutte la pagine del suo libro in cui percorre a passo di carica il nostro Risorgimento, la prima guerra mondiale, la Resistenza. Cose forse già risapute ma raccontate - e questo è un grande pregio - senza quella retorica che molto spesso rovina questo genere di opere.

  • User Icon

    Federica Tomasi

    30/03/2011 11:46:56

    Un bellissimo libro! Peccato ci siano solo due commenti: la gente preferisce leggere solo romanzi, a volte eccessivamente strombazzati? Chi lo sa, comunque un libro che si potrebbe proporre anche a scuola. Da leggere.

  • User Icon

    Gi

    07/02/2011 16:57:29

    Un libro non scritto da uno storico ma che tocca, se pur in modo sommario, i momenti più significativi della nostra storia patria. Non sarebbe strano avvicinarsi a questo libro con una scorta della solita retorica; errore. Vengono raccontati i fatti, almeno in parte, ne più ne meno di come si potevano leggere, ai miei tempi, sui libri di storia di allora, tanti lustri fa. Siamo un popolo malato di esterofilia; tutto ciò che ha avuto origine oltre confine, è bello. Si dovrebbe sapere che all'estero quasi tutti conoscono i fatti salienti del loro paese; noi inarchiamo un sopracciglio, quando va bene, al minimo accenno di storia e di politica. Non ci dice, direbbe, quindi nulla di nuovo ma va letto; se non altro per rinfrescare le nostre nozioni di base.

  • User Icon

    claudio

    03/01/2011 10:24:21

    Ennesimo bel libro di Cazzullo, questa volta incentrato sulla nostra povera Italietta, o almeno è quello che ritengono ad esempio i leghisti. Bisognerebbe far leggere alcune pagine nelle nostre scuole.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione