Categorie

Tom Clancy, Grant Blackwood

Collana: Narrativa
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 846 p. , Brossura
  • EAN: 9788817052481

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giuseppe Florio

    08/03/2016 22.17.44

    Col cambiamento dei tempi, cambia anche il crimine. Il bipolarismo del secondo dopoguerra è ormai superato, e la religione torna ad essere l'alibi principale per l'ottenimento della supremazia. È l'Emiro questa volta a rappresentare il nemico numero uno del mondo occidentale. A capo dell'URC, Umayyad Revolutionary Council, la rete terroristica di matrice islamica, l'Emiro è il responsabile dell'attacco al World Trade Center, ed ha in mente un piano ancor più diabolico per devastare totalmente la potenza americana. Una potenza, in mano all'incapace capo del governo Edward Kealty. Ad occuparsi del nemico, sono i membri del Campus, una società segreta nata con l'approvazione dell'ex presidente degli Stati Uniti Jack Ryan, il quale considera l'importanza di tornare ad occupare lo Studio Ovale alla Casa Bianca per il bene dei suoi connazionali. Grazie alla possibilità del Campus di intercettare le varie comunicazioni fra le agenzie di intelligence, i fratelli Caruso, Jack Ryan jr, John Clark e Domingo Chavez, danno la caccia al nemico attraverso la composizione di un complesso puzzle. Dalla Libia alla Svezia, dal Brasile all'interno di varie città americane, i protagonisti seguono una scia che lascia dietro di sé un considerevole numero di vittime, prede di un atroce gioco tra personaggi misteriosi dalla crudeltà immane. Inserito nella serie Jack Ryan, questo romanzo in collaborazione con Grant Blackwood mostra uno stile diverso. Molto veloce soprattutto nell'azione, con meno dettagli tecnici e una caratterizzazione dei personaggi a mio avviso un po' piatta rispetto alla loro nascita nei testi precedenti dello zio Tom. In questo caso i protagonisti sembrano assumere un po' troppo le vesti dei supereroi, nonostante lo svolgimento dei fatti sia abbastanza verosimile. Per il resto, buono il contenuto, con l'utilizzo di un linguaggio semplice, e rappresenta quindi una valida lettura per chi non ha cominciato la serie in ordine cronologico ma che ama comunque il genere.

Scrivi una recensione