Categorie

€ 5,19

€ 7,99

Risparmi € 2,80 (35%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ernesto

    03/01/2015 21.54.41

    Vi sembrerà eccessivo ma l'attacco alle torri gemelle ricorda in parte l'attacco aereo di Pearl Harbor il 7 Dicembre 1941. In entrambi i casi l'elemento predominante è stato l'effetto a sorpresa. 11 Settembre 2001, come l'alba di quel lontano giorno nelle isole Hawaii, anche l'isola di Manhattan si stava preparando ad affrontare il nuovo con la solita routine di sempre, ma da li a poco due Being 767 avrebbero scritto la storia più nera della storia americana e del mondo. Più che un film è un documento in memoria delle oltre 2.700 vittime cadute in quel vile attentato.

  • User Icon

    Mr Gaglia

    02/01/2015 17.51.10

    Un ticchettio di un orologio segna il tempo. Tutto a New York si muove, lavora, sorride, vive. D'improvviso un suono sordo, muto. Inizia l'inferno. "God bless America". Sì, "Dio benedica gli Stati Uniti". Questa è la visione di Oliver Stone di quel giorno terribile, indelebile nella mente di tutti gli Americani. L'11 settembre 2001 è stato l'unico atto di guerra perpetrato sul territorio statunitense. Il regista, basandosi sui racconti dei due agenti sopravvissuti, racconta la vicenda umana e universale di un popolo ferito (emblematica la ripresa aerea di Manhattan, con il fumo, come sangue, che esce dalle torri) e lo rappresenta nel buio delle macerie delle Twin Towers, quasi fosse nella giungla del Vietnam, che Stone ha vissuto in prima persona. Nicholas Cage non è molto distante da quei soldati che, per difendere il proprio paese, sono andati incontro a qualcosa di più grande di loro. I momenti terribili nelle tenebre, lo sporco sui visi, le macerie, si contrappongono alla celestiale luminosità dei volti delle famiglie in attesa e dei ricordi che passano velocemente davanti agli occhi dei protagonisti, per dirci che per non andare all'inferno bisogna avere un angelo custode. Questo impianto parallelo, a volte manierato, riduce l'impatto emozionale, che rimane comunque molto forte per le interpretazioni efficaci di Nicholas Cage e Michael Peña. World Trade Center è il manifesto di cosa ha rappresentato quel giorno per un popolo, quello americano, che conferisce grande importanza ai valori dell'amicizia, dell'amore, della famiglia. E Oliver Stone è, ancor prima di essere un regista, un cittadino degli Stati Uniti. Mi commuove ogni volta che lo guardo. Tragicamente stupendo!

  • User Icon

    Simone

    24/03/2014 10.52.16

    Visto ieri sera in assenza di qualche cosa di più decente, è un film per la televisione, da film che in presenza del regista di fama avrebbe dovuto essere di qualità più alta, troppi dopo questa vicenda né sono stati fatti e questo è fra quelli meno riusciti, in confronto a united 21 per esempio che è stato più piacevole.

  • User Icon

    Lorenzo

    27/02/2009 11.37.16

    E' il film più brutto che io abbia mai visto. E non lo dico soltanto perchè a recitarvi è il peggior attore in circolazione, quel nicolas cage che io boicotterei anche se facesse un film con il più grande reista vivente, ma perchè è un film gonfio di retorica a più non posso, politically correct fino al midollo e teso soltanto a dimostrare quanto sia bella l'america e le persone che la abitano. Viva Michael moore!

  • User Icon

    OskarSchell

    16/02/2009 10.24.21

    Senza lode nè infamia. Guardabile, ma non indispensabile.

  • User Icon

    paolo paolini

    04/12/2007 23.35.36

    Il Sig. Stone ha confezzionato un bel pacchetto ricordo per i familiari che partecipano tutt'oggi all'indimenticabile "Dolore"...Credo, anzi son sicuro che le belle immagini proposte non possano nemmeno avvicinarsi con il pensiero al "Totale" dolore che l'Umanità intera, quella che ha una Sensibiltà riconosciuta dalla scienza, ricorderà, assieme alle Famiglie, assieme a chi ha vissuto in prima persona..la "Vera" Tragedia del "MONDO"....Che il Presidente degli Stati Uniti possa Riflettere per il resto dei suoi giorni, che il Mondo intero possa non Dimenticare, che la "Vita" non si riduca ancora una volta in un "Film" firmato da un bravo regista...........che la VITA SIA ANCORA "LA VITA"..............

  • User Icon

    max

    06/09/2007 17.23.50

    Non mi è piaciuto. Sul tema dell'11 settembre è assai più riuscito il "documentario" United 93. Qui un grande regista scorda di esserlo, tracciando in maniera piatta un episodio marginale cui il grande evento fa solo da lontano contorno. Da Stone ci si poteva aspettare di tutto, dalla critica feroce per l'impreparazione di fronte all'attacco a qualche accenno (almeno) alle teorie del complotto. Invece niente, un buon cast sottoimpiegato per un film mediocre.

  • User Icon

    Michele Bettini

    16/05/2007 23.17.35

    Occorreva tanto coraggio per fare un film su un argomento così scabroso per chi è sopravvissuto. Soddisfare tutti e non superare le due ore era impossibile. Non potevano inserirsi momenti di divertimento, comicità e retorica. Questo descrive il dramma di un gruppo di soccorritori in servizio, sepolti dalle macerie, e di due sopravvissuti, anticipati e sopraffatti sistematicamente dagli avvenimenti. Il loro salvataggio ha del miracoloso, ma si tratta di un fatto vero. Non potendo dare giudizi si può di volta in volta soltanto confrontare questo lavoro con quelli che propongono lo stesso tema. Non era facile il compito di Stone. I giudizi negativi sono inclementi e fuori luogo.

  • User Icon

    Alessandra

    01/04/2007 09.34.43

    io trovo i commenti di alcune "persone" un pò di cattivo gusto. Non dimentichiamoci che questo film, non racconta una storiella inventata dagli effetti speciali. Bensì è la storia vera di due vigili del fuoco sopravvissuti ad un INFERNO.L'11 settembre 2001 avevo 15anni quando alle 15 del pomeriggio ora italiana, mentre guardavo la televisione sono state sommerse le reti di "edizioni straordinarie" per 2 aerei che avevano colpito le twin towers. Ora ho 21 anni, sono passati 6 anni da allora, ma è tutto ancora nitido e scioccante proprio quel giorno, quei giorni! Ora Olive Stone ha cercato con l'aiuto dei sopravvissuti, di riprodurre in un modo + vicino alla realtà, ciò che è successo: finiamola con sta storia dell'americanata, bla bla bla.. sono stupidaggini già sentite. Forse questo film dovrebbe far riflettere ulteriormente sulla tragedia di quel giorno, perchè credo che nessuno si renda veramente conto di che TRAGEDIA sia stata quella in America. E solo le persone vuote, non rimangono toccate da un simile evento! Come si fa a rimanere indifferenti a delle persone che si gettano da centinaia di metri dal vuoto perchè disperate e consapevoli che sarebbero morte in un modo o nell'altro?e tutti quei vigili del fuoco, che sono EROI a mio parere, che hanno perso la vita per aiutare tutte quelle migliaia di persone? crescete gente, crescete, e guardate meno le VELINE a striscia.

  • User Icon

    carlo

    26/03/2007 17.00.51

    Oliver Stone delude con un film che cerca di arrivare al cuore dello spettatore attraverso facili e banali espedienti, ma sbaglia strada. Stone punta tutto sulla drammaticità della storia ma non riesce nè a coinvolgere nè, tantomeno, ad emozionare. Film senza un'anima.

  • User Icon

    massimo

    22/03/2007 10.46.53

    Mah. Basato su una storia vera e forse per questo piatto e senza voli pindarici. Come ricostruzione cinematografica dell'11 settembre risulta nettamente superiore il pur documentaristico United 93. E' una telecronaca di una piccola storia a lieto fine in mezzo al disastro. Niente spettacolarizzazioni nel grattacielo stile Inferno di Cristallo, solo gente comune alle prese con un triste risveglio, dalle famiglie in attesa ai due marine volonterosi soccorritori (non a caso, Stone è un ex marine). Niente epica e poca retorica (in tutto il film si vede una sola bandiera americana, in un angolo e neanche sventolante). Anche il cast è sottoimpiegato: Cage si aggira per l'edificio in fiamme con aria svagata (alla fine senza salvare nessuno ...) e la Bello è meno incisiva del solito. Diciamo che se vi aspettavate un film alla "arrivano i nostri" avete sbagliato regista. Ma forse anche il regista ha sbagliato film: non una critica all'impreparazione generale (tranne la frase di Cage, per altro solo un sergente di polizia: "abbiamo piani per tutto, ma non per questo ..") alle basi dell'azione terroristica, alle implicazioni politiche.

  • User Icon

    dan

    21/03/2007 17.49.36

    Bel film!

  • User Icon

    NICOLA VERONA

    21/03/2007 13.25.13

    SU QUESTO FILM MI SENTO DI DOVER FARE ALCUNE PERSONALI CONSIDERAZIONE. IL FIL DESCRIVE IL PERCORSO DI DUE UOMINI SALVATI DALLE MACERIE. E' UNA STORIA VERA E QUASI MAI IL FIL SCENDE IN INUTILE RETORICA. HO APPREZZATO MOLTO IL FATTO CHE PARTA CON IL CROLLO DELLE TORRI SENZA VOLER ESSERE UN FILM-DOCUMENTARIO CHE PER FORZA DI COSE SAREBBE RISULTATO RICCO DI ERRORI IMPERFEZIONI O FALSE CREDENZE. TROVO CHE L'ATTENTATO ALLE TWIN TOWERS NASCONDA MANDANTI, COLLABORATORI COOPERAZIONI PROBABILMENTE AD ALTI LIVELLI IMPOSSIBILI DA IDENTIFICARE. PROBABILMENTE SOLO CHI L'HA COMPIUTO E CHI L'HA COMMISSIONATO CONOSCE TUTTI I COLPEVOLI E GLI INTERESSI CHE CI STANNO SOTTO. A QUESTO PROPOSITO STONE GIUSTAMENTE AA MIO PARERE NON ACCUSA NESSUNO, NON PARLA DEI COLPEVOLI, NON PARLA DEGLI ERRORI DELL'INTELLIGENCE AMORICANA, NON SI BUTTA AD INVENTARE COSE CHE NON ESIDTONO O CHE NON POSSONO ESSERE ANCORA AUTOREVOLMENTE CONFERMATE. UN VOTO ALTO A QUESTO FILM, A MIO PARERE L'UNICO CHE PUO' INTERPRETARE AL MOMENTO LA TRAGEDIA IN MODO CHIARO PER QUELLO CHE E' STATA.

  • User Icon

    gabriele

    19/03/2007 22.11.18

    Film mediocre, patetico... ma ovviamente ben confezionato per avere un sicuro impatto sul pubblico. Ma permettetemi di censurare un prodotto di Hollywood che cosparge di miele una delle montagne di macerie e di menzogne create dal governo americano! Oliver Stone... Where are you ??

  • User Icon

    maurizio

    26/02/2007 17.27.49

    Giudico il film mediocre, dalla regia alla sceneggiatura non trovo nulla che mi permetta di alzare il voto alla sufficienza. Questo film fa parlare di se solo perche è figlio di una tragedia che direttamente e indirettamente ha toccato le nostre coscienze e i nostri affetti, creando quel mix di sgomento e sofferenza da non permetterci di giudicare con il giusto distacco. L'amore per la patria (il riservista), il senso del dovere (il paramedico), la sofferenza (i poliziotti), li considero non correttamente rappresentati, quasi con sufficienza, style U.S.A., mi sarei aspettato una regia che desse profondità solo ad alcuni di questi aspetti.

  • User Icon

    EMY

    12/02/2007 09.56.32

    SPETTACOLARE! UNO DEI PIU GRANDI FILM DEL 2006, ANZI FORSE DELLA STORIA DEL CINEMA!

  • User Icon

    GERARDO MASONE

    05/02/2007 20.44.17

    Sembra uno di quei tristissimi film TV che ci propinano d'estate per colmare vuoti di programmazione. Oliver Stone ha sempre mostrato limiti registici evidenti anche nelle sue opere più riuscite, qui è semplicemente disinteressato al film e si limita mettere svogliatamente in immagini una sceneggiatura alquanto stracca (va comunque detto che questa anemia filmica è preferibile alle magniloquenti goffagini di "U-Turn" e "Alexander"). Non voglio infierire quindi sorvolo sulla recitazione di Nicolas Cage. Meglio Titanic!

  • User Icon

    Gabriele

    25/01/2007 10.34.24

    La triste storia la sappiamo tutti... Questo film però racconta un po'di gioia in mezzo a tanta tristezza, la ferita forse è ancora troppo aperta per poter fare un film che racconti solo l'immensa tragedia che ha colpito la grande mela... Ho visto questo film al cinema e giuro che quando si sentono cadere le torri si trattiene il fiato. E'angosciante com'è giusto che sia tale film. Mi ha colpito una cosa, alla fine della proiezione non ho mai assistito ad una sala tanto in silezio, nessuno parlava od aveva il coraggio di dire qualcosa di fronte a tanto dolore.

Vedi tutte le 18 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
  • Produzione: Paramount Home Entertainment, 2011
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 129 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese
  • Formato Schermo: 1,78:1
  • Area2
  • Contenuti: commenti tecnici: commento del regista Oliver Stone, dei soccorritori e di un sopravvissuto; scene inedite in lingua originale