Voci dalla guerra civile. Italiani nel 1943-1945 - Luigi Ganapini - copertina

Voci dalla guerra civile. Italiani nel 1943-1945

Luigi Ganapini

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Il Mulino
Collana: Storie italiane
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 20 settembre 2012
Pagine: 309 p., Brossura
  • EAN: 9788815237859
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 19,55

€ 23,00
(-15%)

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Voci dalla guerra civile. Italiani nel 1943-1945

Luigi Ganapini

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Voci dalla guerra civile. Italiani nel 1943-1945

Luigi Ganapini

€ 23,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Voci dalla guerra civile. Italiani nel 1943-1945

Luigi Ganapini

€ 23,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una ricostruzione di spessore dei grandi eventi del terribile biennio 1943­1945 in cui un sensibile storico, Luigi Ganapini, intesse ­ tanto che le pagine davvero "parlano" ­ le voci di chi, da una parte e dall'altra, quegli eventi si trovò a vivere. Brani di diari e memorie dell'Archivio Diaristico di Pieve Santo Stefano danno vita, respiro, colore, speranza, dolore ai momenti che segnarono la guerra civile degli italiani: 25 Luglio, 8 Settembre, la rottura col Fascismo, l'immagine del "nemico", la Resistenza e la Repubblica sociale, l'esperienza della deportazione e dei lager, l'attesa e la partecipazione dolente di chi rimaneva a casa, ad aspettare, a patire, a sperare. Le anime, e l'anima, di una nazione che nell'autunno 1943 pareva destinata a scomparire. Non scomparve. Quelle voci di allora, raccolte con passione e rispetto da Luigi Ganapini, parlano agli italiani di oggi.
  L'Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano è da anni una fonte per gli storici dell'Italia contemporanea, come dimostrano i volumi pubblicati nella collana edita presso il Mulino in cui si inserisce l'ultimo libro di Ganapini, uno dei maggiori conoscitori (cfr. La repubblica delle camicie nere, Garzanti, 1999) del tragico periodo 1943-1945. Non stupisce quindi come Ganapini sia in larga parte riuscito nel difficile proposito, enunciato nella nota posta in questo volume, di accostarsi con rispetto alle vicende narrate nelle testimonianze esaminate, collocandole con attenzione, ma senza pretesa di giudizi definitivi, nel quadro storico della guerra civile, dominato "dall'incertezza, dalla precarietà quotidiana e dalla imprevedibilità del potere". Si tratta, in definitiva, del tema fondamentale del rapporto memoria-storia (in questo caso, del fascismo e della guerra e della loro influenza sulla coscienza civile dell'Italia repubblicana), che l'autore tratta con sensibilità per le singole soggettività, anche attraverso ampie citazioni, tenendo però sempre presente l'oggettività della realtà storica. Ne emergono quindi, pur nella difficoltà di valutare quanto la memoria abbia lasciato sedimentare, lo sconcerto dopo il 25 luglio e, ancor di più, dopo l'8 settembre, le diffidenze verso l'alleato-nemico tedesco, l'immagine del "buon italiano" come forma di autoassoluzione, le molteplici ragioni (politiche, morali, familiari) delle varie scelte, nella Resistenza, nella Rsi, nell'attendismo della "zona grigia", rispetto a quanto già acquisito negli ultimi anni dalla storiografia. Quella che si riscontra è inoltre una sorta di tipologia delle emozioni vissute dagli abitanti delle città e delle campagne, in quei terribili anni di guerra in cui viene rotta drasticamente la quotidianità della vita e delle sue abitudini (anche se, naturalmente, si continua a innamorarsi, come mostra il capitolo sul tema). La parte finale del libro, forse la più importante perché segnala "temi e problemi che ebbero non scarso rilievo nel modellare la percezione e il ricordo della guerra" negli anni successivi, è dedicata alle numerose memorie dei deportati in Germania, per ragioni politiche, razziali o religiose, o dei militari del regio esercito catturati dopo l'8 settembre (gli Imi, internati militari italiani, i cui diari testimoniano la difficile scelta di non cooperare con l'ex alleato tedesco) o anche uomini rastrellati a caso dalla Wehrmacht e dalle SS (sempre con l'attiva collaborazione dei repubblichini di Salò) per costituire forza lavoro coatta a disposizione dell'industria o dell'agricoltura tedesca ("Essere italiani all'estero è sempre stato difficile, persino in lager dove si era tutti disgraziati allo stesso livello", nota con accortezza e persino con ironia uno di essi). Le "leggi occulte" dell'universo concentrazionario, le terribili sofferenze ivi patite, sono descritte con impressionante vividezza e lucidità, talora ad anni di distanza dai fatti, nei diari citati da Ganapini. Sono le pagine più belle del libro, pur nella loro disperazione, poiché davvero parlano di un'"altra Resistenza" in cui, come scrive un deportato a Mauthausen, "resistere agli 'altri' era più che solidarietà, era un bisogno di sentirsi ancora vivi, ancora forti".   Giovanni Scirocco  
Note legali