Week-end a Zuydcoote. Spiaggia infuocata (DVD)

Week-end à Zuydcoote

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Week-end à Zuydcoote
Paese: Francia
Anno: 1963
Supporto: DVD
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 10,39

€ 12,99
(-20%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 10,78 €)

Giugno 1940: travolte dai panzer, le truppe franco-britanniche si ammassano sulla spiaggia di Zudycoote in attesa di un imbarco per l’Inghilterra. Il sergente Julien Maillat trova posto su un cargo, ma la Luftwaffe lo cola a picco. Maillat torna da Jeanne, un’amica che vive in una villa dei dintorni, in tempo per uccidere un paio di sbandati che vogliono violentarla. I due sognano di fuggire insieme...
  • Produzione: War Movies Collection, 2019
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Note: nuova edizione - rimasterizzato in alta definizione
  • Durata: 117 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0);Francese (Dolby Digital 2.0)
  • Lingua sottotitoli: No
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Jean Paul Belmondo Cover

    Attore francese. Gli studi all’Accademia d’arte drammatica di Parigi gli aprono le porte di un’intensa attività teatrale e cinematografica. Atletico (è stato boxeur in gioventù), con un viso segnato eppure affascinante, «Bebel» (come viene soprannominato) conquista le platee internazionali nel 1960 con il ruolo del nevrotico protagonista di Fino all’ultimo respiro di J.-L. Godard, film manifesto della Nouvelle vague a cui presta la sua dinoccolata baldanza da «simpatica canaglia», e con quello del giovane intellettuale innamorato di S. Loren in La ciociara (1960) di V. De Sica. Negli anni seguenti ripropone personaggi al limite della sfrontatezza: sacerdote votato all’abnegazione e all’apparente insensibilità in Léon Morin, prete (1961) di J.-P. Melville, sergente francese cinico e disgustato... Approfondisci
  • Catherine Spaak Cover

    Attrice francese. Non ancora quindicenne esordisce sul grande schermo in una parte di sfondo nel cupo dramma carcerario Il buco (1960) di J. Becker, che le spalanca le porte del cinema. Nello stesso anno è chiamata da A. Lattuada, amico del padre (lo sceneggiatore Charles S.), per interpretare l’adolescente romantica protagonista dello «scandaloso» I dolci inganni (1960). Seguono pellicole che evidenziano il suo fascino acerbo e provocante grazie a ruoli a lei ben congeniali: è la ragazza sbarazzina che fa perdere la testa a un maturo U. Tognazzi nel satirico La voglia matta (1961) di L. Salce, la sedicenne fidanzata di un industriale attempato nel cinico Il sorpasso (1962) di D. Risi, la spregiudicata protagonista delusa dagli uomini nell’amaro La parmigiana (1963) di A. Pietrangeli, una... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali