Categorie

Ronald H. Balson

Traduttore: L. Ferrantini
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2014
Pagine: 420 p. , Rilegato
  • EAN: 9788811682998

Finalista Premio Bancarella 2014

Come un fulmine a ciel sereno il male balena improvvisamente nella vita della giovane Jennifer, medico specializzando di Chicago e di suo nonno, Elliot Rosenzweig. Lui è uno dei “Grandi Benefattori” della città e si trova, come ogni anno quale ospite d’onore, alla première della Civic Opera House. Al suo fianco, in uno splendido abito, la sua nipote prediletta e più in là il sindaco della città, da cui è sempre stato tenuto in altissima considerazione. Ma basta un attimo perché la situazione precipiti. All’improvviso un uomo anziano e sconosciuto, Ben Salomon, si avvicina a Elliot Rosenzweig con una pistola in pugno e lo minaccia platealmente di morte. La sua accusa è pesante come un macigno: l’uomo insigne, il benefattore della città di Chicago, in realtà è Otto Piatek, un ex gerarca nazista sfuggito in America dopo la guerra, un uomo che ha sterminato molti ebrei in Polonia e si è appropriato di tutti i loro beni.
La sicurezza del teatro fa appena in tempo a bloccare Ben Solomon per farlo arrestare, mentre il signor Rosenzweig dovrà presto difendersi, rilasciando numerose interviste alla tv locale, dalle accuse infamanti di quello che a tutti sembra soltanto un “vecchio pazzo”.
Ma nessuna dichiarazione, nessun giuramento pubblico sarà in grado di sciogliere il dubbio che inizia a insinuarsi nella comunità e nella famiglia di Elliot Rosenzweig: è possibile che lui non sia un benefattore, un uomo probo, reduce a sua volta dai campi di sterminio, ma al contrario, un criminale nazista?
Per difendersi e, allo stesso tempo, per comprendere fino in fondo la personalità di colui che si comporta come un folle, Rosenzweig si rivolge all’investigatore Carl Wuld, fondatore della Regengy Investigation, chiedendogli di scavare nel passato di Bel Solomon ma anche, e soprattutto, di cercare qualunque informazione disponibile su questo fantomatico Otto Piatek, se è realmente esistito, dove ha vissuto e, soprattutto, se è morto. Nello stesso tempo Ben Solomon, fuori di prigione a seguito del ritiro della denuncia da parte di Rosenzweig, decide di intentare una causa contro il magnate. L’accusa naturalmente non potrà essere quella di genocidio, né quella di scambio di persona, l’uomo crede tuttavia di poter dimostrare che Rosenzweig si sia impossessato di tutti i beni della sua famiglia.
Un’impresa davvero difficile per Liam Taggart e Catherine Lockart, i due giovani avvocati incaricati di compiere le indagini per conto di Ben Salomon. Rosenzweig è un personaggio intoccabile, tutti hanno assistito in diretta all’aggressione che ha subito e tutti hanno potuto apprezzare il suo gesto di magnanimità quando ha ritirato la denuncia. Come si può accusare un personaggio del genere di un reato tanto vile?
Certo la storia del giovane reduce da un campo di sterminio che nel giro di pochi anni accumula una ricchezza di quelle proporzioni potrebbe destare qualche sospetto e forse il vecchio Ben non è un pazzo visionario come sembra. Per scoprirlo è indispensabile ascoltare tutto quello che Ben ha da dire e tornare indietro nel tempo, nella Polonia del 1933, dove tre ragazzi Ben, Otto e Hannah, crescono insieme come fratelli.
È in questo modo che nella fitta e intricata trama di questo romanzo, cominciano a intersecarsi due piani narrativi, la Polonia della seconda guerra mondiale, i villaggi, il lager e le aule del processo che ne seguì, e la sfavillante Chicago dei giorni nostri. Un’indagine avvincente, che porterà in fondo a un segreto e a una tesi che sembra impossibile da sostenere, perché lontana nella memoria e nella storia. Un romanzo che si legge tutto d’un fiato, un nuovo entusiasmante caso editoriale frutto del passa parola dei lettori capace di trascinarci, con una forza inedita, verso una sconcertante scoperta.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    claudio

    22/11/2016 16.52.35

    Storia se vogliamo paradossale, ma che si è verificata spesso, sia negli Stati Uniti, sia in Sudamerica dove si erano rifugiati dopo il crollo del nazismo moltissimi criminali. Qui siamo a Chicago, dove un magnate ebreo, grande benefattore della città, viene riconosciuto da un compagno di gioventù come criminale nazista, sfuggito con l'oro e i preziosi rubati agli ebrei. E inizia la lotta fra questo personaggio, coperto da avvocati di grido, e il suo accusatore che ha al fianco un'avvocata giovane e il suo fidanzato, un investigatore privato. Oltre alla forza di volontà e alla presenza della moglie mancata qualche anno prima. Il colpo di scena finale lascia a bocca aperta. Sarà solo così che il nazista verrà smascherato, privato della cittadinanza americana e deportato in Israele per un giusto processo.

  • User Icon

    Elena

    02/09/2016 22.37.44

    Non è facile recensire questo libro, c'è molto da dire. Innanzitutto se ne è fatto un gran parlare quindi le aspettative erano molto alte. Personalmente mi è piaciuto, anche se ho trovato la parte centrale, quella storica, troppo prolissa nel descrivere per filo e per segno tutta la situazione degli anni della guerra. E' vero che questo è il cuore del romanzo e quindi andava trattato, però io avrei tagliato qualche pagina per non appesantire la lettura. La storia comunque è toccante, emozionante e scritta molto bene, il finale strappalacrime anche se forse un po' affrettato. Ottimi i personaggi, mi è piaciuto anche l'inserimento della storia d'amore tra l'avvocatessa e l'amico: questa parte è stata criticata da molti ma a mio parere ci può stare per alleggerire una storia altrimenti pesante, e comunque è molto marginale quindi va bene. A chi dice che il libro ha banalizzato un accadimento storico grave e importante rispondo che si tratta di un romanzo e in quanto tale ha romanzato la storia per renderla leggibile e godibile nonostante la spinosità dell'argomento trattato. Tirando le somme posso dire che il libro mi è piaciuto, è una lettura che mi sento di consigliare.

  • User Icon

    francesca

    23/08/2016 13.13.03

    sono perfettamente d'accordo con le critiche che stroncano questo "romanzo"/"operazione commerciale". Il voto 2/5 solo perché si legge facile come un racconto avventuroso. Un unico merito : mi induce , prestissimo, a leggere qualcosa di SERIO sull'olocausto.

  • User Icon

    Maura

    23/05/2016 17.32.25

    Non conoscevo l'autore anche perchè si tratta del suo primo libro. L'ho iniziato con sospetto perchè appassionata di altro genere di libri, ma già dalle prime pagine mi ha avvinto. Scritto molto bene, rende partecipe il lettore agli eventi. Si giunge alla fine in un baleno. Consigliatissimo

  • User Icon

    martinorg

    13/02/2016 11.28.58

    era dai tempi del libro dei miserabili che non leggevo un libro cosi',bello,emozionante,gia' dalle prime pagine si capisce lo spessore del libro,piu' volte mi sono ritrovato coi brividi,arrivando alla fine non sono riuscito a trattenere le lacrime,non mi capitava da molto tempo 10anni fa circa,appunto da Victor hugo.

  • User Icon

    dani70

    02/02/2016 06.20.41

    "ONCE WE WERE BROTHERS" (perchè questo è il titolo originale e quello italiano stona parecchio) è un romanzo che parla dell'orrore dell'Olocausto, che emoziona e fa soffrire. A me è capitato di dover chiudere il libro per riflettere, un po' come succedeva a Catherine che si vedeva costretta ad interrompere la narrazione di Ben perchè troppo triste. Da leggere.

  • User Icon

    MARIAGRAZIA

    15/12/2015 10.22.16

    Un libro veramente appassionante, non ho molto tempo per leggere ma ho ritagliato ogni momento possibile...non riuscivo a interrompere la lettura. Da tempo non leggevo un libro così bello!

  • User Icon

    selena

    28/09/2015 22.04.54

    Ho appena terminato la lettura di questo romanzo. Mi ritrovo in un fiume di lacrime.. Un libro veramente toccante che consiglio anche a un pubblico giovane come me per capire qualcosa in più di quelli che erano i tempi della guerra. Sicuramente un libro scorrevole con un ottima storia dietro..

  • User Icon

    roberto biselli

    20/07/2015 17.21.13

    La banalità del bene...su un difficile e ancora scoperto nervo del male prodotto dall'uomo-novecento, un libro di una banalità sconcertante, romanzetto quasi rosa, confuso, dalla trama impraticabile, efficace esclusivamente a coprire le atroci responsabilità di chi realmente ha coperto la verità dei vari genocidi e ha permesso ad autentici criminali nazisti di trovare sponda e copertura. Non sono questi ancora i tempi per edulcorare la realtà storica, ancora appena trascorsa, abbellendola con apparenti lieti finali strazianti. Veramente orribile e offensivo per le vittime del nazismo e la loro memoria.

  • User Icon

    lalla

    11/06/2015 08.29.44

    un libro coinvolgente, commovente ed emozionante. Bellissimo da leggere assolutamente.

  • User Icon

    annalisa

    09/04/2015 21.16.33

    Bellissimo ed emozionante. Vero che l'argomento sottostante è sfruttato vero anche che la storia non si riduce soltanto all'olocausto...l'unica vera pecca è il titolo...non capisco chi possa aver fatto un errore del genere

  • User Icon

    Pulcino65

    01/04/2015 11.37.27

    Personalmente il titolo originale "One we were brothers" (Quando eravamo fratelli) ril'avrei trovato più appropriato. Cmq devo dire veramente una bellissima storia pur trattando un argomento ormai trito e ritrito. L'ho trovato scritto bene, scorrevole, con la giusta capacità di catturare l'attenzione. Mi ha colpito molto la dolcezza di tutto quanto è stato raccontato e alla fine mi è proprio piaciuto e credo sarà uno di quei libri che si ricordano nel tempo, pertanto mi sento di assegnare un voto medio/alto.

  • User Icon

    Eros

    30/03/2015 10.47.00

    A mio avviso un ottimo esordio narrativo, che pur trattando un argomento molto sfruttato, riesce a creare una storia avvincente, mai banale o noiosa. L'unica pecca è il titolo, a mio avviso non rappresentativo del contenuto del libro e altamente fuorviante (io stesso non lo avrei acquistato se non mi fossi soffermato a leggere la trama). Infine concordo con chi lamenta l'attribuzuone dei voti: ricordo che non esistono solo votazioni massime o minime, c'è anche la via di mezzo. Quindi prima di mettere 1 a un romanzo, fate una valutazione sulla qualità media di tutti i romanzi che avete letto (e questo di sicuro non lo merita).

  • User Icon

    Tiziana

    10/03/2015 15.38.28

    non riesco a capire chi ha dato 1 a questo libro!! l'ho finito oggi ed è stato come salutare per l'ultima volta un amico... una storia toccante, commuovente ma allo stesso tempo coraggiosa e piena di speranza!! è "solo" un romanzo ma l'argomento trattato DEVE far riflettere.. lo consiglio col cuore..

  • User Icon

    Brunella

    03/02/2015 09.25.23

    Commuove, emoziona, coinvolge, appassiona. 400 pagine che ti prendono e non ti lasciano più. I salti dagli anni della guerra ai giorni nostri sono descritti in maniera superba e ti coinvolgono ancora di più. Mi ha preso il cuore e lo consiglio vivamente a tutti.

  • User Icon

    Bob Long

    09/01/2015 09.30.09

    Non conoscevo questo libro, così quando l'ho ricevuto in regalo sono andato a leggerne la trama sul retro, rimanendo affascinato dall'attesa di emozioni, forti, che mi aspettavo un autore capace sarebbe stato in grado di generare nel lettore attraverso lo sviluppo narrativo della storia e l'analisi introspettiva dei personaggi. Ancor più quando ho letto nella parte interna della copertina del grande e 'inatteso' successo di un'opera che sarebbe diventata capolavoro. Ecco, diciamo che se non ci fosse stata questa cronaca di successo annunciata, avrei considerato il libro mediocre, e non lo avrei recensito. Viceversa, ritengo che la strategia dell'autore e degli editori sia proprio quella di 'creare' un successo ad arte, laddove il successo autonomamente non sarebbe arrivato, il chè a mio parere rende questo non un libro, ma un'operazione di marketing. E questo è ancor più evidente, a mio modesto parere, quando si 'rilegge' la storia nel contesto commerciale. La trama di fatto non è originale (l'Olocausto) ma in grado di suscitare emozioni nel pubblico, il fine è scontato già dall'inizio, il bene che vince sul male, che genera il desiderio di lettura per avere conferme che quella in effetti sarà la fine, Davide contro Golia (la giovane avvocato che rinuncia a tutto per difendere 'la giustizia'), due storie d'amore (che non guastano mai) tra Ben e Hannah e tra l'avvocato e il detective. Tipico cocktail da film americano. Nulla di male, però manca una capacità narrativa che avrebbe generato le emozioni degne della storia, che avrebbe permesso al lettore di andare a fondo dell'animo umano e capire perché l'uomo possa essere così perfido, perché il 'male' riesca a sedurre (vedi Otto). Insomma, non dico che mi sarei aspetto una capacità di analisi dei personaggi alla Tolstoj, ma mi sarei accontentato di una suspense alla Dan Brown. Invece, a mio modesto parere e con tutto il rispetto di chi lo ha apprezzato, questo libro è tristemente banale (e commerciale).

  • User Icon

    alessandradifra

    29/12/2014 15.03.21

    Una storia emozionante, coinvolgente, commuovente. Più di 400 pagine lette in una settimana. Unico difetto, il titolo che fa pensare ad una sdolcinata storia d'amore tra adolescenti. Ma nulla di tutto ciò. Un libro la cui lettura consiglio vivamente.

  • User Icon

    roberta

    25/11/2014 09.49.56

    Un vero capolavoro! Uno stile di scrittura comprensibilissimo, scorrevole e mai noioso, nonostante l'argomento serissimo e la lunghezza del libro... e se non avete capito bene cos'è stata la shoah... beh, qui vi sembrerà di viverla un po' anche voi...

  • User Icon

    Alessia

    16/10/2014 09.09.40

    Mi è piaciuto. Scorrevole e appassionante. Da leggere.

  • User Icon

    Maurizio Ciarlatani

    13/10/2014 15.18.54

    Un premio meritato. Il racconto appassiona e commuove e i riferimenti storici non disturbano, anzi, aiutano a comprendere. Lo stile letterario inoltre è ottimo e scorrevole e i salti temporali comprensibili.

Vedi tutte le 55 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione