Categorie

Andrea G. Pinketts

Editore: Feltrinelli
Edizione: 6
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
Pagine: 240 p.
  • EAN: 9788807812767

Lazzaro Sant'Andrea, sotto lo pseudonimo di Dottor Totem, specialista in tabù, riceve nel suo studio una varia umanità che lo crede cartomante, sessuologo, pranoterapeuta. In realtà lui, picaresco e freudiano quasi trentenne, attende la propria nemesi. Gli si presenta sotto forma di due novantenni di sconvolgente bellezza, i quali gli rivelano che la propria bambina, Branka, dopo aver vinto un premio di bontà, è diventata "una carogna pazzesca": avvelena i piccioni in piazza del Duomo. Lazzaro, attribuendo alla tarda età dei genitori i problemi della piccola, chiede di vederla. Branka gli si presenta tutta Barbie e boccoli ma depositaria di un atroce segreto. Stanca di avvelenare piccioni, punta a una vittima più gustosa: l'uomo. Branka ha il vizio dell'agnello, sordido, nascosto: quello della vittima sacrificale ma... con le zanne. Una Milano allucinata dei tardi anni ottanta è lo scenario in cui si muovono Lazzaro e la sua corte dei miracoli.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ELENA P.

    07/09/2012 09.00.34

    Una lettura quasi inutile, non vedevo l'ora di finirlo e non ci riuscivo mai..

  • User Icon

    superga

    05/01/2006 17.23.43

    pinketts non delude mai. Abilità narrativa stupefacente, sottile umorismo e un grande intreccio logistico della storia supportato da un finale imprevisto. unico nel suo genere...

  • User Icon

    Ceia

    30/07/2005 16.36.59

    Chi ha già letto qualcosa di Pinketts non ha certo bisogno di altre parole per esser spinto (o non spinto) a buttarsi in un altro suo libro. Pinketts è così: lingua tagliente, umorismo persin grottesco, battute che non hanno solo un doppiosenso ma un triplo, lieve malinconia di sottofondo. Può non piacere, può irritare, può risultare addirittura odioso. A me piace. E molto. Il vizio dell’agnello non è che sia proprio un thriller, no, è una storia – strana – con qualche morte di mezzo, ed è anche, forse soprattutto, la fotografia di una città, Milano – fotografia di quelle scattate con qualche filtro, magari un filtro colorato, o un filtro che sfoca leggermente. Vabè. Milano è definita dall’autore come una città di pazzi e di cani… e vi assicuro che, per come la racconta lui, pare che sia tutto vero. Bene, con Pinketts si ride, molto, per quel discorso che lui “fa sempre un po’ lo scemo”, però, in questo libro, ho notato più amarezza, ho letto racconti di solitudini, di incomprensioni. Forse è per questo che, a me, è piaciuto di più rispetto a Lazzaro vieni fuori. C’è da dire, però, che aspetterò un po’ prima di leggere un altro dei suoi libri… ho bisogno di disintossicarmi da questo autore così invadente

  • User Icon

    massimo

    02/03/2004 16.19.16

    orrendo.

  • User Icon

    Francesco Rosano

    03/12/2003 19.57.30

    Non all'altezza di lazzaro vieni fuori, ma comunque tra alti e bassi un buon libro.

  • User Icon

    moneo

    07/04/2003 17.58.23

    il libro parte a 1.000, poi cade verso la pagina 70. Si riprende e poi ricade. Così per 3 o 4 volte. Un buon libro.Soprattutto perchè bella la storia. Decisamente lontano da Lazzaro vieni Fuori. Poche donne, troppe paranoie.

  • User Icon

    baol

    16/01/2003 23.44.58

    Un passo indietro rispetto al notevole “Lazzaro vieni fuori”. Troppi personaggi per un romanzo cosí breve, troppe ambizioni forse, un accentuato egocentrismo. Godibile, ma non lascia traccia.

  • User Icon

    il colonnello

    11/11/2002 21.22.35

    notevole e divertente, opera seconda di un grande scrittore; ad un passo dalla perfezione, quella perfezione che raggiungerà in un solo anno. Non c'è da aggiungere altro, il vizio dell'agnello: un libro come pochi

  • User Icon

    Andrea

    20/12/2001 13.08.27

    Tempo fa a Milano Pinketts tenne la presentazione di un film, per lo più amatoriale. Al termine ebbi la possibilità di fargli alcune domande, come: "La G. nel tuo nome per cosa sta?" e lui : "Genio". Non aggiungo altro, è un grande!

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione